latte di patate
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:23 Febbraio 2022

Sembra che quasi tutti gli alimenti a base vegetale vengano trasformati in “latte” in questi giorni, l’ultimo dei quali è il latte di patate.

Non sorprende che le patate siano state scelte come l’ultimo latte vegetale. Dopotutto, le patate hanno molti benefici per la salute perché sono ricche di importanti vitamine e sostanze nutritive. Ma sono all’altezza di altri latti vegetali popolari?

Contenuto proteico

Indipendentemente dal tipo di latte vegetale, contengono solo una frazione dell’ingrediente da cui derivano. Ad esempio, solo il 10% del volume di un cartone di latte di riso o di avena proviene da questi cereali. Le bevande a base di soia contengono tra il 5% e l’8% dei semi di soia effettivi e il latte di mandorle contiene solo il 2% delle noci effettive. Poiché il cocco utilizza la panna o il latte del frutto, ne contiene tra il 5% e il 13%, a seconda della cremosità del prodotto. E sulla base degli attuali prodotti a base di latte di patate là fuori, un cartone da un litro contiene solo circa 60 g di una vera patata, una patata piccola.

Il problema è che questi latti ora contengono molte meno vitamine e sostanze nutritive rispetto all’ingrediente crudo. Questo potrebbe renderli meno nutrienti di quanto sarebbero se avessi mangiato l’ingrediente intero.

Prendi le proteine, per esempio. Ingredienti come le mandorle sono naturalmente ottime fonti di proteine ​​contenenti oltre 20 g di proteine ​​per 100 g di mandorle.

Ma dopo la lavorazione, 100 millilitri di latte di mandorle contengono solo circa un grammo di proteine. Questa è in realtà la stessa quantità di proteine ​​che troveresti nella stessa quantità di latte d’avena, anche se l’avena contiene molte meno proteine ​​(13,5 g per 100 g).

Il latte di soia è migliore in quanto contiene più semi di soia rispetto al latte di mandorle. Infatti, il latte di soia fornisce circa 3-3,5 g di proteine ​​per 100 ml. Si tratta di tante proteine ​​quante ne ottieni nella stessa quantità di latte vaccino. E come il latte vaccino, il latte di soia contiene aminoacidi essenziali che il nostro corpo non è in grado di produrre naturalmente. Gli amminoacidi sono importanti in quanto assicurano il corretto funzionamento del nostro corpo, ad esempio aiutando i nostri muscoli a continuare a muoversi.

Le patate sono già povere di proteine. Ciò significa che dopo la lavorazione, il latte di patate contiene circa la stessa quantità di proteine ​​del latte di cocco e di riso, meno di 0,5 g di proteine ​​per 100 ml. Ma alcune marche di latte di patate integrano con proteine ​​di piselli, il che fa sì che una porzione da 100 ml abbia circa 1,3 g di proteine.

Quindi, se stai scegliendo il tuo latte vegetale per il contenuto proteico, potresti optare meglio per il latte di soia o di mandorle rispetto al latte di patate.

Zuccheri aggiunti

Come per il latte vaccino, anche i latti vegetali possono contenere zuccheri aggiunti. Siamo incoraggiati a limitare l’assunzione di zucchero aggiuntonon più di cinque o sei cucchiaini al giorno. Questo perché mangiare troppo zucchero è legato a un aumento del rischio di obesità e carie. Ma dato che molti prodotti vendono sia versioni zuccherate che non zuccherate, è più facile per qualcuno acquistare un prodotto che non contiene zucchero.

Il latte di patate zuccherato contiene circa 1,8 g di zucchero per 100 ml. Questo è un po’ meno di altri latti vegetali che contengono da 2 a 3,5 g di zucchero aggiunto per 100 ml. Quindi, in questa categoria, il latte di patate è al primo posto. Sebbene alcuni latti vegetali utilizzino zuccheri naturali della frutta, questo è ancora considerato zucchero aggiunto e dovrebbe essere limitato.

Contenuto grasso

Poiché le patate sono naturalmente a basso contenuto di grassi, il latte di patate avrebbe una consistenza più simile all’acqua. Questo è il motivo per cui viene aggiunto grasso extra. Una cosa simile si fa con il latte di riso e di avena, dove viene aggiunto olio (come quello di girasole). Questo aumenta il contenuto di grassi in modo che sia più vicino al latte parzialmente scremato (circa 1,5 g per 100 ml). Per il latte di patate si aggiunge olio di colza. Mandorla e soia tendono già a contenere grasso, quindi non viene aggiunto olio aggiuntivo.

Ciò significa che rispetto ad altri latti a base vegetale, il latte di patate è più ricco di grassi monoinsaturi, che si ritiene siano migliori per il tuo cuore. Sono anche a basso contenuto di grassi saturi rispetto al latte vaccino, che si pensa sia meno salutare per il nostro cuore.

Una “versione barista” delle alternative al latte deve contenere una combinazione di proteine ​​​​e grassi affinché il latte possa schiumare, quindi aggiungere un po’ più di grasso.

Vitamine aggiunte

Quando si tratta di vitamine e minerali, molti latti vegetali li hanno aggiunti, poiché semplicemente non ne contengono tanti quanto il latte vaccino naturalmente.

Vitamine come riboflavina, B12 e D insieme al calcio vengono aggiunte al latte di patate. Lo stesso vale anche per altri latti a base vegetale, anche se le versioni biologiche potrebbero non aver aggiunto vitamine spesso a causa delle regole del cibo biologico e del tentativo di mantenere l’etichetta pulita dagli additivi.

Poiché molti di noi lottano per ottenere abbastanza vitamina D – che è essenziale per la salute delle ossa e del sistema immunitario – e molti vegani e vegetariani possono avere bassi livelli di B12 (necessari per mantenere sani i nostri globuli e nervi) optando per alternative al latte con questi l’aggiunta di vitamine e minerali può essere una buona idea.

Il latte di patate è un’altra opzione per coloro che desiderano un’alternativa al latte vaccino o ad altri latti vegetali, o per coloro che cercano un prodotto lattiero-caseario più rispettoso dell’ambiente. Dal punto di vista nutrizionale, potrebbe non contenere le proteine ​​del latte di soia, ma molti prodotti sono fortificati, quindi contengono ancora importanti vitamine e minerali.

Ma poiché contiene diversi ingredienti raffinati, come oli e isolati proteici (proteine ​​estratte dagli alimenti), può tecnicamente essere considerato un alimento ultra-elaborato. Ci sono alcune preoccupazioni per gli alimenti ultra-lavorati, che sono stati collegati a malattie croniche, quindi è ancora da vedere se il latte di patate abbia rischi simili.

Autore

Duane Mellor, Aston University