Cibi ultra-lavorati
Foto di Karolina Grabowska da Pexels
  • Categoria dell'articolo:Salute / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:29 Marzo 2022

Il nostro mondo sta affrontando una sfida enorme: dobbiamo creare cibo di alta qualità, diversificato e nutriente a sufficienza per sfamare una popolazione in crescita, e farlo entro i confini del nostro pianeta. Ciò significa ridurre significativamente l’impatto ambientale del sistema alimentare globale.

Ci sono più di 7.000 specie di piante commestibili che potrebbero essere consumate per il cibo. Ma oggi, il 90% dell’apporto energetico globale proviene da 15 specie di colture, con più della metà della popolazione mondiale che fa affidamento solo su tre colture di cereali: riso, grano e mais.

L’aumento degli alimenti ultra-lavorati sta probabilmente svolgendo un ruolo importante in questo cambiamento in corso, come osserva la nostra ultima ricerca. Pertanto, ridurre il consumo e la produzione di questi alimenti offre un’opportunità unica per migliorare sia la nostra salute che la sostenibilità ambientale del sistema alimentare.

Impatti del sistema alimentare

L’agricoltura è uno dei principali motori del cambiamento ambientale. È responsabile di un terzo di tutte le emissioni di gas serra e di circa il 70% dell’uso di acqua dolce. Utilizza inoltre il 38% del territorio mondiale ed è il principale fattore di perdita di biodiversità.

Mentre la ricerca ha evidenziato come le diete occidentali contenenti calorie eccessive e prodotti del bestiame tendano ad avere un grande impatto ambientale, ci sono anche preoccupazioni ambientali legate agli alimenti ultra-lavorati.

Gli impatti di questi alimenti sulla salute umana sono ben descritti, ma gli effetti sull’ambiente sono stati considerati meno. Questo è sorprendente, considerando che gli alimenti ultra-lavorati sono una componente dominante dell’offerta alimentare nei paesi ad alto reddito (e le vendite stanno aumentando rapidamente anche nei paesi a basso e medio reddito).

La nostra ultima ricerca, condotta da colleghi in Brasile, propone che le diete sempre più globalizzate ad alto contenuto di alimenti ultra-lavorati vadano a scapito della coltivazione, produzione e consumo di cibi “tradizionali”.

Come individuare gli alimenti ultra-lavorati

Gli alimenti ultralavorati sono un gruppo di alimenti definiti come “formulazioni di ingredienti, per lo più di esclusivo uso industriale, che risultano da una serie di processi industriali”.

In genere contengono additivi cosmetici e pochi o nessun cibo intero. Puoi pensarli come cibi che fatichi a creare nella tua cucina. Gli esempi includono dolciumi, bevande analcoliche, patatine, pasti pronti e prodotti da fast food di ristoranti.

In contrasto con questo ci sono gli alimenti “tradizionali” – come frutta, verdura, cereali integrali, legumi conservati, latticini e prodotti a base di carne – che sono minimamente lavorati o realizzati con metodi di lavorazione tradizionali.

Sebbene la lavorazione tradizionale, metodi come la fermentazione, l’inscatolamento e l’imbottigliamento siano fondamentali per garantire la sicurezza alimentare e la sicurezza alimentare globale. Gli alimenti ultra-lavorati, tuttavia, vengono lavorati oltre quanto necessario per la sicurezza alimentare.

Gli australiani hanno tassi particolarmente elevati di consumo di cibo ultra-elaborato. Questi alimenti rappresentano il 39% dell’apporto energetico totale tra gli adulti australiani. Questo è più di Belgio, Brasile, Colombia, Indonesia, Italia, Malesia, Messico e Spagna, ma meno degli Stati Uniti, dove rappresentano il 57,9% dell’energia alimentare degli adulti.

Secondo un’analisi dell’Australian Health Survey 2011-12 (i dati nazionali più recenti disponibili al riguardo), gli alimenti ultra-elaborati che hanno apportato la maggior parte dell’energia dietetica per gli australiani di età pari o superiore a due anni includevano pasti pronti, fast food, pasticcini , focacce e torte, cereali per la colazione, bevande alla frutta, tè freddo e dolci.

Quali sono gli impatti ambientali?

Gli alimenti ultra-lavorati si basano anche su un piccolo numero di specie coltivate, il che grava sull’ambiente in cui vengono coltivati ​​questi ingredienti.

I raccolti di mais, grano, soia e semi oleosi (come l’olio di palma) sono buoni esempi. Queste colture sono scelte dai produttori di alimenti perché sono economiche da produrre e ad alto rendimento, il che significa che possono essere prodotte in grandi volumi.

Inoltre, gli ingredienti di origine animale negli alimenti ultra-lavorati provengono da animali che fanno affidamento su queste stesse colture come mangimi.

L’ascesa di cibi ultra-lavorati convenienti ed economici ha sostituito un’ampia varietà di cibi integrali minimamente trasformati tra cui frutta, verdura, cereali, legumi, carne e latticini. Ciò ha ridotto sia la qualità della nostra dieta che la diversità dell’approvvigionamento alimentare.

In Australia, gli ingredienti più utilizzati nella fornitura di cibi e bevande confezionati del 2019 sono stati zucchero (40,7%), farina di frumento (15,6%), olio vegetale (12,8%) e latte (11,0%).

Alcuni ingredienti utilizzati negli alimenti ultra-lavorati come il cacao, lo zucchero e alcuni oli vegetali sono anche fortemente associati alla perdita di biodiversità.

Cosa si può fare?

L’impatto ambientale degli alimenti ultra-lavorati è evitabile. Non solo questi alimenti sono dannosi, ma non sono necessari per l’alimentazione umana. Le diete ricche di alimenti ultra-elaborati sono collegate a scarsi risultati per la salute, tra cui malattie cardiache, diabete di tipo 2, sindrome dell’intestino irritabile, cancro e depressione, tra gli altri.

Per contrastare questo, le risorse di produzione alimentare in tutto il mondo potrebbero essere reindirizzate alla produzione di alimenti più sani e meno trasformati. Ad esempio, a livello globale, quantità significative di cereali come grano, mais e riso vengono macinate in farine raffinate per produrre pane raffinato, torte, ciambelle e altri prodotti da forno.

Questi potrebbero essere reindirizzati alla produzione di cibi più nutrienti come pane integrale o pasta. Ciò contribuirebbe a migliorare la sicurezza alimentare globale e fornirebbe anche un maggiore cuscinetto contro disastri naturali e conflitti nelle principali aree granarie.

Altre risorse ambientali potrebbero essere salvate evitando del tutto l’uso di determinati ingredienti. Ad esempio, la domanda di olio di palma (un ingrediente comune negli alimenti ultra-lavorati e associato alla deforestazione nel sud-est asiatico) potrebbe essere notevolmente ridotta se i consumatori spostano le loro preferenze verso cibi più sani.

Ridurre il consumo di alimenti ultra-lavorati è un modo per ridurre il proprio impatto ambientale, migliorando al contempo la propria salute.

Autore

Kim Anastasiou, Mark Lawrence, Michalis Hadjikakou, Phillip Baker, Deakin University