Vitamina D2 e ​​D3
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:8 Marzo 2022

La vitamina D è importante per il mantenimento della salute, poiché ha molti ruoli nel corpo umano. Ma esiste più di una forma di vitamina D e ricerche recenti suggeriscono che queste forme possono avere effetti diversi. Quindi quali sono i diversi tipi di vitamina D e uno è davvero più benefico dell’altro?

Sebbene le condizioni mediche successivamente associate alla carenza di vitamina D, come la malattia delle ossa rachitismo, siano note sin dal 17° secolo, la vitamina D stessa non è stata identificata fino all’inizio del 20° secolo. Questa scoperta portò Adolf Windaus a vincere il premio Nobel per la chimica nel 1928.

La famiglia della vitamina D comprende in realtà cinque molecole, di cui le due più importanti sono la vitamina D2 e ​​D3. Queste molecole sono anche conosciute rispettivamente come ergocalciferolo e colecalciferolo. Sebbene entrambi questi tipi di vitamina D contribuiscano alla nostra salute, differiscono nel modo in cui li otteniamo.

La vitamina D2 dietetica proviene generalmente dalle piante, in particolare dai funghi e dal lievito, mentre la vitamina D3 la otteniamo da fonti animali, come pesce azzurro, fegato e uova. Entrambe le forme di vitamina D sono disponibili anche negli integratori alimentari.

Quello che probabilmente la maggior parte delle persone non sa è che la maggior parte della nostra vitamina D deriva dall’esposizione della nostra pelle alla luce solareQuando la nostra pelle è esposta al sole, i raggi ultravioletti convertono una molecola precursore chiamata 7-deidrocolesterolo in vitamina D3. Questo importante effetto dell’esposizione al sole spiega perché le persone che vivono a latitudini più estreme, o le persone che hanno la pelle più scura, sono più inclini alla carenza di vitamina D. La melanina, un pigmento della pelle, impedisce ai raggi ultravioletti di attivare il 7-deidrocolesterolo, limitando così la produzione di D3. Indossare indumenti o crema solare ha un effetto simile.

Entrambe le vitamine D2 e ​​D3 sono essenzialmente inattive fino a quando non passano attraverso due processi nel corpo. In primo luogo, il fegato cambia la sua struttura chimica per formare una molecola nota come calcidiolo. Questa è la forma in cui la vitamina D viene immagazzinata nel corpo. Il calcidiolo viene poi ulteriormente alterato nei reni per formare calcitriolo, la forma attiva dell’ormone. È il calcitriolo che è responsabile delle azioni biologiche della vitamina D, incluso aiutare a formare le ossa, metabolizzare il calcio e supportare il funzionamento del nostro sistema immunitario.

Tecnicamente, la vitamina D non è affatto una vitamina, ma un pro-ormone. Ciò significa che il corpo lo converte in un ormone attivo. Tutti gli ormoni hanno recettori (sulle cellule ossee, sui muscoli, sui globuli bianchi) a cui si legano e si attivano, come una chiave che apre una serratura. La vitamina D2 ha la stessa affinità per il recettore della vitamina D della vitamina D3, il che significa che nessuna delle due forme si lega meglio al suo recettore.

Diversi effetti sul sistema immunitario

Uno studio recente ha scoperto che la supplementazione di vitamina D2 e ​​D3 ha effetti diversi sui geni importanti per la funzione immunitaria. Questi risultati sono significativi, poiché la maggior parte delle ricerche precedenti non è riuscita a trovare molte differenze nell’effetto dell’integrazione con vitamina D2 o D3.

La maggior parte della ricerca pubblicata fino ad oggi ha suggerito che la principale differenza tra l’integrazione di vitamina D2 e ​​D3 è l’effetto sui livelli di vitamina D circolanti nel flusso sanguigno. Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che la vitamina D3 è superiore nell’aumentare i livelli di vitamina D nel corpo. Questi risultati sono stati supportati da una recente revisione delle prove che ha rilevato che l’integrazione di vitamina D3 aumenta i livelli di vitamina D nel corpo meglio della vitamina D2. Ma non tutti gli studi concordano.

Pochissimi studi sostengono che la supplementazione di vitamina D2 sia superiore alla vitamina D3. Uno studio ha mostrato che la vitamina D2 era più efficace nel trattamento dei problemi immunitari nei pazienti che erano in terapia con steroidi. Tuttavia, a parte l’aumento dei livelli di vitamina D nel corpo, non ci sono molte prove che gli integratori di vitamina D3 siano migliori degli integratori di vitamina D2. Uno studio ha scoperto che la vitamina D3 ha migliorato i livelli di calcio più della vitamina D2. Ma abbiamo bisogno di ulteriori ricerche per fornire risposte definitive.

Allora quale dovrei prendere?

La carenza di vitamina D è ora più diffusa che mai, con circa un miliardo di persone in tutto il mondo che soffrono di carenza di vitamina D. È importante che le persone a rischio di carenza di vitamina D – gli anziani, le persone che vivono in climi meno soleggiati e le persone con la pelle più scura – assumano integratori di vitamina D.

Gli operatori sanitari raccomandano alla maggior parte delle persone di assumere 10 microgrammi di vitamina D al giorno, soprattutto in inverno. Sembrerebbe che gli integratori di vitamina D3 siano l’opzione migliore per mantenere i livelli di vitamina D, ma in ogni caso è sempre meglio farti dare un parere medico prima di prendere un’integratore. Quello che sicuramente potrai fare è approfittare di una breve esposizione della pelle al sole, anche in una giornata nuvolosa, che ti aiuterà di sicuro a mantenere livelli sani di vitamina D.

Autore

James BrownAston University