abbronzatura
  • Categoria dell'articolo:Salute / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:7 Settembre 2022

Gli esseri umani hanno una relazione conflittuale con il sole. La gente ama il sole, ma poi si scalda. Il sudore ti entra negli occhi. Poi ci sono tutti i rituali protettivi: la crema solare, i cappelli, gli occhiali da sole. Se rimani fuori troppo a lungo o non hai preso precauzioni sufficienti, la tua pelle te lo fa sapere con una scottatura solare. Prima il calore, poi il dolore, poi il rimorso.

Le persone sono sempre state così ossessionate da ciò che il sole avrebbe fatto ai loro corpi? Come antropologo biologico che ha studiato gli adattamenti dei primati all’ambiente, posso dirti che la risposta breve è “no” e non era necessario che lo fosse. Per eoni, la pelle ha resistito al sole.

Pelle, tra te e il mondo

Gli esseri umani si sono evoluti sotto il sole. La luce del sole era una costante nella vita delle persone, riscaldandole e guidandole attraverso i giorni e le stagioni. L’Homo sapiens ha trascorso la maggior parte della nostra preistoria e storia all’aperto, per lo più nudo. La pelle era l’interfaccia principale tra i corpi dei nostri antenati e il mondo.

La pelle umana si è adattata a qualunque condizione si trovasse. Le persone si rifugiavano, quando potevano trovarla, in caverne e rifugi rocciosi, ed erano abbastanza brave a creare ripari portatili con legno, pelli di animali e altri materiali raccolti. Di notte, si rannicchiavano insieme e probabilmente si coprivano con “coperte” di pelliccia. Ma durante le ore attive del giorno, le persone erano all’aperto e la loro pelle per lo più nuda era quello che avevano.

Durante la vita di una persona, la pelle risponde all’esposizione di routine al sole in molti modi. Lo strato superficiale della pelle – l’epidermide – diventa più spesso aggiungendo più strati di cellule. Per la maggior parte delle persone, la pelle diventa gradualmente più scura quando le cellule specializzate entrano in azione per produrre un pigmento protettivo chiamato eumelanina.

Questa notevole molecola assorbe la maggior parte della luce visibile, facendola sembrare marrone molto scuro, quasi nera. L’eumelanina assorbe anche le dannose radiazioni ultraviolette. A seconda della loro genetica, le persone producono diverse quantità di eumelanina. Alcuni hanno molto e sono in grado di produrre molto di più quando la loro pelle è esposta al sole; altri hanno meno con cui iniziare e producono meno quando la loro pelle è esposta.

La mia ricerca  sull’evoluzione della pigmentazione della pelle umana ha dimostrato che il colore della pelle delle persone nella preistoria era sintonizzato sulle condizioni ambientali locali, principalmente sui livelli locali di luce ultravioletta. Le persone che vivevano sotto una forte luce UV – come si trova vicino all’equatore – anno dopo anno avevano una pelle pigmentata scura e altamente abbronzabile in grado di produrre molta eumelanina. Le persone che vivevano con livelli UV più deboli e più stagionali, come si trova in gran parte dell’Europa settentrionale e dell’Asia settentrionale, avevano una pelle più chiara che aveva solo capacità limitate di produrre pigmento protettivo.

Con solo i piedi a sostenerli, i nostri lontani antenati non si sono mossi molto durante la loro vita. La loro pelle si è adattata ai sottili cambiamenti stagionali della luce solare e delle condizioni UV producendo più eumelanina e diventando più scura in estate e poi perdendo un po’ di pigmento in autunno e in inverno quando il sole non era così forte. Anche per le persone con pelle leggermente pigmentata, le scottature solari dolorose sarebbero state estremamente rare perché non c’era mai stato uno shock improvviso di una forte esposizione al sole. Piuttosto, quando il sole si è rafforzato durante la primavera, lo strato superiore della loro pelle sarebbe diventato gradualmente più spesso nel corso di settimane e mesi di esposizione al sole.

Questo non vuol dire che la pelle non sarebbe stata danneggiata per gli standard odierni: i dermatologi rimarrebbero sconvolti dall’aspetto coriaceo e rugoso della pelle esposta al sole dei nostri antenati. Il colore della pelle, come i livelli del sole stesso, cambiava con le stagioni e la pelle mostrava rapidamente la sua età. Questo è ancora il caso delle persone che vivono in modo tradizionale, per lo più all’aperto, in molte parti del mondo.

Non esiste una pelle preservata di migliaia di anni fa che gli scienziati possano studiare, ma possiamo dedurre dagli effetti dell’esposizione al sole sulle persone moderne che il danno era simile. L’esposizione cronica al sole  può portare al cancro della pelle, ma raramente della varietà – il melanoma – che causerebbe la morte durante l’età riproduttiva.

La vita al chiuso ha cambiato pelle

Fino a circa 10.000 anni fa – una goccia nel secchio della storia evolutiva – gli esseri umani si guadagnavano da vivere raccogliendo cibo, cacciando e pescando. Il rapporto dell’umanità con il sole e la luce solare è cambiato molto dopo che le persone hanno iniziato a stabilirsi e vivere in insediamenti permanenti. L’agricoltura e la conservazione degli alimenti erano associate allo sviluppo di edifici immobili. Intorno al 6000 a.C molte persone in tutto il mondo trascorrevano più tempo in insediamenti murati e più tempo al chiuso.

Mentre la maggior parte delle persone trascorreva ancora la maggior parte del tempo all’aperto, alcune restavano in casa se potevano. Molti di loro hanno iniziato a proteggersi dal sole. Almeno nel 3000 aC, un’intera industria della protezione solare crebbe per creare attrezzi di ogni tipo – ombrelloni, ombrelli, cappelli, tende e vestiti – che proteggessero le persone dal disagio e dall’inevitabile scurimento della pelle associato alla lunga esposizione al sole. Mentre alcuni di questi erano originariamente riservati alla nobiltà, come gli ombrelloni e gli ombrelloni dell’antico Egitto e della Cina, questi oggetti di lusso iniziarono a essere realizzati e utilizzati in modo più ampio.

In alcuni luoghi, le persone hanno persino sviluppato paste protettive a base di minerali e residui vegetali – le prime versioni dei moderni filtri solari – per proteggere la pelle esposta. Alcuni, come la pasta di thanaka usata dalle persone in Myanmar, persistono ancora oggi.

Un’importante conseguenza di queste pratiche nelle società agricole tradizionali era che le persone che trascorrevano la maggior parte del loro tempo al chiuso si consideravano privilegiate e la loro pelle più chiara annunciava il loro status. Un “abbronzatura da contadino” non era affascinante: la pelle scurita dal sole era una penalità associata al duro lavoro all’aperto, non il distintivo di una vacanza piacevole. Dalla Gran Bretagna alla Cina, al Giappone e all’India, la pelle abbronzata è stata associata a una vita di fatica.

Poiché negli ultimi secoli le persone si sono spostate più e più velocemente su distanze più lunghe e trascorrono più tempo al chiuso, la loro pelle non ha raggiunto la loro posizione e il loro stile di vita. I tuoi livelli di eumelanina probabilmente non sono perfettamente adattati alle condizioni del sole in cui vivi e quindi non sono in grado di proteggerti allo stesso modo in cui potrebbero avere i tuoi antichi antenati.

Anche se sei naturalmente pigmentato o in grado di abbronzarti, tutti sono soggetti ai danni causati da episodi di esposizione al sole, soprattutto dopo lunghe pause trascorse completamente al riparo dal sole. L'”effetto vacanza” di un’improvvisa forte esposizione ai raggi UV è davvero negativo perché una scottatura solare segnala un danno alla pelle che non viene mai completamente riparato. È come un debito inesigibile che si presenta come pelle prematuramente invecchiata o precancerosa molti anni dopo. Non esiste un’abbronzatura sana: l’abbronzatura non ti protegge da ulteriori danni del sole, è il segno stesso del danno.

Le persone possono amare il sole, ma non siamo i nostri antenati. Il rapporto dell’umanità con il sole è cambiato, e questo significa cambiare il proprio comportamento per salvare la propria pelle.

Autore

Nina G. Jablonski, Penn State