pane integrale
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:12 Aprile 2022

I cereali sono sempre stati la base dell’alimentazione umana. Possiamo infatti dividere la popolazione mondiale per il tipo di cereale su cui si basa la loro dieta. Per la maggior parte dei paesi occidentali è grano. Soprattutto sotto forma di pane, ma anche pasta, oltre ad altri cereali come il riso.

I cereali ci forniscono una fonte di energia (calorie) molto economica e senza alcun componente dannoso, poiché il contenuto di zuccheri semplici, grassi saturi e sodio è minimo. Queste caratteristiche sono ciò che li ha resi, naturalmente, la base della nostra dieta.

Il cibo, oltre a nutrirci, ci regala un’esperienza sensoriale che vogliamo sia il più piacevole possibile. Per migliorare la qualità sensoriale degli alimenti a base di cereali, gli esseri umani hanno tentato di rimuovere gli strati esterni dei cereali (crusca e germe) il più completamente possibile.

Ecco perché la maggior parte dei prodotti a base di cereali che consumiamo oggi sono a base di farine o cereali raffinati o bianchi, in cui questi strati esterni del chicco sono stati rimossi.

La presenza di questi strati esterni del chicco genera prodotti più secchi e amari, meno apprezzati dai consumatori. Tuttavia, contengono nutrienti molto interessanti come fibre, vitamine – principalmente del gruppo B ed E–, minerali e sostanze antiossidanti e bioattive.

Nella società occidentale abbiamo i nostri bisogni nutrizionali di base coperti nella maggior parte dei casi. Per anni ci siamo concentrati sul miglioramento della nutrizione e sui suoi effetti sulla salute.

L’importanza di mangiare cereali integrali

Uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet afferma che l’intervento dietetico che può avere il maggiore effetto nel ridurre la mortalità nella popolazione mondiale è l’aumento del consumo di prodotti integrali.

Questo miglioramento è dovuto, in parte, al maggior contenuto di fibre di questi cereali, ma non solo. Infatti, l’aumento del contenuto di fibre nelle diete, sebbene possa anche aiutare a ridurre la mortalità della popolazione mondiale, lo fa in misura minore rispetto al consumo di prodotti integrali.

Tra i comprovati vantaggi dell’aumento del consumo di prodotti integrali, spiccano la riduzione del rischio di soffrire di malattie cardiovascolari e di alcuni tipi di cancro. Inutile dire che queste sono alcune delle principali cause di mortalità nella moderna società occidentale. Ma sono state osservate anche correlazioni tra un maggiore consumo di cereali integrali e la riduzione dell’obesità e problemi di stitichezza, tra gli altri.

Né bisogna dimenticare che le farine integrali sono più sostenibili di quelle bianche. Con il consumo di prodotti integrali, l’essere umano sfrutta nel modo più completo possibile tutte le spese per terra, acqua, energia e altri input dedicati alla loro produzione. Se le parti esterne vengono separate e queste vengono utilizzate per la produzione di mangimi o altri prodotti, l’impronta di carbonio del processo aumenta.

Sembra molto chiaro che dovremmo aumentare la nostra assunzione di cibi integrali. Tuttavia, nonostante gli ovvi benefici, rimaniamo riluttanti a cambiare le nostre abitudini alimentari.

Guida al consumo di cereali integrali

La normativa relativa a farina e pane  ha migliorato la definizione di prodotti integrali, e oggi le informazioni ricevute dal consumatore sono molto più chiare che in passato.

  1. I pani che si chiamano integrali devono essere fatti solo con farina integrale.
  2. Nel caso in cui si impastano farine integrali con farine bianche occorre indicare la proporzione.

Ciò ha portato a uno sforzo da parte delle aziende per cercare di ottenere pani integrali al 100% con migliori caratteristiche sensoriali.

Per ridurre la secchezza tipica di questi pani si usa solitamente l’incorporazione di oli. È anche possibile incorporare alcune fibre con un’elevata capacità di assorbimento d’acqua, in modo che il pane finale sia più succoso. Per ridurre il tipico sapore amaro dei prodotti integrali, si possono utilizzare alcuni mascheratori di sapidità e sostanze che conferiscono altri aromi marcati.

Tuttavia, l’offerta di questi prodotti e la varietà sul mercato sono ancora scarse.

Chi non gradisce questo tipo di prodotto può ricorrere a prodotti di consumo in cui si mescolano farine integrali e farine bianche, e le cui informazioni sono già riportate sulla confezione.

Non dovremmo essere ossessionati dal consumo di tutti i cereali nella loro interezza. Qualsiasi aumento del consumo di prodotti integrali sarà benefico per la nostra salute e dovremmo aumentarlo il più possibile.

Un buon obiettivo sarebbe mangiare il 50% dei tuoi cereali integrali o tutti i cereali con il 50% di farina integrale.

Altre interessanti fonti di cereali integrali, che in alcuni casi sono più facili da inserire nella nostra dieta, sono il riso e la pasta. Questi prodotti vengono consumati cotti e mescolati ad altri prodotti che possono aiutare a mascherare quei sapori che ormai ci sembrano strani. Tuttavia, nonostante alcune linee guida dietetiche raccomandino un’assunzione giornaliera compresa tra tre e cinque porzioni di cibi integrali, la stragrande maggioranza delle persone non raggiunge questa assunzione. Molti non raggiungono nemmeno una porzione giornaliera.

È necessaria una migliore comunicazione

La salute della popolazione è fonte di preoccupazione per le autorità, motivo per cui si stanno adottando sempre più misure al riguardo. Oltre al fatto che una popolazione più sana è più felice, i costi sanitari di una popolazione con problemi di salute salgono alle stelle e tutti dobbiamo sopportarli.

Una delle misure più efficaci per aumentare il consumo di prodotti integrali è un’adeguata comunicazione dei loro benefici nutrizionali. Infatti, secondo i nostri dati, mentre i consumatori che optano per il consumo di prodotti integrali affermano che una delle loro principali motivazioni è quella di migliorare la propria salute, chi li evita afferma di non trovarne alcun vantaggio.

Per correggere queste convinzioni, in paesi come gli Stati Uniti, i prodotti integrali possono riportare indicazioni nutrizionali o sulla salute sulla confezione. Sono messaggi sui vantaggi che hanno e che sono stati chiaramente dimostrati. Il problema che hanno i paesi europei è che questo deve essere approvato a livello europeo, e la definizione di pane integrale è diversa in ogni paese. Pertanto, qualcosa non può essere approvato per un prodotto che non è ben noto di cosa si tratta.

Se non è possibile inserire indicazioni sulla salute sulla confezione, è possibile promuovere campagne di informazione sui media e sui social network, ma spesso è costoso.

Si stanno generando azioni anche a livello internazionale, con la creazione di reti che promuovono lo studio e la comunicazione dei vantaggi dei prodotti integrali e promuovono un’etichettatura più chiara e omogenea. Spiccano The Whole Grain Initiative e Whole Grain Council, le cui pagine web possono essere una buona fonte di informazioni. Tuttavia, i risultati di questi lavori di solito non raggiungono chiaramente il consumatore.

Infine, le aziende hanno una responsabilità importante in questo senso. Devono cercare di migliorare la qualità sensoriale di questo tipo di prodotto e della sua offerta, senza aumentare i prezzi o non farlo eccessivamente. Dobbiamo ricordare che le aziende cercano profitto e se non vedono una domanda da parte dei consumatori non faranno uno sforzo.

In sintesi:

  • L’evidenza del consumo di prodotti integrali indica che tutti dovremmo impegnarci per aumentarne il consumo a costo di ridurre quello delle farine e dei cereali raffinati.
  • Le amministrazioni devono impegnarsi per trasmettere informazioni chiare ai consumatori e sensibilizzare a questa esigenza.
  • I consumatori devono comunicare alle aziende la necessità di avere un’offerta maggiore, a un costo adeguato e con buone caratteristiche sensoriali, e le aziende devono rispondere a questa sfida migliorando i prodotti attuali.

Autore

Manuel Gómez Pallarés, Università di Valladolid