coltivare il terreno
  • Categoria dell'articolo:Ambiente
  • Ultima modifica dell'articolo:29 Novembre 2022

Non ne siamo necessariamente consapevoli, ma il suolo è soprattutto un mezzo vivente, che contiene più di un quarto delle specie animali e vegetali conosciute sul nostro pianeta.

Ogni metro quadrato ospita migliaia di animali invertebrati come lombrichi o formiche, da diverse decine a diverse centinaia di migliaia di specie di funghi e batteri. 

La vita di questi ecosistemi è la garanzia di un suolo sano, che svolge funzioni essenziali per produrre il nostro cibo, combattere i cambiamenti climatici, limitare le inondazioni, ridurre l’inquinamento, ecc. Secondo il rapporto speciale dell’IPCC “Cambiamenti climatici e terre emerse” , tre quarti della superficie terrestre sono comunque soggetti allo sfruttamento o all’occupazione dell’uomo, mentre un quarto è già considerato degradato.

Preservare la biodiversità dei suoli agricoli e forestali, ma anche riabilitare i suoli urbani oggi, significa migliorare la capacità delle nostre società di affrontare il futuro. In termini di agricoltura, ciò implica cambiamenti nelle pratiche, in particolare “rifornendo” il suolo di materia organica e diversificando le colture. In città l’obiettivo è quello di de-impermeabilizzare e ricostituire suoli “sani” utilizzando approcci di ingegneria pedologica ed ecologica.

Funzioni e servizi di un suolo sano

Per suoli “sani” si intendono principalmente suoli che ospitano una diversità di organismi che contribuiscono alla sua fertilità, che non inquinano il loro ambiente e che sono ricchi di materia organica. In queste condizioni, i suoli possono svolgere adeguatamente le loro diverse funzioni ecologiche.

Tra le sette principali funzioni individuate dagli scienziati, possiamo citare, ad esempio, la ritenzione, la circolazione e l’infiltrazione dell’acqua o la ritenzione e l’apporto di nutrienti alle piante, funzioni essenziali per il mantenimento degli ecosistemi e la loro capacità di adattamento ai cambiamenti climatici.

Queste funzioni sono essenziali anche per gli esseri umani per soddisfare i loro bisogni di base. Si parla quindi di “servizi ecosistemici” forniti dal suolo.

I terreni in buono stato sono infatti la prima condizione per la produzione del nostro cibo e della nostra qualità di vita: forniscono nutrienti e riparano gli organismi grazie ai quali cresce il nostro cibo – limitando anche malattie e parassiti – contribuiscono a regolare la qualità del cibo l’acqua che consumiamo, il clima locale e globale che tolleriamo, in particolare immagazzinando da 2 a 3 volte più carbonio dell’atmosfera.

Tutti questi grandi servizi e funzioni sono intimamente legati e mostrano un suolo vivo e dinamico che è essenziale proteggere.

Minacce al suolo

Nonostante il suo ruolo principale, il suolo è comunque una risorsa non rinnovabile sulla scala della vita umana ed è soggetto a molte pressioni, molte causate dalle attività umane: occorrono da 200 a diverse migliaia di anni per formare 1 cm di suolo.

Impermeabilizzazione e compattazione causata dalla meccanizzazione delle attività agricole e forestali, scavo, inquinamento da pesticidi, prodotti chimici e plastici, erosione legata alla deforestazione… Questi degradi sono il risultato di numerose e crescenti pressioni: urbanizzazione galoppante, domanda esponenziale di cibo o sviluppo di usi di biomasse come alternativa alle risorse fossili.

Infine, il riscaldamento globale di per sé, in particolare indotto dal destocking di carbonio nel suolo causato dalle attività umane, ha effetti dannosi anche sul suolo: le abbondanti precipitazioni che si intensificano in questo contesto di cambiamenti climatici contribuiscono in particolare alla loro erosione.

Di conseguenza, ogni ora in Europa scompaiono 11 ettari di suolo a causa dell’espansione urbana. La conseguenza è una perdita di biodiversità non senza impatti sulla catena alimentare, acque inquinate, suoli meno fertili e il moltiplicarsi di alluvioni e smottamenti.

Una consapevolezza europea

Per raccogliere questa sfida, l’Unione Europea ha adottato una strategia per la protezione dei suoli entro il 2030, le cui versioni legislative dovrebbero consentire di fornire un quadro giuridico per i suoli alla scala dell’Unione Europea. come aria, acqua e ambiente marino.

Ripristinare terreni agricoli degradati

Per quanto riguarda l’agricoltura, l’aumento del contenuto di sostanza organica è una leva importante per migliorare la salute del suolo. Se tale contenuto varia in funzione di molti fattori ed in particolare del clima, diverse pratiche virtuose contribuiscono a preservarlo: la presenza di prati permanenti o temporanei, il ritorno al suolo di parte dei residui colturali, la riduzione dei periodi di nudo suolo mediante l’introduzione della copertura vegetale, l’aggiunta di prodotti di scarto organici come compost o rifiuti animali, disposizioni per combattere l’erosione del suolo come siepi o anche agroforestali.

Naturalmente, la restrizione alle rigide esigenze di integratori minerali nelle aziende agricole e l’aggiunta di pesticidi e fertilizzanti, e infine la scelta di fertilizzanti fosfatici meno ricchi di cadmio consentono dal canto loro di ridurre la contaminazione dei suoli agricoli.

Oltre alle foreste e all’agricoltura, anche la gestione dei giardini pubblici e privati ​​deve evolversi. Gli orti urbani sono quindi spesso più inquinati dei suoli agricoli o rurali: con lo sviluppo degli orti va tenuto conto del rischio di trasferimento nella catena alimentare.

Per limitare la contaminazione del suolo, è importante educare gli utenti a essere vigili nella scelta degli appezzamenti coltivati ​​da un lato, e dall’altro ad evitare fertilizzanti dannosi e limitare l’uso di fitofarmaci, anche organici.

Riabilitazione dei suoli urbani degradati

Quando si parla di suoli urbani, c’è una grande diversità di situazioni, con suoli più o meno degradati perché spesso non strutturati e compattati, che ne sbilanciano la composizione in elementi minerali e sostanza organica, e contengono vari inquinanti, che influiscono sulla biodiversità e sul funzionamento biologico dei suoli.

Esistono soluzioni tecniche per mantenere, o addirittura ripristinare, le funzioni ecologiche del suolo, in particolare attraverso operazioni di disinquinamento. Si tratta di ricreare suoli fertili utilizzando tecniche di ingegneria del suolo (costruzione o ricostruzione di orizzonti del suolo – si parla anche di “biotecnosol”) e/o ingegneria ecologica (aratura e contributo di piante e microrganismi).

Altre soluzioni si basano su tecniche di biorisanamento (fitogestione, biodegradazione, bioimmobilizzazione). Questo riunisce una serie di metodi che consistono nell’uso di microrganismi, funghi, piante o enzimi da essi derivati ​​per ridurre i livelli di inquinanti in un suolo e portare all’innocuità ambientale.

Promuovere lo sviluppo urbano sostenibile

Oltre al ripristino dei suoli agricoli e al ripristino dei suoli urbani, sono possibili diverse strade per promuovere uno sviluppo urbano più sostenibile. Ad esempio, è possibile reinvestire e densificare aree già realizzate o sigillate, progettare architetture urbane salvaspazio o prevedere modalità di gestione differenziate ricreando spazi verdi al fine di favorire le continuità ecologiche e combattere gli isolotti di rifiuti, calore urbano o limitare le inondazioni.

In un contesto di controllo dell’artificializzazione dei suoli e delle tensioni sul loro utilizzo, la riconversione delle aree desolate urbane costituisce una vera sfida per uno sviluppo urbano sostenibile basato su un’offerta di alloggi adattata ai bisogni, evitandone l’espansione incontrollata, mantenendone l’attrattiva e consentendo l’adattamento al cambiamento climatico.

Questi siti rappresentano infatti delle vere opportunità per inserire queste aree in una traiettoria di sobrietà e resilienza necessaria per raggiungere l’obiettivo dell’artificializzazione netta zero.

Tenendo conto, invece, a monte dell’inquinamento ambientale (acqua, suolo e aria) che comporta la realizzazione di progetti di ripristino per l’integrazione delle aree naturali e per poter fornire servizi ecosistemici nelle aree urbane.

Autore

Antoine Pierart, Cécile Grand, Thomas Eglin, Ademe