inquinamento chimico
  • Categoria dell'articolo:Ambiente & Energia
  • Ultima modifica dell'articolo:7 Dicembre 2023

La produzione e il rilascio di plastica, pesticidi, composti industriali, antibiotici e altri inquinanti sta avvenendo così velocemente e su scala così ampia da aver superato il confine planetario per l’inquinamento chimico, il limite di sicurezza per l’umanità, lo afferma un nuovo studio.

Quali sono i confini planetari?

Nel 2009, un team internazionale di ricercatori ha identificato nove confini planetari che mantengono lo stato straordinariamente stabile in cui la Terra è rimasta per 10.000 anni, dagli albori della civiltà.

Questi confini includono le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera, lo strato di ozono, una biosfera intatta e l’acqua dolce. I ricercatori hanno quantificato i confini che influenzano la stabilità della Terra e nel 2015 hanno concluso che l’attività umana ne ha violati quattro. Le emissioni di gas serra stanno spingendo il clima globale in un nuovo stato più caldo, l’estinzione di specie minaccia l’integrità della biosfera, la conversione delle foreste in terreni agricoli ha degradato la qualità della terra e i processi industriali e agricoli hanno alterato radicalmente i cicli naturali del fosforo e dell’azoto.

I ricercatori non disponevano dei dati per quantificare il confine per l’inquinamento chimico, altrimenti noto come nuove entità (essenzialmente, qualsiasi sostanza prodotta dall’uomo più elementi naturali come i metalli pesanti che l’attività umana mobilita o trasporta ad alti volumi), fino ad ora. La nostra ricerca suggerisce che abbiamo oltrepassato questo confine oltre lo spazio operativo sicuro noto per l’umanità.

Come l’hai scoperto?

Questo progetto ha coinvolto 14 autori in cinque paesi ed è stato guidato da Linn Persson, un esperto di inquinamento chimico presso lo Stockholm Environment Institute. Volevamo essere in grado di comprendere le conseguenze dell’assunzione, dell’utilizzo e del rilascio di nuove entità su scala più ampia a fronte di enormi lacune nelle nostre conoscenze. In sostanza, volevamo andare oltre la capacità dell’individuo di sperimentare e comprendere queste cose.

Abbiamo studiato una serie di variabili di controllo che catturano molte delle complessità e delle caratteristiche del confine planetario per l’inquinamento chimico. Uno di questi è la tendenza nella produzione di nuove entità: il volume di sostanze chimiche e plastiche prodotte o la quota di sostanze chimiche disponibili sul mercato che dispongono di dati sulla loro sicurezza o sono valutate dalle autorità di regolamentazione.

Un’altra cosa che abbiamo valutato è stata la continua tendenza delle emissioni globali di queste sostanze chimiche, compresa la plastica, nell’ambiente. Abbiamo anche considerato gli effetti indesiderati di queste entità sui processi ecosistemici attingendo all’evidenza della tossicità dell’inquinamento chimico o del ruolo della plastica nel disturbare la biosfera.

Quando l’umanità ha violato questo limite?

È difficile dire in modo specifico quando l’umanità ha violato il confine planetario per l’inquinamento chimico. A differenza di altri confini, questo si occupa di migliaia di entità diverse.

Sappiamo che dal 1950 c’è stato un aumento di 50 volte della produzione di prodotti chimici. Si prevede che questo triplicherà nuovamente entro il 2050. La sola produzione di plastica è aumentata del 79% tra il 2000 e il 2015.

Ci sono 350.000 sostanze chimiche sintetiche in produzione a livello globale e solo una piccolissima frazione di queste è valutata per la tossicità. Sappiamo poco dei loro effetti cumulativi o di come si comportano in una miscela. Questo è importante, poiché siamo tutti esposti a (spesso) piccole concentrazioni di migliaia di sostanze per tutta la nostra vita. Stiamo solo iniziando a comprendere gli effetti su larga scala e a lungo termine di questa esposizione.

Abbiamo ritenuto che il confine fosse stato trasgredito perché il tasso di comparsa di questi inquinanti nell’ambiente supera di gran lunga la capacità dei governi di valutare il rischio, per non parlare di controllare potenziali problemi.

Ciò che è molto importante è che questo studio metta in evidenza la scala e la gravità globali dell’inquinamento chimico. Non solo per gli effetti della produzione e del rilascio nell’ambiente di volumi così enormi di tali sostanze quotidianamente, ma anche perché mette in prospettiva le conseguenze dell’attività umana su scala geologica. Questi cambiamenti, guidati dagli esseri umani, avranno effetti persistenti e cumulativi molto tempo dopo che ce ne saremo andati e le industrie avranno smesso di pomparli.

Quali sono alcune delle possibili conseguenze del superamento di questo confine planetario?

Abbiamo osservato i problemi e i rischi associati ai prodotti chimici e alla plastica durante l’intero ciclo di vita. Attualmente, questo è in gran parte lineare: dall’estrazione, alla produzione, all’utilizzo, ai rifiuti e, infine, al rilascio nell’ambiente.

In tutte queste fasi possono verificarsi danni. Ad esempio, i combustibili fossili vengono estratti da processi che possono devastare interi habitat. Queste materie prime danno quindi origine a plastica e pesticidi che richiedono molta energia e generano molti gas che riscaldano il clima durante la produzione. Sono usati per avvolgere il cibo o applicati nei campi coltivati, per poi finire nel terreno o nei fiumi e, infine, nell’oceano.

Il loro impatto ambientale potrebbe essere più facile da visualizzare in base al loro effetto su altri confini planetari. La plastica è strettamente connessa al clima: circa il 98% di tutta la plastica è prodotta da combustibili fossili e rilascerà CO₂ quando viene bruciata come spazzatura. I prodotti chimici e la plastica influiscono entrambi sulla biodiversità aggiungendo ulteriore stress agli ecosistemi già assediati. Alcune sostanze chimiche interferiscono con i sistemi ormonali degli animali, interrompendo la crescita, il metabolismo e la riproduzione nella fauna selvatica.

Alcune parti del mondo superano questo limite più di altre?

Questo problema è planetario. A quanto ho capito, la produzione e il rilascio di inquinamento chimico è intrinseco al sistema economico globale. In questo modo, il problema è come qualsiasi altro importante problema ambientale, compreso il cambiamento climatico.

Le persone sono esposte a queste sostanze chimiche ovunque, non solo nei paesi in cui vengono prodotte. Tutti usiamo questi prodotti e le sostanze chimiche continuano a essere rilasciate mentre li usiamo. Li consumiamo e poi li smaltiamo, anche se non vanno via semplicemente.

C’è un flusso costante di loro, e così, la situazione sta diventando sempre più allarmante. Anche se impariamo di più, stiamo anche rendendo visibili le vaste incognite che rimangono.

Dove dovrebbero i governi dare la priorità all’azione per riportare l’umanità entro il limite di sicurezza il prima possibile?

Il professor Carney Almroth dell’Università di Göteborg in Svezia afferma che il mondo deve “lavorare per implementare un limite fisso alla produzione e al rilascio di sostanze chimiche”.

La professoressa associata Sarah Cornell, all’Università di Stoccolma, afferma:

“Il passaggio a un’economia circolare è davvero importante. Ciò significa cambiare materiali e prodotti in modo che possano essere riutilizzati senza sprecarli, progettare sostanze chimiche e prodotti per il riciclaggio e uno screening migliore delle sostanze chimiche per la loro sicurezza e sostenibilità lungo l’intero percorso di impatto nel sistema Terra”.

Non vogliamo paralizzare i lettori con la disperazione. Piuttosto, vogliamo ispirare l’azione. Riteniamo di essere ancora in tempo per ripristinare questa situazione, ma per questo abbiamo bisogno di un’azione urgente e ambiziosa a livello internazionale.

Autore

 Patricia Villarrubia-GómezUniversità di Stoccolma