datteri
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:7 Dicembre 2023

Hai mai dedicato tempo a esaminare da vicino un seme di dattero?

Questi semi, spesso considerati scarti alimentari, portano con sé un incredibile potenziale nutrizionale e terapeutico che spesso trascuriamo.

Sfruttare e trattare questi semi in modo appropriato non solo avrebbe un impatto positivo sulla sostenibilità ambientale, riducendo le emissioni di gas serra e l’inquinamento delle acque, ma potrebbe anche generare considerevoli entrate per agricoltori e aziende agroalimentari.

Sappiamo che molti sottoprodotti alimentari contengono preziosi nutrienti e composti bioattivi che possono essere recuperati e impiegati nell’alimentazione sia animale che umana. Questa affermazione è particolarmente vera per i semi di palma da dattero, una risorsa straordinaria per le sue notevoli applicazioni potenziali.

Una vasta gamma di usi tradizionali

Nella loro zona di origine, questi semi sono stati utilizzati come foraggio per nutrire gli animali da fattoria (cammelli, cavalli, pecore e capre). Per fare questo, vengono immersi in acqua prima di essere utilizzati.

Insieme ad altre parti della palma da datteri costituiscono un apprezzato combustibile domestico e, abbinati ai sottoprodotti del mais, vengono utilizzati nel Nord Africa per realizzare pannelli isolanti. Il suo olio giallo-verdastro viene utilizzato per realizzare saponi e prodotti cosmetici.

E se ciò non bastasse, dopo essere stata essiccata, tostata e macinata, la polvere risultante viene utilizzata per realizzare un prodotto simile al caffè, ma privo di caffeina e molto aromatico.

Cocktail di nutrienti

Oltre a questi usi tradizionali, questi semi sono emersi come una preziosa fonte di nutrienti che potrebbero fornire benefici significativi alla salute umana. Anche se consumati in misura minore rispetto alla polpa, costituiscono un’ottima fonte di energia per il loro significativo contenuto di grassi “buoni”, proteine ​​e carboidrati complessi.

Andiamo per parti. In primo luogo, il suo grasso, sebbene costituisca una piccola percentuale del peso totale, è di natura sana. Gli acidi grassi più abbondanti contenuti nei semi di dattero appartengono al gruppo a catena corta (forniscono energia rapida), sebbene contengano anche altri acidi a catena lunga: acido oleico (omega-9) e linoleico (omega-6). Entrambi sono noti per i loro benefici per la salute cardiovascolare e per il loro contributo all’equilibrio lipidico.

In secondo luogo, i semi di palma da dattero contengono circa il 9-10% di proteine. Questi includono un’ampia varietà di aminoacidi essenziali, composti essenziali per il rinnovamento e il corretto mantenimento di tutte le strutture corporee.

Il suo valore nutrizionale ottimale si basa anche sul contenuto di fibre alimentari, il cui apporto aiuta a tenere a bada malattie come il diabete, l’ipercolesterolemia, l’iperlipidemia, l’ipertensione, la malattia coronarica e l’obesità. Esistono, inoltre, prove evidenti che la sua fibra alimentare potrebbe avere un importante uso terapeutico contro il cancro alla prostata e ai testicoli.

Infine, i noccioli di dattero sono una fonte significativa di minerali essenziali come potassio, magnesio, fosforo, zinco e calcio. Questi nutrienti svolgono un ruolo cruciale nel mantenimento della salute delle ossa e della funzione muscolare, nonché nella regolazione della pressione sanguigna.

Alta bioattività

Ma, oltre ai nutrienti di base, questi semi contengono composti bioattivi, la cui assunzione apporta numerosi benefici. Tra questi spiccano i composti fenolici, dall’elevato potenziale antiossidante. Consumarli può aiutare a combattere lo stress ossidativo nell’organismo e quindi a ridurre il rischio di malattie croniche derivate da processi infiammatori, come l’ipertensione, il cancro o le malattie cardiovascolari e neurodegenerative.

D’altra parte, esiste un’ampia gamma di bioattività inerenti ai semi trattati. Notevoli sono sia la sua attività antiossidante (spazzino dei radicali liberi) che quella antibatterica, come dimostrato dopo aver analizzato undici varietà di palma da datteri.

Infuso contro l’Alzheimer

E, recentemente, si è scoperto che il già citato infuso di semi di dattero, ricco di flavonoidi, esercita un effetto anti-Alzheimer maggiore rispetto al caffè. Questa bevanda ridurrebbe la produzione di proteine ​​Aβ, che è il componente principale delle placche amiloidi, i depositi extracellulari presenti nel cervello delle persone affette da Alzheimer. 

Insomma, quando mangiate i datteri, prima di gettare distrattamente i semi nel cestino della spazzatura, tenetene uno per qualche secondo tra le dita e meditate sul potenziale nutritivo e salutare che quotidianamente sprechiamo sotto forma di scarti alimentari.