timidezza

Qual è la differenza tra timidezza e ansia sociale?

  • Pubblicato
  • Aggiornato
  • 5 minuti di lettura

I termini “timidezza” e “ansia sociale” sono spesso usati in modo intercambiabile perché entrambi implicano il sentirsi a disagio nelle situazioni sociali.

Tuttavia, sentirsi timidi, o avere una personalità timida, non equivale a provare ansia sociale (abbreviazione di “disturbo da ansia sociale”).

Ecco alcune somiglianze e differenze e cosa significa la distinzione.

In cosa sono simili?

Può essere normale sentirsi nervosi o addirittura stressati in nuove situazioni sociali o quando si interagisce con nuove persone. E ognuno differisce nel modo in cui si sente a proprio agio quando interagisce con gli altri.

Per le persone timide o socialmente ansiose, le situazioni sociali possono essere molto scomode, stressanti o addirittura minacciose. Può esserci un forte desiderio di evitare queste situazioni.

Le persone timide o socialmente ansiose possono rispondere con la “fuga” (ritirandosi dalla situazione o evitandola del tutto), “congelandosi” (staccandosi o sentendosi disconnessi dal proprio corpo), o “addulando” (cercando di placare o placare gli altri).

Si ritiene inoltre che una complessa interazione di fattori biologici e ambientali influenzi lo sviluppo della timidezza e dell’ansia sociale.

Ad esempio, sia i bambini timidi che gli adulti con ansia sociale hanno circuiti neurali che rispondono fortemente a situazioni sociali stressanti, come l’essere esclusi.

Le persone timide o socialmente ansiose riferiscono comunemente sintomi fisici di stress in determinate situazioni, o anche quando li anticipano. Questi includono sudorazione, rossore, tremore, aumento della frequenza cardiaca o iperventilazione.

In che modo sono differenti?

L’ansia sociale è una condizione di salute mentale diagnosticabile ed è un esempio di disturbo d’ansia.

Per le persone che lottano con l’ansia sociale, le situazioni sociali – comprese le interazioni sociali, l’essere osservati e esibirsi di fronte agli altri – innescano un’intensa paura o ansia di essere giudicati, criticati o rifiutati.

Per essere diagnosticato con disturbo d’ansia sociale, l’ansia sociale deve essere persistente (durare più di sei mesi) e avere un impatto negativo significativo su aree importanti della vita come il lavoro, la scuola, le relazioni, l’identità o il senso di sé.

Molti adulti con ansia sociale riferiscono di sentirsi timidi e privi di fiducia fin da quando erano bambini. Tuttavia, non tutti i bambini timidi sviluppano ansia sociale. Inoltre, sentirsi timidi non significa necessariamente che una persona soddisfi i criteri per il disturbo d’ansia sociale.

Le persone variano in quanto timide o estroverse sono, a seconda di dove si trovano, con chi sono e quanto si sentono a proprio agio nella situazione. Ciò è particolarmente vero per i bambini, che a volte appaiono riservati e timidi con gli estranei e i coetanei, ed estroversi con gli adulti conosciuti e di cui si fidano.

Anche le differenze individuali nel temperamento, nei tratti della personalità, nelle esperienze della prima infanzia, nell’educazione e nell’ambiente familiare e nello stile genitoriale possono influenzare la misura in cui le persone si sentono timide nelle situazioni sociali.

Tuttavia, le persone con ansia sociale hanno una paura schiacciante di mettersi in imbarazzo o di essere giudicate negativamente dagli altri; sperimentano queste paure in modo coerente e in molteplici situazioni sociali.

L’intensità di questa paura o ansia spesso porta le persone ad evitare situazioni. Se evitare una situazione non è possibile, possono adottare comportamenti sicuri, come guardare il telefono, indossare occhiali da sole o provare gli argomenti di conversazione.

L’effetto che l’ansia sociale può avere sulla vita di una persona può essere di vasta portata. Può includere bassa autostima, rottura di amicizie o relazioni sentimentali, difficoltà nel perseguire e progredire in una carriera e abbandono degli studi.

L’impatto che ciò ha sulla capacità di una persona di condurre una vita significativa e appagante, e il disagio che ciò provoca, differenzia l’ansia sociale dalla timidezza.

I bambini possono mostrare segni o sintomi di ansia sociale simili agli adulti. Ma possono anche sentirsi turbati e piagnucolosi, irritabili, avere scatti d’ira, aggrapparsi ai genitori o rifiutarsi di parlare in determinate situazioni.

Se non trattata, l’ansia sociale può preparare i bambini e i giovani a un futuro di opportunità mancate, quindi un intervento precoce è fondamentale. Con il supporto professionale e dei genitori, la pazienza e la guida, ai bambini possono essere insegnate strategie per superare l’ansia sociale.

Perché la distinzione è importante?

Il disturbo d’ansia sociale è una condizione di salute mentale che persiste per le persone che non ricevono supporto o trattamento adeguato.

Senza trattamento, può portare a difficoltà nell’istruzione e nel lavoro, nonché nello sviluppo di relazioni significative.

Ricevere una diagnosi di disturbo d’ansia sociale può essere convalidante per alcune persone poiché riconosce il livello di disagio e che il suo impatto è più intenso della timidezza.

Una diagnosi può anche essere un primo passo importante per accedere a un trattamento appropriato e basato sull’evidenza.

Persone diverse hanno esigenze di supporto diverse. Tuttavia, le linee guida per la pratica clinica raccomandano la terapia cognitivo-comportamentale (un tipo di terapia psicologica che insegna alle persone abilità pratiche di coping). Questo viene spesso utilizzato con la terapia dell’esposizione (un tipo di terapia psicologica che aiuta le persone ad affrontare le proprie paure suddividendole in una serie di attività passo dopo passo). Questa combinazione è efficace di persona, online e in trattamenti brevi.