pregiudizi cognitivi
  • Categoria dell'articolo:Psicologia
  • Ultima modifica dell'articolo:18 Settembre 2022

” Facts First ” è lo slogan di una campagna di branding della CNN che sostiene che ” una volta stabiliti i fatti, si possono formare opinioni “. Il problema è che, sebbene sembri logico, questa affermazione allettante è un errore non supportato dalla ricerca.

Gli studi di psicologia cognitiva e neuroscienze hanno scoperto che quando si parla di politica è spesso vero l’esatto opposto : le persone si formano opinioni basate su emozioni, come paura, disprezzo e rabbia, piuttosto che basarsi sui fatti. I fatti nuovi spesso non cambiano la mente delle persone.

Studio lo sviluppo umano, la salute pubblica e il cambiamento dei comportamenti. Nel mio lavoro, vedo in prima persona quanto sia difficile cambiare la mente e i comportamenti di qualcuno quando incontra nuove informazioni che vanno contro le sue convinzioni.

La tua visione del mondo, comprese le convinzioni e le opinioni, inizia a formarsi durante l’infanzia mentre vieni socializzato all’interno di un particolare contesto culturale. Viene rafforzato nel tempo dai gruppi sociali che mantieni, dai media che consumi e persino dal modo in cui funziona il tuo cervello. Influenza il modo in cui pensi a te stesso e il modo in cui interagisci con il mondo.

Per molte persone, una sfida alla loro visione del mondo sembra un attacco alla loro identità personale e può indurli a rafforzare la loro posizione. Ecco alcune delle ricerche che spiegano perché è naturale resistere a cambiare idea e come puoi migliorare nel fare questi cambiamenti.

Rifiutare ciò che contraddice le tue convinzioni

In un mondo ideale, le persone razionali che incontrano nuove prove che contraddicono le loro convinzioni valuterebbero i fatti e cambierebbero le loro opinioni di conseguenza. Ma generalmente non è così che vanno le cose nel mondo reale.

La colpa è in parte di un pregiudizio cognitivo che può manifestarsi quando le persone incontrano prove contrarie alle loro convinzioni. Invece di rivalutare ciò in cui hanno creduto fino ad ora, le persone tendono a rifiutare le prove incompatibili. Gli psicologi chiamano questo fenomeno credenza perseveranza. Tutti possono cadere preda di questo modo di pensare radicato.

Essere presentati con fatti – sia attraverso le notizie, i social media o le conversazioni individuali – che suggeriscono che le loro attuali convinzioni sono sbagliate fa sentire le persone minacciate. Questa reazione è particolarmente forte quando le convinzioni in questione sono allineate con le vostre identità politiche e personali. Può sembrare un attacco contro di te se una delle tue convinzioni fortemente sostenute viene sfidata.

Confrontarsi con fatti che non sono in linea con la tua visione del mondo può innescare un “effetto di ritorno di fiamma“, che può finire per rafforzare la tua posizione e le tue convinzioni originali, in particolare con questioni politiche. I ricercatori hanno identificato questo fenomeno in una serie di studi, compresi quelli sulle opinioni sulle politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici e sugli atteggiamenti nei confronti delle vaccinazioni infantili.

Concentrarsi su ciò che conferma le tue convinzioni

C’è un altro pregiudizio cognitivo che può ostacolarti nel cambiare idea, chiamato bias di conferma. È la tendenza naturale a cercare informazioni o interpretare le cose in un modo che supporti le tue convinzioni esistenti. L’interazione con persone e media che la pensano allo stesso modo rafforza il pregiudizio di conferma. Il problema con il bias di conferma è che può portare a errori di giudizio perché ti impedisce di guardare una situazione oggettivamente da più angolazioni.

Un sondaggio Gallup del 2016 fornisce un ottimo esempio di questo pregiudizio. In un solo periodo di due settimane durante le elezioni del 2016, sia i repubblicani che i democratici hanno cambiato drasticamente le loro opinioni sullo stato dell’economia, in direzioni opposte.

Ma niente era nuovo con l’economia. Ciò che era cambiato era che era stato eletto un nuovo leader politico di un partito diverso. L’esito delle elezioni ha cambiato l’interpretazione degli intervistati su come stava andando l’economia: un pregiudizio di conferma ha portato i repubblicani a valutarlo molto più in alto ora che il loro ragazzo sarebbe stato al comando; Democratici il contrario.

Il cablaggio del cervello non aiuta

I pregiudizi cognitivi sono modelli prevedibili nel modo in cui le persone pensano che possono impedirti di valutare oggettivamente le prove e cambiare idea. Alcuni dei modi in cui funziona il tuo cervello possono anche lavorare contro di te su questo fronte.

Il tuo cervello è programmato per proteggerti, il che può portare a rafforzare le tue opinioni e convinzioni, anche quando sono fuorviate. Vincere un dibattito o una discussione innesca un diluvio di ormoni, tra cui dopamina e adrenalina. Nel tuo cervello, contribuiscono alla sensazione di piacere che provi durante il sesso, il mangiare, le montagne russe e, sì, vincere una discussione. Quella fretta ti fa sentire bene, forse anche invulnerabile. È una sensazione che molte persone vorrebbero provare più spesso.

Inoltre, in situazioni di forte stress o sfiducia, il tuo corpo rilascia un altro ormone, il cortisolo. Può dirottare i tuoi processi di pensiero avanzati, la ragione e la logica, quelle che gli psicologi chiamano le funzioni esecutive del tuo cervello. L’amigdala del tuo cervello diventa più attiva, il che controlla la tua innata reazione di lotta o fuga quando ti senti minacciato.

Nel contesto della comunicazione, le persone tendono ad alzare la voce, respingere e smettere di ascoltare quando queste sostanze chimiche scorrono attraverso i loro corpi. Una volta che sei in quella mentalità, è difficile sentire un altro punto di vista. Il desiderio di avere ragione unito ai meccanismi di protezione del cervello rendono molto più difficile cambiare opinioni e convinzioni, anche in presenza di nuove informazioni.

Puoi allenarti a mantenere una mente aperta

Nonostante i pregiudizi cognitivi e la biologia cerebrale che rendono difficile cambiare idea, ci sono modi per cortocircuitare queste abitudini naturali.

Lavora per mantenere una mente aperta. Consenti a te stesso di imparare cose nuove. Cerca punti di vista da più lati di un problema. Cerca di formare e modificare le tue opinioni sulla base di prove accurate, obiettive e verificate.

Non lasciarti influenzare dai valori anomali. Ad esempio, dai più peso ai numerosi medici e funzionari della sanità pubblica che descrivono la preponderanza delle prove che i vaccini sono sicuri ed efficaci rispetto a quello che dai a un medico marginale in un podcast che suggerisce il contrario.

Fai attenzione alle ripetizioni, poiché le affermazioni ripetute sono spesso percepite come più veritiere delle nuove informazioni, non importa quanto falsa possa essere l’affermazione. I manipolatori dei social media e i politici lo sanno fin troppo bene.

Presentare le cose in modo non conflittuale consente alle persone di valutare nuove informazioni senza sentirsi attaccate. Insultare gli altri e suggerire che qualcuno è ignorante o disinformato, non importa quanto siano sbagliate le sue convinzioni, farà sì che le persone che stai cercando di influenzare respingano la tua argomentazione. Invece, prova a porre domande che portino la persona a mettere in discussione ciò in cui crede. Sebbene le opinioni alla fine non cambino, le possibilità di successo sono maggiori.

Riconosci che tutti abbiamo queste tendenze e ascoltiamo rispettosamente le altre opinioni. Fai un respiro profondo e fermati quando senti il ​​​​tuo corpo che si prepara a combattere. Ricorda, va bene sbagliare a volte. La vita può essere un processo di crescita.

Autore

Keith M. Bellizzi, Università del Connecticut