ape che si nutre
  • Categoria dell'articolo:Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:13 Dicembre 2022

Cosa ci fa desiderare le cose che ci piacciono? Sappiamo che le cose che offrono potenziali ricompense, inclusi cibo, sesso, droghe che creano dipendenza e persino alcune opere d’arte, possono ispirare desiderio in noi, ma perché?

Il filosofo illuminista francese Denis Diderot ha evidenziato un enigma centrale:

Il desiderio è un prodotto della volontà, ma è anche vero il contrario: la volontà è un prodotto del desiderio.

La neuroscienza ha risolto parte del mistero, identificando un sistema che guida il desiderio nei mammiferi che coinvolgono specifiche regioni del cervello. Il desiderio può aiutare un animale a sopravvivere, ad esempio desiderando di provare piacere dal cibo.

Ora, come discusso in un articolo su Science, una nuova ricerca di Jingnan Huang della Fujian Agriculture and Forestry University e colleghi ha trovato prove di un sistema di desiderio simile nelle api mellifere.

Una valuta comune per guidare il desiderio

Cosa intendiamo quando parliamo di “piacere” e “volere” le cose? Bene, per i neuroscienziati, “piacere” significa la piacevole sensazione che proviamo quando consumiamo una ricompensa. “Volere”, invece, significa essere motivati ​​a raggiungere la ricompensa.

Sappiamo qualcosa di ciò che accade nel nostro cervello e in quello di altri mammiferi come i roditori quando vogliamo una ricompensa. Coinvolge la dopamina, un tipo di sostanza chimica chiamata neurotrasmettitore che consente la comunicazione tra i neuroni nel nostro cervello.

Per capire come funziona il processo per i non mammiferi, Huang e colleghi hanno esaminato ciò che accade nel cervello delle api quando viene presentata la prospettiva di una ricompensa.

Come dimostrò lo scienziato tedesco Karl von Frisch negli anni ’20, le api usano un linguaggio simbolico di danza per comunicare la posizione dei fiori gratificanti ai compagni dell’alveare.

Altre api che osservano questa “danza oscillante” sono invogliate a lasciare l’alveare e il foraggio per raccogliere nettare o altro nutrimento.

Huang e colleghi hanno misurato i livelli di dopamina nel cervello delle api danzanti e osservanti. Hanno scoperto che la dopamina aumenta per gli artisti e gli osservatori all’inizio della danza oscillante, cadendo al termine della danza.

I livelli di dopamina erano più alti quando si guardava la danza rispetto a quando le api si stavano effettivamente nutrendo. Queste fluttuazioni mostrano che è l’aspettativa di volere la dolce ricompensa del nettare che motiva chimicamente le api a cercare cibo.

Un sistema desideroso in un cervello in miniatura

Nonostante abbiano meno di un milione di neuroni nel cervello, le api da miele dimostrano comportamenti complessi e sono cavi per risolvere problemi come rilevare i profumi e i colori dei fiori.

Altre ricerche mostrano che le api possono imparare i simboli per rappresentare quantità numeriche, o possono imparare a svolgere compiti di matematica come l’aritmetica.

Huang e colleghi hanno anche dimostrato che fornire concentrazioni di dopamina più elevate ad alcune api da test ha aumentato la loro motivazione e migliorato la loro capacità di apprendere i segnali dei fiori come l’odore.

Come motivare gli impollinatori

Le api mellifere e altre specie di api originarie delle diverse regioni del mondo sono tra i più importanti impollinatori di molte specie di piante commerciali e selvatiche. Trasportando il polline da un fiore all’altro della stessa specie, le api assicurano l’impollinazione incrociata che spesso si traduce in un numero maggiore di semi e dimensioni dei frutti.

Pertanto le api hanno un importante valore economico impollinando colture pregiate come mandorle, agrumi e varie specie di ortaggi.

Le api regine possono modulare i percorsi della dopamina delle giovani api per catturare la loro attenzione e motivarle a completare compiti specifici. Una migliore comprensione degli effetti della dopamina sul sistema desiderante delle api mellifere potrebbe aprire la porta a un uso più efficiente e sostenibile delle api mellifere per molti compiti, tra cui l’agricoltura e le neuroscienze.

La nuova ricerca sulle api da miele supporta anche un’idea sollevata dal famoso naturalista inglese Charles Darwin 150 anni fa, nel suo libro The Expression of Emotions in Man and Animals. Ha proposto che piacere e antipatia per le cose fosse così utile per gli animali da poter costituire la base per volere meccanismi negli esseri umani e in altri animali.

Questa idea, insieme alla presenza di un sistema di desiderio nelle api mellifere, suggerisce che un precursore del sistema di desiderio dei mammiferi potrebbe essersi sviluppato molto presto nella storia evolutiva degli animali. Può anche fornire una spiegazione biologicamente plausibile del motivo per cui vogliamo ciò che ci piace.

Autore

Adrian Dyer, Jair Garcia, Università RMIT