sesso in adolescenza
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:27 Novembre 2022

L’adolescenza è un periodo di cambiamenti complessi, in cui si stabiliscono alcuni dei comportamenti e degli atteggiamenti che guideranno l’inizio dell’età adulta. L’esplosione ormonale avrà molto da dire in questi cambiamenti e nella tua esperienza emotiva, ma la sua influenza non è definitiva.

Lo sviluppo di nuove forme di ragionamento consentirà l’aumento e la varietà di interessi che sono il risultato di anni di apprendimento precedente. Ma c’è un’area che comincia a essere vissuta in modo diverso e che genera nuove sensazioni: la sessualità e le relazioni.

Queste nuove emozioni ed esperienze che si generano attorno allo sviluppo della sessualità possono essere vissute con ansia e smarrimento o con fiducia nelle proprie capacità e nel processo decisionale.

Questo dipenderà, da un lato, dalle persone che dovranno esprimere le proprie paure o dubbi (principalmente genitori e insegnanti). Dall’altro, l’educazione ricevuta nel campo della sessualità e dell’affettività. Tutto questo mediato da variabili e stili personali che si sono sviluppati durante l’infanzia.

A che età iniziamo a pensare alla sessualità?

L’interesse per la sessualità è presente fin dai primi anni di vita. Ad esempio, sin dalla tenera età siamo curiosi della differenza genitale, di come sono fatti i bambini o delle sensazioni fisiche che si provano quando si riceve un abbraccio o si accarezza qualcuno.

Inoltre i bambini giocano per mantenere le relazioni affettive (giochi di ruolo come “ai papà e alle mamme” o “ai dottori”). Imparano attraverso questi giochi e interiorizzano i ruoli che la nostra società assegna a ciascun sesso. Nel frattempo, ricordiamoci: la curiosità sessuale sarà accresciuta da ciò di cui non si parla.

D’altra parte, durante l’adolescenza l’interesse per l’esplorazione del comportamento sessuale aumenta sia nella stimolazione personale che nelle relazioni con le altre persone. Anche per le relazioni affettive.

L’adolescente sperimenterà ciò che ha imparato fino a quel momento. È comune che si radicalizzino, specialmente nell’espressione della loro mascolinità o femminilità. Ma è anche comune che esprimano dubbi sulla loro identità o orientamento. Allo stesso modo, possono esprimere la paura di non essere all’altezza di ciò che credono ci si dovrebbe aspettare da loro nel campo sessuale.

La masturbazione, la nostra prima (e fondamentale) esperienza sessuale

Cresce anche il bisogno di conoscere ed esplorare le sensazioni offerte dal corpo stesso. La stimolazione genitale non è nuova, poiché si verifica durante l’infanzia, sebbene lo sia l’intenzione di questa esplorazione.

La masturbazione diventa così la prima esperienza veramente sessuale e il modo migliore per scoprire sensazioni e apprendere le capacità del nostro corpo. Ricordiamo che l’assenza di apprendimento masturbatorio è correlata alla presenza di alcune disfunzioni sessuali in età adulta.

Su questo tema, troviamo ancora differenze tra ragazzi e ragazze. Tra questi diventa un comportamento praticamente universale, atteso e compreso dall’aumento del desiderio sessuale. Intanto, tra le ragazze, nonostante il sostanziale aumento del numero di loro che ammettono di masturbarsi, non è una questione apertamente discussa, probabilmente perché l’espressione del desiderio femminile è ancora socialmente punita.

Queste prime esperienze con il proprio corpo sono estremamente importanti come mezzo di apprendimento e alimentano il bisogno di condividerle con altre persone. È normale che i ragazzi e le ragazze adolescenti sperimentino la loro prima cotta, inizino a condividere baci e carezze più o meno intime e sentano risvegliarsi il desiderio sessuale.

La maggior parte degli adolescenti occidentali ha molte esperienze sessuali (masturbazione, baci e carezze) prima di impegnarsi nel sesso penetrativo.

Tuttavia, circa la metà non inizia ad avere questo tipo di rapporti sessuali fino all’età di 17 o 18 anni, con una percentuale molto più bassa di coloro che iniziano ad averli in età precoce (a 15-16 anni si arriva solo al 20%).

Cosa cercano gli adolescenti o cosa si aspettano dal sesso?

Potremmo pensare che l’obiettivo principale del sesso adolescenziale sia un rapido rilascio della tensione causata dal desiderio e dalla pulsione biologica. Tuttavia, nell’adolescenza si è già appreso che anche altri bisogni emotivi sono coperti attraverso il sesso, come ricevere e dare affetto, ottenere accettazione e riconoscimento, confermare l’orientamento o l’identità sessuale, migliorare l’autostima o semplicemente sfuggire alla noia.

Tuttavia, tutto ciò dipenderà dalla precedente formazione che hanno sulla sessualità. In generale, troviamo che continuano a presentare importanti carenze rispetto al soggetto, soprattutto in relazione agli aspetti affettivi ed emotivi.

Frequentemente, le informazioni fornite loro in contesti formali (principalmente scolastici) fanno riferimento ai pericoli della sessualità (gravidanza indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili) e dei metodi contraccettivi.

Tuttavia, la loro curiosità e il bisogno di informazioni su amore, desiderio, piacere, identità o orientamento sessuale non sono ancora argomenti su cui di solito si lavora a scuola o che vengono affrontati regolarmente nella maggior parte delle famiglie. Nemmeno le paure e le ansie che derivano dal non sapere se si sta agendo bene o dalla ricerca della persona o del momento più appropriato.

Pericoli di informazioni sessuali senza prove

Tutto questo fa loro ricevere messaggi contraddittori. Da un lato, sono informati sui pericoli del comportamento sessuale e, dall’altro, i media e i colleghi riferiscono i piaceri e l’influenza del sesso sulla leadership e sull’autostima.

È tipico dell’adolescenza esplorare nuove esperienze, essere meno consapevoli dei rischi, non sentirsi vulnerabili di fronte ai pericoli e interrogarsi su ciò che dicono gli adulti di riferimento, mettendo loro davanti i valori e le idee del gruppo dei pari.

La varietà di messaggi e queste caratteristiche specifiche dell’età, insieme alla sovraesposizione a informazioni sessuali non strutturate e prive di prove, possono portarli a intraprendere comportamenti sessuali rischiosi (non protetti o sotto l’influenza di alcol, ad esempio).

Pertanto, in tutto questo processo, la famiglia e la scuola giocano un ruolo fondamentale. A casa, la famiglia deve riconoscere il suo ruolo modellante nell’espressione dell’affetto e non sottrarsi a quei temi che, per mancanza di una formazione specifica, possono risultare scomodi.

Dal canto loro, le leggi educative devono includere, una volta per tutte, contenuti che favoriscano la formazione a una sessualità piena e sana, basata su prove scientifiche e che consenta lo sviluppo di persone sicure. Così, inoltre, potrebbero riconoscere e segnalare situazioni di abuso ed esprimere i propri dubbi e paure a persone di riferimento e di fiducia.

Autore

Carmen Santin VilariñoUniversità di Huelva