Microplastiche nei terreni agricoli
  • Categoria dell'articolo:Ambiente & Energia
  • Ultima modifica dell'articolo:15 Dicembre 2022

Le particelle di plastica più piccole di 5 mm (note come microplastiche) sono inquinanti ben documentati negli habitat oceanici e d’acqua dolce ma anche nell’aria. La scoperta di microplastiche nei fiumi più remoti dell’Himalaya e nelle trincee più profonde dell’Oceano Pacifico ha suscitato diffusa preoccupazione. Ma quanta microplastica si trova più vicino a casa, sepolta nel terreno dove viene coltivato il cibo?

L’ultimo studio ha stimato che ogni anno sui suoli dei terreni agricoli europei vengono sparse tra le 31.000 e le 42.000 tonnellate di microplastiche (o 86 trilioni – 710 trilioni di particelle di microplastica), rispecchiando la concentrazione di microplastiche nelle acque superficiali dell’oceano.

La causa sono i fertilizzanti carichi di microplastica derivati ​​dai fanghi di depurazione deviati dagli impianti di trattamento delle acque reflue. Questi sono comunemente diffusi sui terreni agricoli come fonte rinnovabile di fertilizzante in tutti i paesi europei, in parte a causa delle direttive dell’UE che mirano a promuovere un’economia circolare dei rifiuti.

Oltre a creare un enorme serbatoio di microplastiche ambientali, questa pratica annulla di fatto il vantaggio di rimuovere queste particelle dalle acque reflue. La diffusione delle microplastiche sui terreni agricoli alla fine li riporterà ai corsi d’acqua naturali, poiché la pioggia lava l’acqua sulla superficie del suolo nei fiumi o alla fine si infiltra nelle acque sotterranee.

Gli impianti di trattamento delle acque reflue rimuovono i contaminanti solidi (come plastica e altre particelle di grandi dimensioni) dalle acque reflue grezze e drenano l’acqua utilizzando una serie di vasche di decantazione. Questo produce un effluente di acqua pulita che può essere rilasciato nell’ambiente. Il materiale galleggiante e le particelle depositate di questi serbatoi vengono combinati per formare il fango utilizzato come fertilizzante.

Hanno scoperto che fino a 650 milioni di particelle di microplastica di dimensioni comprese tra 1 mm e 5 mm entravano ogni giorno in un impianto di trattamento delle acque reflue nel Galles meridionale, nel Regno Unito. Tutte queste particelle sono state separate dalle acque reflue in entrata e deviate nei fanghi invece di essere rilasciate con l’effluente pulito. Ciò dimostra quanto possa essere efficace il trattamento predefinito delle acque reflue per la rimozione delle microplastiche.

In questa struttura, ogni grammo di fanghi di depurazione conteneva fino a 24 particelle di microplastica, ovvero circa l’1% del suo peso. In Europa si stima che ogni anno vengano generati dagli 8 ai 10 milioni di tonnellate di fanghi di depurazione, di cui circa il 40% inviato a terreni agricoli. Lo spandimento dei fanghi di depurazione sul suolo agricolo è ampiamente praticato in tutta Europa, grazie all’azoto e al fosforo che offre alle colture.

Un’economia circolare dei rifiuti avvelenata

Allo stato attuale, non esistono soluzioni adeguate al rilascio di microplastiche nell’ambiente dagli impianti di trattamento delle acque reflue.

Le microplastiche rimosse dalle acque reflue vengono effettivamente trasportate sulla terraferma, dove risiedono fino a quando non vengono restituite ai corsi d’acqua. Secondo uno studio condotto in Ontario, Canada, il 99% delle microplastiche presenti nei terreni agricoli è stato trasportato lontano dal luogo in cui è stato inizialmente applicato il fango.

Fino ad allora, hanno il potenziale per danneggiare la vita nel suolo. Oltre ad essere facilmente consumate e assorbite da animali e piante, le microplastiche rappresentano una seria minaccia per l’ecosistema del suolo perché rilasciano sostanze chimiche tossiche e trasportano agenti patogeni pericolosi. Gli esperimenti hanno dimostrato che la presenza di microplastiche può arrestare la crescita dei lombrichi e farli perdere peso.

Le microplastiche possono anche modificare l’acidità, la capacità di ritenzione idrica e la porosità del terreno. Ciò influisce sulla crescita e sulle prestazioni delle piante alterando il modo in cui le radici si seppelliscono nel terreno e assorbono i nutrienti.

Al momento non esiste una legislazione europea per limitare la quantità di microplastiche incorporate nei fanghi di depurazione utilizzati come fertilizzanti. La Germania ha fissato limiti massimi per impurità come vetro e plastica, consentendo fino allo 0,1% del peso del fertilizzante umido di costituire plastica di dimensioni superiori a 2 mm. 

Per il momento, è probabile che i proprietari terrieri continuino a riciclare i fanghi di depurazione come fertilizzanti sostenibili, nonostante il rischio di contaminare il suolo e infine i fiumi e l’oceano con microplastiche.

Autore

James LoftyUniversità di CardiffPablo OuroUniversità di ManchesterValentine MuhawenimanaUniversità di Cardiff