aurora boreale
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:19 Maggio 2022

Sebbene l’aurora boreale possa sembrare magica, in realtà può essere spiegata dalla scienza, con un po’ di aiuto dal sole, dagli uccelli e dalle bevande gassate.

L’energia per creare l’aurora boreale viene dal sole. Il Sole crea qualcosa chiamato “vento solare”. Questo è diverso dalla luce che otteniamo dal Sole, che ci tiene al caldo e ci aiuta a vedere durante il giorno.

Questo vento solare si allontana dal Sole attraverso lo spazio, trasportando minuscole particelle chiamate protoni ed elettroni. I protoni e gli elettroni sono alcuni dei minuscoli mattoni che costituiscono la maggior parte delle cose nell’universo, come le piante e il cioccolato e anche noi umani.

Pensa ai mattoncini Lego più piccoli che hai nella tua scatola dei giocattoli, che possono essere attaccati insieme per creare cose più grandi: questi sono ciò che i protoni, gli elettroni (e anche i neutroni) sono per l’universo. Queste particelle trasportano molta energia dal Sole, nel loro viaggio nello spazio.

Il vento solare

A volte il vento solare è forte, a volte è debole. Possiamo vedere l’aurora boreale solo nei momenti in cui il vento solare è abbastanza forte.

Quando il vento solare raggiunge il pianeta Terra, accade qualcosa di molto interessante: si imbatte nel campo magnetico terrestre. Il campo magnetico allontana il vento solare e lo fa viaggiare invece intorno alla Terra.

Il campo magnetico è ciò che fa sì che l’ago di una bussola punti a nord, ed è il modo in cui gli uccelli sanno dove andare quando migrano – è anche il motivo per cui abbiamo i poli nord e sud.

Il campo magnetico interagisce con il vento solare e guida i protoni e gli elettroni verso la Terra lungo il campo magnetico, lontano dal centro del pianeta e verso i poli nord e sud.

Per questo motivo, otteniamo sia l’aurora boreale che quella meridionale, nota anche come aurora boreale e aurora australis.

Scuotilo

Quando il vento solare supera il campo magnetico e viaggia verso la Terra, scorre nell’atmosfera. L’atmosfera è come una grande coltre di gas che circonda il nostro pianeta, che contiene molte particelle diverse che compongono l’aria che respiriamo e ci aiutano a proteggerci dalle radiazioni nocive del Sole.

Quando i protoni e gli elettroni del vento solare colpiscono le particelle nell’atmosfera terrestre, rilasciano energia, e questo è ciò che provoca l’aurora boreale.

Ecco come succede: immagina di avere una bottiglia di bibita gassata e gli dai una bella scossa. Questo mette molta energia nella bottiglia e, quando la apri, questa energia verrà rilasciata in un grande flusso di bolle frizzanti.

Allo stesso modo, i protoni e gli elettroni del Sole “scuotono” le particelle nell’atmosfera. Quindi, le particelle emettono tutta quell’energia sotto forma di luce (invece di bolle).

Diversi tipi di particelle nell’atmosfera producono colori diversi dopo essere state agitate: l’ossigeno produce luce rossa e verde e l’azoto produce luce blu. I nostri occhi vedono il verde meglio di tutti i colori, quindi vediamo il verde più luminoso quando guardiamo l’aurora boreale.

È più facile vedere l’aurora boreale in inverno quando è molto buio di notte, e anche fuori città e lontano dai lampioni, ovviamente se ci troviamo in vicinanza dei poli. 

Autore

Paul O’Mahoney, Università di Dundee