coniglio che mangia
  • Categoria dell'articolo:Curiosità
  • Ultima modifica dell'articolo:30 Novembre 2022

Sentiamo molto parlare di come gli esseri umani che mangiano carne facciano del male al pianeta. Questo perché fare spazio agli animali che producono carne ci lascia meno spazio per coltivare piante e meno habitat naturale per la fauna selvatica. Tutti quegli animali da fattoria, rilasciano metano nell’atmosfera e contribuisce al cambiamento climatico.

Quindi è naturale chiedersi se tutti gli animali, compreso l’uomo, debbano essere erbivori – in altre parole, mangiare solo piante.

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima capire qualcosa sugli animali e sugli erbivori.

Dove si inseriscono gli animali nella vita sulla Terra?

Il regno animale è un ramo della vita sulla Terra, insieme a piante, funghi e due (o tre, a seconda del libro di testo che leggi) tipi di minuscoli organismi chiamati batteri.

Gli animali possono essere classificati in base al tipo principale di cibo nella loro dieta. Gli erbivori mangiano piante o alghe. I carnivori mangiano altri animali. E gli onnivori mangiano sia piante che carne.

Ma alcuni onnivori e carnivori morirebbero se avessero una dieta completamente a base vegetale. Ad esempio, i gatti hanno bisogno della carne per i nutrienti che contiene e perché non riescono a digerire bene le piante. Questo vale per tutti i gatti, da una terrificante tigre a un piccolissimo gatto soriano.

Quindi, se tutti gli animali sulla Terra mangiassero solo piante, milioni di specie carnivore e onnivore si estinguerebbero. Questo è un problema, perché gli animali carnivori svolgono un ruolo importante sul nostro pianeta.

Prendi, ad esempio, i spazzini come avvoltoi, corvi, cani e mosche. Mangiano altri animali che sono già morti e quando li espellono mettono importanti nutrienti nel terreno in modo che le piante possano crescere.

Senza questi spazzini, il compito di abbattere gli animali morti sarebbe lasciato a funghi e batteri. Ciò significherebbe che ci sarebbero molti animali morti in giro per molto più tempo.

Non ci sono molte cose più puzzolenti della cacca di cane, ma un animale in decomposizione è una di queste!

I carnivori in realtà aiutano il pianeta, compresi gli umani

L’assenza di carnivori in un ecosistema può anche significare che gli erbivori iniziano a impossessarsi di un’area, rendendola invivibile per altre specie. Ciò si è verificato quando i lupi sono stati rimossi dal Parco Nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti.

I lupi erano soliti mangiare i cervi allo stato brado. Quando i lupi sono scomparsi, le popolazioni di cervi sono diventate troppo grandi. Mangiavano troppe piante vicino ai corsi d’acqua, il che faceva crollare le sponde del fiume nell’acqua. I cervi hanno anche danneggiato gli alberi usati dai castori per costruire dighe. Questo intorbidava ancora di più l’acqua e altri animali come i pesci non potevano più vivere lì.

Ma anche l’assenza di animali carnivori potrebbe portare benefici.

Ad esempio, molte specie autoctone sono in pericolo perché vengono mangiate dai predatori introdotti. Senza i carnivori, questi animali in via di estinzione avrebbero più possibilità.

Il destino degli animali da allevamento è meno ovvio. Se tutti gli esseri umani fossero erbivori, non ci sarebbe bisogno di allevare animali per la carne. Ciò significherebbe che allo zoo vedremmo solo mucche, pecore, galline e maiali.

E per quanto riguarda gli animali domestici? Gatti e cani hanno bisogno di carne per sopravvivere. 

Ci sono anche aspetti della salute umana da considerare.

Noi esseri umani abbiamo bisogno di pochi microgrammi di vitamina B12 ogni giorno e la migliore fonte di questa è la carne.

Se gli esseri umani mangiassero solo piante, avremmo bisogno di mangiare molte delle fonti vegetali primarie di vitamina B12: alghe e alcuni funghi. Probabilmente avremmo anche bisogno di assumere compresse di vitamina B12 o altri “integratori” artificiali contenenti vitamina B12. Realizzarli richiederebbe l’allevamento di molte più alghe e batteri che producono naturalmente questa vitamina essenziale.

Naturalmente, molti vegani – persone che non mangiano prodotti di origine animale – riescono già a mantenere alti i loro livelli di vitamina B12. Ma oserei dire che altri farebbero fatica. E a molte persone piace semplicemente mangiare carne. 

La vita trova un modo

La perdita di carnivori avrebbe chiaramente conseguenze di vasta portata. La Terra sarebbe presto apparsa drammaticamente diversa.

Ma più studio l’evoluzione, più mi rendo conto che la vita trova un modo per ottenere ciò che sembrava impossibile.

Se tutti gli animali sulla Terra fossero erbivori, prima o poi una specie di erbivoro o fungo si evolverebbe in una nuova forma di vita che sappia trasformare i suoi vicini erbivori in un gustoso pasto.

Autore

Mitchell G. Nye-WoodUniversità Edith Cowan