cucciolo di orso
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:5 Gennaio 2023

Gli esseri umani hanno l’ombelico perché prima di nascere siamo collegati alle nostre madri tramite un cordone ombelicale. Questo è un tubicino che fornisce nutrimento al nascituro, noto come embrione, e rimuove i rifiuti. Corre dalla placenta – un organo nella madre che fornisce una fonte di cibo e ossigeno – alla pancia dell’embrione.

Una volta che un bambino è nato, può ottenere nutrimento come il latte attraverso la bocca e il cordone ombelicale non è più necessario. Il cordone ombelicale si accartoccia e cade dopo poche settimane. Quindi, un ombelico è fondamentalmente una cicatrice da dove il cordone ombelicale si attaccava alla pancia del bambino.

Gli esseri umani fanno parte del gruppo di animali chiamati mammiferi, e allo stesso modo si sviluppano altri piccoli di mammiferi all’interno della madre, che ricevono nutrimento dalla placenta attraverso un cordone ombelicale.

Gli ombelichi sono piuttosto grandi negli esseri umani, quindi sono abbastanza ovvi. Sono anche visibili in grandi mammiferi come delfini, oranghi e balene. Ne sono dotati anche mammiferi più piccoli come gatti, cani e topi, ma le cicatrici non formano grandi buchi e sono spesso ricoperte dal pelo.

Tuttavia, altri cuccioli di animali si sviluppano in modi diversi. Gli animali sono in realtà divisi in tre gruppi, a seconda di come si sviluppano gli embrioni.

Il primo tipo è quello di cui abbiamo già parlato, quando l’embrione si sviluppa all’interno della madre e riceve dalla placenta il cibo e l’ossigeno di cui ha bisogno.

Il secondo tipo sono gli animali che depongono le uova. Questi animali, inclusi rettili, uccelli, anfibi e alcuni mammiferi, non hanno una placenta per fornire cibo ai loro piccoli. Quindi, hanno anche l’ombelico?

Animali che depongono le uova

Gli animali che si sviluppano nelle uova, piuttosto che nell’utero, hanno ancora bisogno di cibo. Ma, invece di riceverlo dalla madre, il cibo è presente nell’uovo in un’area speciale nota come sacco vitellino. Questa è la parte gialla che vedi nel mezzo di un uovo. Non preoccuparti, non ci sono cuccioli di animale nelle uova che mangi: non sono fecondate, il che significa che non si trasformerebbero mai in animali.

Gli embrioni nelle uova fecondate non sono in grado di bere il nutriente del tuorlo attraverso la bocca, nello stesso modo in cui gli embrioni umani non possono bere il latte fino alla nascita. Invece, gli embrioni all’interno delle uova sono attaccati al sacco vitellino da un piccolo tubo di alimentazione chiamato gambo del tuorlo che va alla pancia dell’embrione.

Il gambo del tuorlo è simile al cordone ombelicale e si secca una volta che l’uovo si schiude poiché non è più necessario. Quindi, sì, gli animali che provengono dalle uova hanno una cicatrice dell’ombelico, ma di solito è così piccola che avresti difficoltà a vederla.

Ma per quanto riguarda i rettili come lucertole o serpenti? Non hanno la placenta, come i mammiferi, ma spesso non depongono le uova. Sono nel terzo gruppo di animali.

Animali ovovivipari

Per questi animali, l’embrione si sviluppa all’interno di un uovo, ma l’uovo rimane all’interno della madre. Questi animali sono chiamati animali ovovivipari. A volte la madre depone le uova poco prima della nascita dei piccoli, come fa l’ornitorinco, un mammifero australiano. Spesso le uova si schiudono all’interno della madre, quindi dà alla luce piccoli nati vivi. È così che nascono alcuni squali e razze.

Rettili come serpenti o lucertole sono spesso ovovivipari. Sebbene siano nati vivi, non sono stati attaccati alla madre tramite un cordone ombelicale. Invece, hanno ricevuto nutrimento attraverso il sacco vitellino, attraverso il peduncolo del tuorlo.

Quindi sì, tutti gli animali hanno l’ombelico. Anche i dinosauri avevano l’ombelico! Recentemente, è stato trovato un fossile di un parente di triceratopo con una cicatrice dell’ombelico molto simile alle cicatrici trovate sugli alligatori moderni.

Gli animali che sono stati attaccati a una madre attraverso un cordone ombelicale, tuttavia, generalmente hanno un ombelico molto più grande di quelli che sono stati attaccati a un tuorlo d’uovo tramite un gambo d’uovo.

Autore

Louise GentleUniversità di Nottingham Trent