Cibo ricco di zucchero
  • Categoria dell'articolo:Salute / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:17 Settembre 2022

Potrebbe sorprenderti sapere che il consumo di zucchero è in realtà in costante diminuzione dal 2008. Ciò potrebbe accadere per una serie di motivi, incluso un cambiamento nei gusti e negli stili di vita, con la popolarità delle diete a basso contenuto di carboidrati, in aumento nel lo scorso decennio. Una maggiore comprensione dei pericoli del consumo di zucchero in eccesso sulla nostra salute potrebbe anche guidare questo calo.

Ridurre l’assunzione di zucchero ha evidenti benefici per la salute, tra cui un ridotto apporto calorico, che può aiutare con la perdita di peso e una migliore salute dentale. Ma le persone a volte segnalano effetti collaterali quando cercano di mangiare meno zucchero, inclusi mal di testa, affaticamento o cambiamenti di umore, che di solito sono temporanei. La ragione di questi effetti collaterali è poco conosciuta. Ma è probabile che questi sintomi si riferiscano al modo in cui il cervello reagisce quando è esposto a cibi zuccherati e alla biologia della “ricompensa“.

I carboidrati si presentano in diverse forme, inclusi gli zuccheri, che possono essere presenti naturalmente in molti alimenti, come il fruttosio nella frutta e il lattosio nel latte. Lo zucchero da tavola, noto come saccarosio, si trova nella canna da zucchero e nella barbabietola da zucchero, nello sciroppo d’acero e persino nel miele.

Poiché la produzione di massa di cibo è diventata la norma, saccarosio e altri zuccheri vengono ora aggiunti agli alimenti per renderli più appetibili. Oltre al miglioramento del gusto e della “sensazione in bocca” degli alimenti con un alto contenuto di zucchero, lo zucchero ha profondi effetti biologici nel cervello. Questi effetti sono così significativi che ha persino portato a un dibattito sul fatto che tu possa essere “dipendente” dallo zucchero, anche se questo è ancora in fase di studio.

Il saccarosio attiva i recettori del gusto dolce in bocca che alla fine portano al rilascio di una sostanza chimica chiamata dopamina nel cervello. La dopamina è un neurotrasmettitore, il che significa che è una sostanza chimica che trasmette messaggi tra i nervi del cervello. Quando siamo esposti a uno stimolo gratificante, il cervello risponde rilasciando dopamina, motivo per cui viene spesso chiamata la sostanza chimica della “ricompensa”.

Gli effetti gratificanti della dopamina sono ampiamente osservati nella parte del cervello coinvolta nel piacere e nella ricompensa. La ricompensa governa il nostro comportamento, il che significa che siamo spinti a ripetere i comportamenti che hanno causato il rilascio della dopamina in primo luogo. La dopamina può spingerci a cercare cibo (come il cibo spazzatura).

Esperimenti su animali e persone hanno dimostrato quanto profondamente lo zucchero attivi questi percorsi di ricompensa. L’intensa dolcezza supera anche la cocaina in termini di ricompensa interna che provoca. È interessante notare che lo zucchero è in grado di attivare questi percorsi di ricompensa nel cervello sia che venga assaggiato in bocca o iniettato nel flusso sanguigno, come dimostrato negli studi sui topi. Ciò significa che i suoi effetti sono indipendenti dal gusto dolce.

Nei ratti, ci sono prove evidenti che suggeriscono che il consumo di saccarosio può effettivamente modificare le strutture nel cervello che la dopamina attiva, nonché alterare l’elaborazione emotiva e modificare il comportamento sia negli animali che negli esseri umani.

Smettere di assumere zucchero

È ovvio che lo zucchero può avere un potente effetto su di noi. Ecco perché non è sorprendente vedere effetti negativi quando mangiamo meno zucchero o lo rimuoviamo completamente dalla nostra dieta. È durante questa prima fase di “astinenza da zucchero” che sono stati segnalati sintomi sia mentali che fisici, tra cui depressione, ansia, annebbiamento del cervello e voglie, oltre a mal di testa, stanchezza e vertigini. Ciò significa che rinunciare allo zucchero può essere spiacevole, sia mentalmente che fisicamente, il che può rendere difficile per alcuni attenersi al cambiamento di dieta.

La base di questi sintomi non è stata ampiamente studiata, ma è probabile che siano anche collegati ai percorsi di ricompensa nel cervello. Sebbene l’idea della “dipendenza da zucchero” sia controversa, le prove sui ratti hanno dimostrato che, come altre sostanze che creano dipendenza, lo zucchero è in grado di indurre abbuffate, brama e ansia da astinenza. Altre ricerche sugli animali hanno dimostrato che gli effetti della dipendenza da zucchero, dell’astinenza e della ricaduta sono simili a quelli delle droghe. Ma la maggior parte della ricerca che esiste in quest’area riguarda gli animali, quindi attualmente è difficile dire se sia lo stesso per gli umani.

I percorsi di ricompensa nel cervello umano sono rimasti invariati dall’evoluzione ed è probabile che molti altri organismi abbiano percorsi di ricompensa simili nel loro cervello. Ciò significa che è probabile che gli impatti biologici dell’astinenza da zucchero osservati negli animali si verifichino in una certa misura anche negli esseri umani perché il nostro cervello ha percorsi di ricompensa simili.

Quasi certamente un cambiamento nell’equilibrio chimico del cervello è alla base dei sintomi riportati negli esseri umani che rimuovono o riducono lo zucchero alimentare. Oltre ad essere coinvolta nella ricompensa, la dopamina regola anche il controllo ormonale, nausea e vomito e ansia. Quando lo zucchero viene rimosso dalla dieta, la rapida riduzione degli effetti della dopamina nel cervello potrebbe interferire con la normale funzione di molti percorsi cerebrali diversi, spiegando perché le persone riferiscono questi sintomi. Sebbene la ricerca sull’astinenza da zucchero negli esseri umani sia limitata, uno studio ha fornito prove di sintomi di astinenza e aumento del desiderio di zucchero dopo che lo zucchero è stato rimosso dalla dieta di adolescenti in sovrappeso e obesi.

Come con qualsiasi cambiamento nella dieta, attenersi ad esso è fondamentale. Quindi, se vuoi ridurre lo zucchero dalla tua dieta a lungo termine, essere in grado di superare le prime settimane difficili è fondamentale. È importante riconoscere, tuttavia, che lo zucchero non è “cattivo” di per sé, ma che dovrebbe essere consumato con moderazione insieme a una dieta sana e all’esercizio fisico.

Autore

James Brown, Associate Professor in Biology and Biomedical Science, Aston University