Un donut ricoperto di cioccolato
  • Categoria dell'articolo:Salute / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:2 Ottobre 2023

L’abbondante consumo di zucchero è stato a lungo associato a una serie di problemi di salute, tra cui obesità, diabete e problemi dentali. Negli ultimi anni, un cambiamento significativo è emerso nelle abitudini alimentari di molte persone, con una crescente consapevolezza dei pericoli legati all’eccesso di zucchero. Tuttavia, sorprendentemente, alcune persone riferiscono di sperimentare effetti collaterali spiacevoli quando cercano di ridurre o eliminare completamente lo zucchero dalla loro dieta. In questo articolo, esploreremo le ragioni scientifiche dietro questi effetti collaterali e cercheremo di capire perché alcune persone possono avere difficoltà a smettere di consumare zucchero.

L’evoluzione del consumo di zucchero

Per capire meglio perché alcune persone possono sperimentare effetti collaterali quando cercano di smettere di consumare zucchero, è importante guardare alla storia del consumo di zucchero. Nel corso dei secoli, il consumo di zucchero è aumentato in modo significativo, passando da una rarità costosa a un ingrediente comune nella maggior parte delle diete.

Originariamente, lo zucchero era un bene di lusso, estratto principalmente dalla canna da zucchero o dalla barbabietola. Tuttavia, con l’avvento della produzione industriale, lo zucchero è diventato molto più accessibile e ha cominciato a comparire in una vasta gamma di prodotti alimentari confezionati. Ciò ha portato a un aumento significativo del consumo di zucchero nei paesi industrializzati.

Negli ultimi decenni, la consapevolezza dei pericoli legati all’eccesso di zucchero ha portato molte persone a cercare di ridurne il consumo. Questo può essere dovuto a una serie di motivi, tra cui la preoccupazione per la salute, la consapevolezza dei problemi legati all’obesità e una crescente popolarità di diete a basso contenuto di carboidrati come la dieta chetogenica (keto).

I benefici della riduzione dello zucchero

La riduzione del consumo di zucchero può portare a una serie di benefici per la salute. Uno dei vantaggi più evidenti è la riduzione dell’apporto calorico complessivo, il che può essere utile per chi cerca di perdere peso o mantenerlo. Inoltre, una dieta a basso contenuto di zucchero può contribuire a migliorare la salute dentale, riducendo il rischio di carie e altri problemi orali.

Tuttavia, nonostante questi benefici, alcune persone riportano di sperimentare effetti collaterali spiacevoli quando cercano di ridurre o eliminare lo zucchero dalla loro alimentazione. Questi sintomi includono mal di testa, affaticamento, cambiamenti dell’umore, ansia, nebbia cerebrale e forti desideri di zucchero. Per capire meglio perché ciò accade, è importante esaminare come il nostro corpo reagisce allo zucchero e come il nostro cervello è coinvolto in questo processo.

Il ruolo del cervello nell’assunzione di zucchero

Lo zucchero, o saccarosio, è uno zucchero semplice composto da glucosio e fruttosio. Quando consumiamo zucchero, attiviamo i recettori del gusto dolce nella bocca, che inviano segnali al cervello per segnalare la presenza di zucchero. In risposta, il cervello rilascia un neurotrasmettitore chiamato dopamina, noto come il “neurotrasmettitore del piacere“.

La dopamina è coinvolta nelle sensazioni di piacere e gratificazione ed è associata alle vie di ricompensa nel cervello. Quando veniamo esposti a uno stimolo gratificante, come il cibo dolce, il cervello rilascia dopamina, che crea una sensazione di piacere e gratificazione. Questa reazione fa sì che desideriamo cercare ulteriori fonti di quel piacere, il che può portare a una maggiore assunzione di cibo dolce, compreso lo zucchero.

Gli esperimenti condotti su animali e persone hanno dimostrato quanto intensamente lo zucchero possa attivare queste vie di ricompensa nel cervello. In alcuni casi, la sensazione di gratificazione generata dallo zucchero può superare persino quella causata da sostanze come la cocaina. Questo può spiegare perché molte persone trovano difficile resistere ai dolci e ai cibi ricchi di zucchero.

La possibilità di dipendenza da zucchero

La questione se lo zucchero possa essere considerato una sostanza “dipendente” è ancora oggetto di studio e dibattito. Tuttavia, alcune ricerche suggeriscono che il consumo eccessivo di zucchero può portare a comportamenti simili a quelli associati all’abuso di sostanze.

Studi condotti su ratti, ad esempio, hanno mostrato che il consumo di saccarosio può indurre comportamenti di binge eating (abbuffate), desideri intensi e sintomi di astinenza. Altre ricerche condotte su animali hanno dimostrato che gli effetti della dipendenza da zucchero, il processo di astinenza e la ricaduta sono simili a quelli associati all’uso di droghe.

Tuttavia, è importante notare che gran parte della ricerca sull’argomento si basa su studi condotti su animali, il che rende difficile stabilire se questi stessi meccanismi si applichino alle persone in modo identico. Il cervello umano ha vie di ricompensa simili a quelle degli animali, ma la complessità della psicologia umana rende il comportamento umano più sfaccettato e influenzato da fattori culturali, sociali ed emotivi.

I sintomi della “disintossicazione” dallo zucchero

Molte persone riportano sintomi spiacevoli quando cercano di ridurre o eliminare lo zucchero dalla loro dieta. Questi sintomi possono essere vari, ma spesso includono mal di testa, affaticamento, cambiamenti dell’umore, ansia, nebbia cerebrale e forti desideri di zucchero. Questi sintomi sono comunemente associati a quella che viene chiamata “disintossicazione dallo zucchero“.

La base scientifica di questi sintomi non è ancora completamente compresa, ma è probabile che siano legati alle vie di ricompensa del cervello. Come accennato in precedenza, l’esposizione al cibo dolce, compreso lo zucchero, induce il rilascio di dopamina nel cervello. Quando lo zucchero viene rimosso dalla dieta, si verifica una rapida riduzione degli effetti della dopamina nel cervello. Questo può interferire con il normale funzionamento di molte diverse vie cerebrali, spiegando perché alcune persone sperimentano sintomi come l’ansia e cambiamenti dell’umore.

Anche se la ricerca sulla disintossicazione dallo zucchero nelle persone è limitata, uno studio ha fornito prove di sintomi di astinenza e di aumenti del desiderio di zucchero dopo che lo zucchero è stato rimosso dalla dieta di adolescenti in sovrappeso ed obesi.

Sopravvivere alla fase iniziale della riduzione dello zucchero

Per coloro che cercano di ridurre lo zucchero dalla propria dieta a lungo termine, superare le prime difficoltà può essere cruciale. È importante riconoscere che lo zucchero non è intrinsecamente “cattivo“, ma dovrebbe essere consumato con moderazione in combinazione con una dieta sana e l’esercizio fisico. Ridurre gradualmente il consumo di zucchero e fare scelte alimentari consapevoli può aiutare a minimizzare i sintomi di astinenza e rendere il cambiamento dietetico più sostenibile.

È fondamentale comprendere che ogni individuo è unico, e ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra. Pertanto, è consigliabile cercare il supporto di un professionista della salute, come un nutrizionista o un dietologo, per sviluppare un piano alimentare personalizzato che tenga conto delle specifiche esigenze e preferenze.

Inoltre, è importante affrontare le ragioni alla base del consumo eccessivo di zucchero. Alcune persone possono utilizzare il cibo dolce come meccanismo di coping per lo stress o le emozioni negative. Lavorare su strategie per affrontare lo stress e le emozioni senza ricorrere allo zucchero può essere un passo importante per ridurre la dipendenza da zucchero.

Autore: James Brown, Professore associato di biologia e scienze biomediche, Aston University