inquinamento atmosferico
  • Categoria dell'articolo:Ambiente / Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:22 Novembre 2022

Le persone che respirano aria inquinata sperimentano cambiamenti all’interno delle regioni del cervello che controllano le emozioni e, di conseguenza, possono avere maggiori probabilità di sviluppare ansia e depressione rispetto a coloro che respirano aria pulita. Questi sono i risultati chiave di una revisione sistematica che i miei colleghi ed io abbiamo recentemente pubblicato sulla rivista NeuroToxicology.

Il nostro team interdisciplinare ha esaminato più di 100 articoli di ricerca di studi su animali e umani che si sono concentrati sugli effetti dell’inquinamento dell’aria esterna sulla salute mentale e sulle regioni del cervello che regolano le emozioni. Le tre regioni principali del cervello su cui ci siamo concentrati erano l’ippocampo, l’amigdala e la corteccia prefrontale.

Nella nostra analisi, il 73% degli studi ha riportato sintomi e comportamenti di salute mentale più elevati negli esseri umani e negli animali, come i ratti, esposti a livelli di inquinamento atmosferico superiori alla media. Alcune esposizioni che hanno portato a effetti negativi si sono verificate in intervalli di inquinamento atmosferico attualmente considerati “sicuri” dagli standard dell’Environmental Protection Agency. Inoltre, abbiamo scoperto che il 95% degli studi che esaminano gli effetti cerebrali ha riscontrato cambiamenti fisici e funzionali significativi all’interno delle regioni cerebrali che regolano le emozioni in coloro che sono esposti a livelli elevati di inquinamento atmosferico.

La maggior parte di questi studi ha rilevato che l’esposizione a livelli elevati di inquinamento atmosferico è associata a un aumento dell’infiammazione e a cambiamenti nella regolazione dei neurotrasmettitori, che agiscono come messaggeri chimici del cervello.

Perchè importa

La ricerca sugli effetti sulla salute fisica associati all’esposizione all’inquinamento atmosferico, come l’asma e i problemi respiratori, è stata ben documentata per decenni.

Ma solo negli ultimi 10 anni circa i ricercatori hanno iniziato a capire come l’inquinamento può influenzare il cervello. Gli studi hanno dimostrato che piccoli inquinanti atmosferici, come le particelle ultrafini provenienti dallo scarico dei veicoli, possono influenzare il cervello direttamente, viaggiando attraverso il naso e nel cervello, o indirettamente, causando infiammazione e risposte immunitarie alterate nel corpo che possono quindi passare nel cervello.

Allo stesso tempo, i ricercatori stanno sempre più documentando l’associazione tra l’inquinamento atmosferico e i suoi effetti negativi sulla salute mentale.

Sfortunatamente, la ricerca suggerisce che l’inquinamento atmosferico peggiorerà solo con l’intensificarsi del cambiamento climatico e le emissioni di carbonio rimarranno non regolamentate.

Per questo motivo, è assolutamente necessaria una maggiore ricerca sugli effetti sulla salute dell’esposizione all’inquinamento atmosferico che vada oltre i risultati sulla salute respiratoria nel regno della psichiatria biologica. Ad esempio, i meccanismi neurobiologici attraverso i quali l’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sintomi di salute mentale sono ancora poco conosciuti.

Cosa ancora non si sa

Oltre alle nostre scoperte primarie, il nostro team ha anche identificato alcune notevoli lacune all’interno della ricerca che devono essere affrontate per dipingere un quadro più completo della relazione tra inquinamento atmosferico e salute del cervello.

Relativamente pochi studi hanno esaminato gli effetti dell’esposizione all’inquinamento atmosferico durante la prima infanzia, durante l’infanzia e l’adolescenza. Ciò è particolarmente preoccupante dato che il cervello continua a svilupparsi fino alla giovane età adulta e quindi può essere particolarmente suscettibile agli effetti dell’inquinamento atmosferico.

Abbiamo anche scoperto che all’interno degli studi che indagano gli effetti dell’inquinamento atmosferico sul cervello, solo 10 sono stati condotti sugli esseri umani. Mentre la ricerca sugli animali ha ampiamente dimostrato che l’inquinamento atmosferico può causare una serie di cambiamenti all’interno del cervello animale, la ricerca su come l’inquinamento atmosferico influisce sul cervello umano è molto più limitata. Inoltre, la maggior parte degli studi sul cervello esistenti negli esseri umani si sono concentrati sui cambiamenti fisici, come le differenze nelle dimensioni complessive del cervello. Sono necessarie ulteriori ricerche che si basino su una tecnica chiamata imaging cerebrale funzionale, che potrebbe consentire a ricercatori come noi di rilevare cambiamenti sottili o più piccoli che possono verificarsi prima dei cambiamenti fisici.

In futuro, il nostro team prevede di utilizzare metodi di imaging del cervello per studiare come l’inquinamento dell’aria aumenta il rischio di ansia durante l’adolescenza. Abbiamo in programma di utilizzare una varietà di tecniche, inclusi i monitor dell’aria personali che i bambini possono indossare durante la giornata, consentendoci di valutare con maggiore precisione la loro esposizione.

Autore

Clara G. Zundel, Wayne State University