Squali e razze
  • Categoria dell'articolo:Ambiente & Energia
  • Ultima modifica dell'articolo:21 Novembre 2022

Squali, razze e chimere sono ora il secondo gruppo di vertebrati più minacciato, dopo gli anfibi. In uno studio recente, abbiamo scoperto che oltre un terzo degli squali e delle razze è a rischio di estinzione. I nostri risultati sono un campanello d’allarme.

Quando l’Unione internazionale per la conservazione della natura ha pubblicato la sua lista rossa aggiornata delle specie minacciate di estinzione a settembre, includeva le nostre ultime valutazioni sullo stato di squali e razze. Queste specie sono più a rischio di estinzione di quanto si pensasse in precedenza.

In qualità di valutatori principali del gruppo specializzato in squali dell’IUCN, abbiamo rivalutato il rischio di estinzione di tutte le specie di squali e razze. Questo progetto di otto anni ha richiesto centinaia di esperti da tutto il mondo per compilare i dati di cui avevamo bisogno per far luce sullo stato di squali e razze. Sfortunatamente, i dati ci hanno detto che potremmo assistere all’inizio della fine del loro regno di 420 milioni di anni sugli oceani.

Popolazioni di squali e razze in caduta libera

Delle 1.199 specie di squali e razze, 391 (32,5%) sono classificate in una delle tre categorie minacciate: “in pericolo critico”, “in pericolo” e “vulnerabile”. Inoltre, 123 (10,4%) sono “quasi minacciati”, 529 (44,1%) sono “meno preoccupanti” e 156 (12,9%) sono “carenti di dati”. Complessivamente, fino a 450 specie (37,5%) di squali e razze possono essere “minacciate” se le specie “carenti di dati” sono minacciate quanto le specie per le quali disponiamo di dati sufficienti.

Quasi tutte le specie di squali e razze (99,6%) vengono catturate durante le operazioni di pesca e tutte le specie minacciate sono messe in pericolo dalla pesca eccessiva. Le popolazioni di squali e razze sono in caduta libera, con una gestione poco efficace per arrestare o addirittura rallentare il loro declino.

Che la cattura di squali e razze sia intenzionale o meno, la maggior parte delle specie finisce per essere conservata a un certo livello per essere mangiata o trasformata in mangime per animali. Le pelli di squalo e razza vengono trasformate in pelle per abbigliamento e accessori (portafogli e cinture) e l’olio di fegato viene utilizzato per prodotti farmaceutici, cosmetici e persino come forma di biodiesel.

Squali e razze non vengono solo sovrasfruttati. Circa un terzo delle specie minacciate è minacciato dal degrado dell’habitat, principalmente a causa dello sviluppo costiero e della rimozione delle foreste di mangrovie per far posto agli allevamenti di gamberi.

Per la prima volta, ora stiamo anche vedendo che il cambiamento climatico sta surriscaldando le parti tropicali e alcune specie sono anche colpite dallo sbiancamento e dalla morte delle barriere coralline.

Specie iconiche a rischio di estinzione

Ora possiamo individuare dove si sta perdendo la maggior parte della biodiversità di squali e razze. In media, il 75% degli squali e delle razze costiere è minacciato e la percentuale è molto più alta (dall’80 all’85%) nelle zone tropicali e subtropicali a causa della pressione esercitata dalle flotte pescherecce di grandi e piccole dimensioni con conseguente aumento dei livelli di pesca.

Squalo balena
Le specie di grandi dimensioni come lo squalo balena sono a maggior rischio di estinzione perché crescono lentamente e producono pochi piccoli

Le specie più grandi sono più a rischio in quanto hanno meno capacità di sostituire i numeri persi dalla pesca, a causa della loro tendenza a crescere lentamente e a produrre pochi piccoli. Di conseguenza, rischiamo di perdere le specie più grandi e iconiche, come pesci sega, pesci cuneo, pesci chitarra, razze diavolo, aquile di mare e squali martello.

Laddove la pesca è più intensa, queste specie iconiche sono scomparse da tempo, come i pesci sega nell’Africa occidentale, o sono scomparse di recente come i pesci cuneo negli Emirati Arabi Uniti e in Bangladesh. 

Buone notizie all’orizzonte

Non sono tutte cattive notizie. Tre specie sono realmente migliorate dall’ultima valutazione e indicano una soluzione generale: quote di pesca basate sulla scienza o divieti nei rispettivi areali.

Il pattino liscio della Nuova Zelanda ( Dipturus innominatus ) è passato da “quasi minacciato” a “meno preoccupante”. Nelle acque canadesi, il pattino liscio ( Malacoraja senta ) è passato da “in pericolo” a “vulnerabile” e il pattino da bar ( Dipturus laevis ) ha mostrato il miglioramento maggiore da “in pericolo” a “meno preoccupante”.

I limiti di pesca sulla costa atlantica del Canada e degli Stati Uniti sono considerati fattori chiave nella ricostruzione delle popolazioni di skater e barndoor, ma sono necessari ulteriori lavori per comprendere meglio gli insegnamenti da trarre da questi recuperi.

La mortalità di squali e razze legata alla pesca deve essere ridotta per invertire le tendenze. In particolare, sono urgentemente necessari limiti concreti alle catture, basati su pareri scientifici, e l’approccio precauzionale per ridurre al minimo la mortalità delle specie in pericolo e garantire uno sfruttamento sostenibile delle altre.

Le chiusure delle aree per limitare ulteriormente la pesca e proteggere gli habitat possono aumentare i limiti di cattura e migliorare le possibilità di recupero per squali e razze. Le popolazioni recuperate e abbondanti hanno tre vantaggi principali. Sono più in grado di svolgere i loro ruoli vitali nell’ecosistema, sono più in grado di resistere ai cambiamenti climatici e producono anche una pesca più sostenibile per sostenere la nutrizione e i mezzi di sussistenza delle persone più povere del mondo.

I primi passi immediati includono la limitazione degli sbarchi, la protezione di habitat importanti e punti critici per diversità, nonché l’attuazione degli obblighi del trattato sulla pesca e sulla fauna selvatica. Se più specie saranno in grado di riprendersi con una migliore gestione, questo proteggerà il futuro della pesca globale.

Autore

Wade VanderWright, Research Assistant / MSc Student in Biological Sciences, Simon Fraser University; Nicholas Dulvy, Professor, Department of Biological Sciences, Simon Fraser University, and Samantha Sherman, Postdoctoral research fellow in Biological Sciences, Simon Fraser University