lupo
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:24 Gennaio 2023

Comodamente seduto sul tuo divano, guardi il tuo cane che dorme tranquillo accanto a te. Sta sognando la sua ultima scodella di crocchette? O forse sta immaginando la grande saga odissea dei suoi antenati, che vagano per le vaste steppe dell’ultima “era glaciale” in branchi alla ricerca della renna che sarebbe stata il loro prossimo pasto?

La storia della connessione ancestrale tra il cane (il primo animale ad essere addomesticato) e il lupo è una delle avventure evolutive più emozionanti della storia umana. Non solo ci interroga sul rapporto che abbiamo con il resto della natura, ma ci riporta anche, per estensione, alla questione di tutto ciò che siamo come esseri umani.

Gli ultimi progressi della genetica stanno iniziando a fornire dettagli chiave che ci permettono di delineare la storia correlata dei nostri fedeli coinquilini e di quei fieri canidi selvatici che stanno gradualmente ripopolando le nostre campagne.

Originariamente era il lupo

Oggi il cane (Canis familiaris) è il carnivoro più diffuso del pianeta. Fa parte della nostra avventura umana fin dai tempi in cui eravamo ancora cacciatori-raccoglitori nomadi, 20.000 o anche 30.000 anni prima dell’invenzione dell’agricoltura.

Ci sono quasi 350 razze canine ufficiali nel mondo. Se la sua fedele presenza al nostro fianco è stata a lungo data per scontata, il cane è comunque un elemento relativamente recente dell’evoluzione umana. Ma la storia e la cronologia dell’addomesticamento del cane risultano essere molto complesse e alimentano tanto i dibattiti scientifici, quanto i miti o altre credenze all’interno delle nostre società. Alla domanda: “da quale animale discende il cane?” » la maggior parte degli adulti e dei bambini risponderà senza esitazione: « il lupo, certo! “Sì ma adesso, di quale lupo stiamo parlando?

Il lupo grigio (Canis lupus) è un predatore all’apice che si trova in tutto l’emisfero settentrionale. In altre parole, il lupo è una specie che si trova al vertice della catena alimentare, che in realtà non ha predatori naturali, e che regola l’equilibrio del proprio ecosistema attraverso la predazione. La sua origine è nebulosa ma certamente molto antica, e risale probabilmente a circa 800.000 anni fa. I lupidi sono geneticamente molto diversi e sono già state descritte una quarantina di sottospecie attuali.

Nonostante le restrizioni di habitat e nicchie ecologiche create dall’uomo fin dalla preistoria, i lupi sono tra gli unici grandi carnivori sopravvissuti all’estinzione di massa del tardo Pleistocene (tra 50.000 e 10.000 anni), grazie in particolare alla loro grande resilienza ecologica e alla flessibilità del loro comportamento predatorio. Negli ultimi due secoli le pressioni indirette legate all’urbanizzazione e le numerose campagne di sterminio hanno portato alla quasi totale scomparsa delle sue forme selvatiche in Europa. Ma negli ultimi anni la sua presenza si sta lentamente riprendendo grazie ai programmi di conservazione. Il lupo grigio è attualmente reintrodotto nei nostri paesi europei a fianco a 3 altre specie di carnivori: l’orso bruno, la lince boreale e il ghiottone.

Tra cane e lupo

La cronologia dell’addomesticamento preistorico del lupo è probabilmente uno dei dibattiti più accesi nella scienza evoluzionistica. Se ovviamente la paleontologia apporta componenti importanti a questo dibattito, le analisi osteomorfologiche (lo studio delle dimensioni e della morfologia delle ossa) che sono in grado di discriminare i proto-cani restano di difficile identificazione.

Sin dai lavori di Charles Darwin sappiamo che una serie di cambiamenti fenotipici (caratteristiche fisiche osservabili) si osservano negli animali che subiscono un processo di addomesticamento, almeno dopo molte generazioni di tratti scrupolosamente selezionati (spesso privilegiando i più docili). Nel corso dei millenni, i canini addomesticati hanno visto, ad esempio, una riduzione della lunghezza del muso e delle dimensioni dei denti, ma anche una riduzione dello scheletro appendicolare (arti anteriori e posteriori). D’altra parte, la comparsa isolata di uno solo di questi tratti su un esemplare non può provarne il carattere domestico. Pertanto, o una serie di variabili significative deve essere osservata sullo stesso individuo, oppure questo nuovo tratto deve essere osservato ripetutamente sulla scala di una data popolazione o contesto. Il problema è che gli scheletri completi di canidi paleolitici sono estremamente rari.

Oltre a questo approccio prettamente osteologico, entra così in gioco l’archeologia per adoperarsi a raccogliere qualsiasi informazione riguardante i primi rapporti diretti tra uomo e canino, informazioni che potrebbero dimostrare un legame speciale che cominciava a intessersi tra queste due forme di grandi predatori. Dal Paleolitico superiore (si nota ad esempio l’uso dei canini per realizzare gioielli, o la sua presenza nell’arte parietale). Ma anche in questo caso è difficile capire il vero significato di questi scarsi indizi.

Il lupo era l’antenato del cane?

Con i grandi progressi che la genetica ha conosciuto negli ultimi anni, molti studi sul DNA antico stanno ora arrivando a dare una mano a paleontologi e archeologi che cercano di chiarire il mistero dell’origine del “primo cane”. Campioni di canidi antichi e moderni vengono ora prelevati da tutti i continenti e viene analizzata la diversità del loro patrimonio genetico. Il vantaggio principale di questo metodo è notevole: non sono necessari scheletri perfettamente conservati per ottenere informazioni essenziali, è sufficiente un semplice frammento osseo. Mentre la maggior parte di questi studi si concentra sul DNA mitocondriale (DNA ereditato solo dalla linea materna, ma meno soggetto a degradazione), alcuni, più rari, si concentrano anche sul genoma completo (quindi sui cromosomi ereditati dalla linea materna e paterna, ma che si conservano molto meno bene durante la fossilizzazione).

Grazie a questi risultati comincia a delinearsi un quadro della storia filogenetica globale dei canidi. E non sorprende che queste analisi rivelino una storia demografica e filogenetica molto complessa del lupo grigio attraverso i secoli. Rivelano in particolare che le popolazioni paleolitiche di lupino dovettero adattarsi sia alla mutevole geografia dei successivi eventi glaciali in Eurasia, ma anche alla presenza umana che modificava costantemente il loro habitat. Questi cambiamenti ambientali ed ecologici durante il Quaternario hanno portato a cicli di espansione/ritiro delle loro popolazioni, fluttuazioni demografiche probabilmente significative e varie frammentazioni del loro patrimonio genetico.

Nonostante ciò, le informazioni che emergono da queste analisi sono estremamente entusiasmanti. Si stima che la divergenza genetica (ovvero la separazione di una popolazione in diversi lignaggi distinti) dei moderni lupi eurasiatici sia avvenuta tra 40.000 e 20.000 anni fa. Ciò implicherebbe che la popolazione di questi lupi paleolitici fosse fortemente frammentata durante questo periodo, che corrisponde anche all’ultimo massimo glaciale (in altre parole, il “picco” dell’era glaciale).

Questa data è tanto più interessante in quanto coincide con il periodo durante il quale l’Homo sapiens migrò dall’est e colonizzò l’Europa occidentale, e quando la competizione interspecifica tra i grandi predatori aumentò notevolmente.

Più interessante, diversi studi concordano sul fatto che tutti i moderni lupi eurasiatici discendono da un’unica piccola popolazione ancestrale che probabilmente si è isolata in Beringia (Siberia nord-orientale) durante l’ultimo picco glaciale, circa 20.000 anni, in particolare per sfuggire alle grandi instabilità climatiche prevalenti nel resto dell’Eurasia. Questo drastico “collo di bottiglia” avrebbe dato origine a una nuova stirpe che avrebbe poi ricolonizzato il resto del mondo. Questa sostituzione della popolazione di lupino sarebbe probabilmente avvenuta a scapito di altre antiche forme di lupo, poi adattato ad altre forme di ambiente altrove in Eurasia. Ecco perché sembrerebbe che tutti i lupi oggi abbiano un antenato comune relativamente “recente”, o almeno non più antico dell’inizio del Paleolitico superiore, circa 36.000 anni fa.

Ma la storia si infittisce con la questione dell’aspetto dei cani domestici. La complessa storia del lupo grigio eurasiatico qui ostacola la nostra ricerca per rintracciare l’origine esatta del cane. Tuttavia, gli studi forniscono alcune risposte chiave. Uno studio di intere sequenze del genoma di cani primitivi asiatici e africani, nonché una raccolta di campioni di 19 diverse razze di cani provenienti da tutto il mondo, ha identificato che i cani dell’Asia orientale “hanno una diversità genetica di gran lunga superiore ad altri. Questa modellazione mostrerebbe che i primi cani apparvero così in questa regione, dopo una divergenza tra il lupo grigio e il cane domestico circa 33.000 anni fa. Tuttavia, un altro studio genetico nel 2013 ha affermato che il fulcro dell’addomesticamento sarebbe stato piuttosto l’Europa, da qualche parte tra 32.000 e 19.000 anni prima del presente.

Infine, un terzo studio che riconcilia le prime due ipotesi, propone che l’addomesticamento del lupo sia avvenuto in modo indipendente nell’Asia orientale e in Europa, prima che i primitivi cani asiatici viaggiassero verso ovest insieme alle popolazioni umane dove sostituirono la popolazione canina nativa tra 14.000 e 6.400 anni fa. Qualunque sia l’ipotesi, possiamo ricordare che quando vediamo comparire le prime tracce di sedentarizzazione e le prime tecniche legate all’agricoltura, circa 11.000 anni fa, esistevano già almeno cinque distinti lignaggi canini, a dimostrazione quindi che le società umane avevano già profondamente modificato il canino popolazioni prima della fine del Paleolitico.

E lungi dall’essere compartimentata, la coevoluzione dei canidi non si è mai fermata. Ancora oggi il lupo continua ad essere oggetto di ibridazioni con altri canidi come i cani, ma anche il coyote (Canis latrans) con cui è anche interfertile.

In conclusione, anche se la determinazione dell’origine geografica del cane domestico e le circostanze e la cronologia della sua domesticazione rimangono ancora in sospeso, i progressi negli studi sul DNA antico ci offrono oggi i mezzi per seguire le tracce intrecciate con questi trascorsi e presenti canidi. 

Alla domanda I cani discendono dai lupi?”, la risposta è dunque sì, ma la genetica oggi ci offre i mezzi per fare chiarezza: i cani moderni, per quanto vari, derivano tutti da una stirpe di lupo preistorico ormai estinta, e in definitiva hanno solo legami molto lontani con il lupo moderno.

Autore

Elodie-Laure JimenezUniversità di Aberdeen