umorismo
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:9 Settembre 2022

Non lasciarti sopraffare da un umorismo aggressivo e ostile, offensivo, dispregiativo e autodistruttivo. Invece, approfitta dei benefici di una risata aperta, felice e spensierata, che facilita la comunicazione e l’integrazione amichevole e ci rende più tolleranti.

La verità è che ci sono argomenti forti, perché la risata non solo ci avvantaggia emotivamente e/o psicologicamente, ma anche fisiologicamente. Tra l’altro, influenza positivamente il nostro sistema cardiovascolare, respiratorio, endocrino, muscolare, nervoso e immunitario.

Senza andare oltre, è stato dimostrato che ridere aiuta a combattere gli effetti immunosoppressivi dello stress, riducendo il livello di cortisolo nel sangue. Allo stesso tempo, attiva i linfociti T, che forniscono al sistema immunitario i linfociti per combattere le sostanze nocive.

A questo si aggiunge che la risata favorisce la produzione di immunoglobulina A salivare, una proteina essenziale per combattere le malattie infettive. Senza dimenticare che l’umorismo stimola anche il rilascio di endorfine, i nostri oppioidi endogeni, regalandoci una piacevole sensazione di benessere.

Problemi in prospettiva

Se a questo punto non ti è chiaro perché il senso dell’umorismo sia serio, ecco un altro argomento: può aiutarci a gestire pensieri distorti e sofferenze cognitive, preoccupazioni e paure. Moderando le emozioni e permettendo a noi stessi di prendere le distanze dagli eventi negativi, possiamo affrontare i problemi da altre prospettive. Inoltre, con la distanza, ci è più facile stabilire nuove connessioni tra concetti e pensieri apparentemente estranei.

Infatti, le persone che percepiscono emozioni positive tendono a mostrare una maggiore flessibilità cognitiva, che consente loro di cercare soluzioni più creative e piene di risorse per risolvere i problemi. È così evidente che alcuni autori sostengono l’inclusione del senso dell’umorismo nel processo di insegnamento-apprendimento come potenziatore del pensiero creativo.

Sei molto serio? I tuoi amici ti dicono che non hai senso dell’umorismo? Non preoccuparti perché questa funzione cognitiva può essere appresa e praticata, proprio come altre abilità cerebrali. In un certo senso è come un programma preinstallato nel nostro cervello, ma dobbiamo attivarlo e usarlo.

Allo stesso modo, alcuni cambiamenti nelle capacità mentali e neurali della persona possono rovinare il senso dell’umorismo. Un paio di decenni fa, la difficoltà di comprensione dell’umorismo era legata a un danno frontale all’emisfero destro, legato alla personalità, alla consapevolezza di sé e alla risoluzione dei problemi.

In un altro studio di imaging cerebrale molto interessante, i ricercatori hanno scoperto che la comprensione dei fumetti aumenta l’attività neurale nelle aree temporali sinistre legate alla comprensione del linguaggio. Ma anche nei nuclei dopaminergici mesolimbici, come il nucleus accumbens, le cui funzioni comprendono l’integrazione della motivazione con l’azione motoria, la paura, la dipendenza o la risata.

Più anni, meno risate

Con l’età, la capacità di produrre e comprendere l’umorismo diminuisce e si ride meno. Gli esperti lo attribuiscono a una diminuzione della flessibilità cognitiva, del ragionamento astratto e della memoria immediata.

Anche la demenza e l’umorismo sono correlati. Uno studio recente suggerisce che le persone con demenza hanno difficoltà a comprendere gli stimoli umoristici, adottano comportamenti umoristici infantili (probabilmente perché sono loro più familiari) e presentano una discrepanza tra l’emissione di umorismo e il contesto. Questo deterioramento cognitivo rende anche difficile capire gli stimoli satirici, l’umorismo grafico e quelle storie che richiedono di mettersi nei panni del protagonista per capire perché una situazione è divertente.

Sulla stessa linea, le persone con depressione maggiore mostrano difficoltà nell’elaborazione delle componenti cognitive e affettive dell’umorismo, inclusa la capacità di mettersi al posto di un’altra persona, che può influenzare le interazioni sociali. Queste persone mostrano anche prestazioni più scarse nei compiti di inibizione, fluidità verbale e memoria di lavoro.

Sembra indiscutibile che migliorare l’umorismo aiuti ad aumentare il nostro benessere, autostima e identità e ad affrontare meglio possibili paure, insicurezze e situazioni negative. Mettilo in pratica e migliorerai la tua qualità di vita. Non scoraggiarti se non hai il successo che speravi: le persone intorno a te potrebbero non capire il tuo senso dell’umorismo.

Autore

Carmen Noguera Cuenca, José Manuel Cimadevilla, Università di Almeria