pomodori viola (OGM)
Pomodori viola (OGM) JIC Fotografia/ flickr
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:23 Novembre 2022

Il primo alimento geneticamente modificato (OGM) mai reso commercialmente disponibile al pubblico è stato un pomodoro, inventato negli Stati Uniti nel 1994. Da allora, sono stati creati diversi alimenti geneticamente modificati, tra cui mais, cotone, patate e ananas rosa.

Sebbene gli alimenti geneticamente modificati non sono ben accetti, in realtà ci sono molte buone ragioni per cui può valere la pena modificare la genetica di un organismo. Ad esempio, molte razze di alimenti geneticamente modificati li hanno resi più resistenti alle malattie.

È anche possibile modificare gli alimenti per renderli più nutrienti. Prendi ad esempio il riso dorato. Questo grano è stato progettato per avere livelli più elevati di vitamina A, al fine di affrontare le carenze di questo nutriente nei paesi poveri.

Ma nonostante tutti gli sviluppi negli alimenti geneticamente modificati dal 1994, pochi prodotti sono effettivamente arrivati ​​sul mercato. La continua ignoranza del grande pubblico sui prodotti OGM insieme alla riluttanza dei responsabili politici del governo in alcuni paesi hanno ostacolato il progresso degli alimenti geneticamente modificati che passano dal laboratorio al mercato. 

Fare un pomodoro viola

Negli ultimi 14 anni, Cathie Martin ed Eugenio Butelli del John Innes Center di Norfolk, in Inghilterra, e il loro team hanno lavorato allo sviluppo del pomodoro viola. Il loro scopo era quello di progettare un pomodoro che contenesse livelli più elevati di antociani, che potessero essere utilizzati insieme a pomodori non modificati per studiare i benefici degli antociani. Il team ha scelto di modificare un pomodoro perché i frutti sono deliziosi e ampiamente consumati.

Gli antociani si trovano naturalmente in molti frutti e verdure che hanno polpa o buccia rossa, viola o blu, come mirtilli, fragole, melanzane e cavoli rossi. Per produrre un pomodoro viola, il team ha incorporato i geni delle bocche di leone nel DNA dei pomodori.

Il risultato finale di questi esperimenti è stato un frutto unico, e non solo per il suo colore. Sono anche riusciti a ingegnerizzare pomodori che contenevano alti livelli di antociani, paragonabili alla quantità che si trova nei mirtilli, il che è vantaggioso per una serie di motivi.

I livelli più elevati di antociani nei pomodori viola funzionano effettivamente per raddoppiare la loro durata rispetto ai pomodori rossi. Questo perché gli antociani aiutano a ritardare la maturazione e riducono la suscettibilità del frutto agli attacchi dei funghi dopo la raccolta.

Un altro vantaggio degli alti livelli di antociani è che attirano gli impollinatori e gli animali per disperdere i semi, il che aumenta il successo riproduttivo delle piante e la loro resa. Gli antociani proteggono anche le piante dai danni dei raggi UV e le proteggono dagli agenti patogeni, il che massimizza la loro sopravvivenza.

Gli antociani possono anche fare bene alla salute. Studi su altri alimenti che li contengono li hanno collegati a una minore infiammazione, un minor rischio di diabete di tipo 2 e cancro. Possono anche proteggere il cervello dalle malattie, come la demenza.

Mentre sono ancora in corso studi sui benefici dei pomodori viola specifici per gli esseri umani, uno studio che ha nutrito topi inclini al cancro con cibo integrato con pomodori viola ha scoperto che in realtà vivevano il 30% in più rispetto ai topi a cui erano stati somministrati pomodori rossi.

Il futuro degli O.G.M

Negli ultimi anni ci sono stati numerosi sviluppi entusiasmanti nel campo degli alimenti OGM, tra cui i primi pomodori GABA modificati con genoma in Giappone e pomodori arricchiti di vitamina D nel Regno Unito. Entrambi sono stati sviluppati utilizzando la tecnologia di modifica del genoma CRISPR.

La modificazione genetica può offrire molti vantaggi. Non solo potrebbe aiutarci ad affrontare le sfide del cambiamento climatico sviluppando colture più resistenti, ma l’allevamento di piante con livelli più elevati di determinate vitamine e minerali potrebbe potenzialmente consentirci di migliorare la salute e ridurre il carico di molte malattie comuni. Inoltre, le colture OGM possono aiutarci a garantire che tutti, indipendentemente da dove vivono, abbiano accesso a prodotti freschi di alta qualità che fanno bene a loro e all’ambiente.

Gli alimenti OGM sono inoltre strettamente regolamentati in molti paesi, il che significa che tutti i prodotti approvati per il consumo sono sicuri per la salute umana, vegetale e animale.

La sfida più grande ora è convincere più governi in tutto il mondo ad approvare la vendita di questi alimenti geneticamente modificati. 

Autore

Yang Yue, Quadram Institute