inquinamento luminoso
  • Categoria dell'articolo:Ambiente
  • Ultima modifica dell'articolo:19 Settembre 2022

I lettori più grandi ricorderanno sicuramente le notti estive piene di stelle, con la Via Lattea che copre le loro avventure notturne. Tuttavia, l’espansione e l’uso improprio dell’elettricità hanno reso ogni giorno più difficile trovare un luogo dove poter godere di un cielo scuro e stellato.

Si tratta di un problema moderno: l’inquinamento luminoso, la cui definizione più generale è “l’alterazione dei livelli di luce naturale all’esterno a causa di sorgenti luminose artificiali“, sebbene attualmente comprenda altri aspetti, come discuteremo. Ma cominciamo col sapere come ci colpisce.

Una rete per una migliore illuminazione

Quali problemi provoca l’inquinamento luminoso? Da un lato, comporta un inutile dispendio di energia. Produrre luce che non serve è semplicemente uno spreco di energia e quindi denaro.

Inoltre, l’inquinamento luminoso, di per sé e indipendentemente dal dispendio energetico, causa problemi ecologici. Soprattutto perché influisce negativamente sulla sopravvivenza di diverse specie a causa della sua interferenza in processi come l’orientamento, la riproduzione o la predazione.

Come se mancasse qualcosa, può danneggiare anche noi umani con i suoi effetti negativi sulla salute.

Ovviamente, anche l’inquinamento luminoso ostacola, e talvolta impedisce direttamente, le osservazioni astronomiche. Questo è un problema, non solo per i professionisti o gli amanti dell’astronomia, ma sta privando i comuni mortali di una parte importante del nostro patrimonio culturale. Non ci godiamo il cielo stellato e ci sono bambini che non sono stati nemmeno in grado di vederlo.

Visto quanto espresso, l’inquinamento luminoso è un problema poliedrico che richiede un approccio da diverse prospettive. Questo era esattamente ciò che pensavano diversi professionisti quando abbiamo fondato la Rete spagnola per gli studi sull’inquinamento luminoso (REECL) nel 2011. Vi hanno partecipato specialisti in varie discipline interessate all’inquinamento luminoso: astronomia e astrofisica, fisica, biologia, ecologia, fisiologia, ingegneria e anche la legge.

Solo un contesto multidisciplinare consente di dare risposte esaurienti e fornire soluzioni a un problema complesso come l’eccessiva luce artificiale.

Hotspot di inquinamento luminoso in Europa, Asia e Nord Africa
Hotspot di inquinamento luminoso in Europa, Asia e Nord Africa. Mappa dell’inquinamento luminoso

Cecità astronomica e caos ambientale

Indubbiamente, i primi ad attirare l’attenzione su questo problema e, spesso, i più vendicativi, furono astronomi ed esperti di ottica (la parte della fisica che studia le leggi ei fenomeni della luce).

Per chi osserva il cielo di notte, l’eccesso di luce presuppone, paradossalmente, cecità. Infatti, i suoi effetti negativi sulle osservazioni astronomiche rendono necessario localizzare osservatori professionali in luoghi sempre più remoti.

Quanto agli effetti dell’inquinamento luminoso sull’ambiente, a questo punto nessuno contesta che l’inquinamento luminoso sia l’elemento più distorsivo della vita notturna. Raro è l’essere vivente, animale o vegetale, che non ne subisca direttamente o indirettamente le conseguenze. Dopotutto, la maggior parte degli esseri viventi si è evoluta sotto un regime più o meno costante di cicli di luce e oscurità (giorno e notte).

L’introduzione della luce artificiale ha indotto molti organismi a percepire erroneamente questa luce come un segnale che, in condizioni naturali, innesca o interrompe processi cruciali nel loro ciclo di vita. Esempi chiari della minaccia che l’inquinamento luminoso rappresenta per la biodiversità sono la mortalità degli uccelli marini durante i loro primi voli verso il mare o l’alterazione a cascata delle catene alimentari e del funzionamento degli ecosistemi.

Il REECL sostiene da anni studi sull’argomento e ha esperti nel campo: dai ricercatori il cui campo si concentra sugli insetti agli esperti sugli uccelli marini.

Senza l’oscurità notturna, ci ammaliamo

Non meno importante di quanto sopra è l’effetto che la luce dopo ore e l’inquinamento luminoso hanno sulla salute. Gli specialisti in fisiologia, in particolare in cronobiologia, sanno che la luce notturna può ritardare il sonno, causare insonnia e innescare disturbi dell’umore o metabolici, come il diabete o l’obesità. È anche correlato al rischio di alcuni tipi di cancro.

Ma perché siamo noi cronobiologi che ci occupiamo di questa parte? Ebbene, perché gli effetti dannosi della luce notturna sulla nostra salute hanno a che fare con la “confusione” che produce sul nostro orologio interno… Abbiamo infatti un orologio biologico, situato in una piccola porzione nascosta del nostro cervello (nello specifico, nei nuclei soprachiasmatici) che è responsabile della sincronizzazione dei processi fisiologici affinché il nostro corpo funzioni al meglio durante il giorno e la notte. Ha solo un piccolo “bug”, e cioè che ha bisogno di impostare l’ora ogni giorno, perché tende ad essere tardi.

È proprio il passaggio quotidiano tra la luce del giorno e l’oscurità della notte che è responsabile di questo ripristino quotidiano. Si tratta di un ciclo che, ovviamente, è stato prodotto inesorabilmente per milioni di anni, fino a quando, appunto, è arrivata la luce elettrica. E con esso, il deterioramento di quel bene prezioso che è l’oscurità notturna.

Ecco perché è così importante per i cronobiologi studiare come l’inquinamento luminoso influenzi i ritmi circadiani, cioè variabili fisiologiche che si ripetono all’incirca ogni 24 ore, come il ciclo sonno-veglia stesso, la temperatura corporea o la secrezione di ormoni come la melatonina e il cortisolo.

In altre parole, il suo ruolo è quello di specificare cosa accade con questo fenomeno ciclico di luce-oscurità quando il buio diventa “meno scuro” e più corto e, contemporaneamente, la giornata si fa più fioca a causa del lungo tempo che trascorriamo al chiuso. luce naturale.

Non si tratta di spegnere (anche quello), ma di accendersi meglio

Nel REECL è chiaro che la notte, in alcune circostanze, deve essere illuminata. E proprio gli studi che nascono in questo contesto di collaborazione multidisciplinare mirano ad aiutare a illuminare solo ciò che è necessario attraverso un’illuminazione responsabile che riduca al minimo i danni al cielo stellato, all’ambiente e alla salute.

È importante non dimenticare che la luce artificiale esterna di notte è un agente inquinante. Tutta luce, non solo luce “non necessaria” o “eccessiva”. Gestiamolo come tale.

Forse così facendo ci permetterà di salvare la Via Lattea dalla memoria in modo che possa far parte della nostra eredità al patrimonio culturale di coloro che verranno dopo di noi.

Autore

María de los Ángeles Rol de Lama, Università di Murcia, Airam Rodríguez, Università Autonoma di Madrid, Jaime Zamorano, Università Complutense di Madrid, Joaquín Baixeras Almela, Università di Valencia, María Ángeles Bonmatí Carrión, Università di Murcia, Salvador Bará, Università di Santiago di Compostela