Al momento stai visualizzando Cos’è The Line, la metropoli in costruzione in Arabia Saudita
  • Categoria dell'articolo:Tecnologia
  • Ultima modifica dell'articolo:14 Settembre 2022

Con l’avanzare rapidamente del cambiamento climatico, molti stati del Medio Oriente mirano a passare da economie basate sul carbonio a alternative che attirino persone da tutto il mondo, per turismo, affari, lavoro o per vivere.

Uno di questi esempi è uno sviluppo noto come NEOM, da costruire in Arabia Saudita.

Una parte fondamentale del piano è “The Line”, una città futuristica da 490 miliardi di dollari progettata per ospitare 9 milioni di residenti. Si compone di una struttura a specchio, simile a una parete, larga 200 metri e alta 500 metri. Da costruire nella provincia nord-occidentale di Tabuk dell’Arabia Saudita, il progetto si estenderà per 170 chilometri nell’entroterra del Mar Rosso attraverso paesaggi costieri, montuosi e dell’alta valle.

The Line afferma di stabilire un nuovo punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile. La sua impronta è di soli 34 chilometri quadrati (meno di 4 metri quadrati a persona), occupando una frazione del sito di 26.500 chilometri quadrati di NEOM. Ciò consente un tocco più leggero sul paesaggio di quanto ci si aspetterebbe normalmente per una mega città. Inoltre, il progetto NEOM comprende un aeroporto e un porto marittimo, aree industriali, centri di ricerca, luoghi sportivi e di intrattenimento e destinazioni turistiche.

La linea è pubblicizzata come un’eco-città post-carbonio, ma la portata delle sue ambizioni solleva seri interrogativi sul fatto che il progetto possa raggiungere i suoi obiettivi ambientali, economici e sociali in pochi anni.

NEOM | Cos’è?

Il diavolo è nei dettagli

A prima vista, il progetto sembra impressionante dal punto di vista ambientale. Il confine urbano non dista più di 100 metri da qualsiasi punto della città. Un servizio di trasporto pubblico elettrico ad alta velocità assicura che nessuna parte della linea sia a più di 20 minuti di distanza.

Risiedere in una struttura così gigantesca implica uno stile di vita claustrofobico. Ma, in teoria, ogni residente godrebbe in media di 1.000 metri cubi di volume urbano. È molto più generoso della maggior parte degli ambienti urbani densi.

Sfortunatamente, come in molti grattacieli ad alta densità, sarebbe necessario un sofisticato sistema di trasporto verticale. La struttura è equivalente a un tradizionale grattacielo di 125 piani.

Anche i costi del progetto sembrano modesti a 55.000 dollari per residente. Diciamo che questo è realizzabile in un paese con costi del lavoro molto più bassi rispetto alle economie sviluppate e riguarda solo le infrastrutture. Anche allora, resta da vedere come il trasporto ad altissima velocità e infrastrutture e servizi all’avanguardia all’interno dell’edificio più imponente mai costruito possano essere convenienti.

Il design lineare alla base di The Line non è un’idea nuova. L’urbanista spagnolo Arturo Soria y Mata sviluppò un concetto di “città lineare” nel 1882. Questo concetto consentiva grandi efficienze nelle infrastrutture (come acqua, elettricità, gas e trasporti) incorporandole lungo uno stretto corridoio urbano lineare. Un elemento chiave del progetto è stato quello di “ruralizzare” la città e “urbanizzare” la campagna.

The Line fa eco a questo concetto. Tuttavia, ci si interroga sui suoi impatti sulla campagna. In che modo una barriera continua a specchio alta 500 metri, che riflette il calore e la luce del deserto e taglia il paesaggio per 170 km, può influenzare la biodiversità locale?

La Linea sembra essere orientata lungo un asse est-ovest. Questo può essere ottimale per la gestione del solare termico, ma è probabile che proietti grandi ombre in pieno inverno.

Impatto ambientale e comunitario

La linea punta a vivere a emissioni zero. L’energia proviene da fonti rinnovabili, l’idrogeno verde genera reddito da esportazione, le acque reflue vengono riciclate e presenta le ultime tecnologie di “città intelligenti” ed edifici a uso misto. La proprietà dell’auto è evitata a favore di passeggiate a piedi, in bicicletta e con i trasporti pubblici.

Tuttavia, i materiali e la costruzione di un progetto così enorme potrebbero essere molto ad alta intensità di emissioni.

Il concetto afferma che nessuno sarebbe a più di due minuti dalla natura (in altre parole, il confine urbano al livello del suolo). Ma questo tiene conto dei tempi di attesa per un passaggio? Senza un’attenta progettazione, un’elevata dipendenza dal trasporto verticale può ostacolare le speranze di aree realmente percorribili a piedi o adatte alle biciclette.

La Linea può essere sviluppata in moduli, ma non è chiaro se questi corrispondano a quartieri.

E gli individui, le aziende e altre entità avranno il potere creativo su come vengono espressi i loro progetti o tutte le parti della città avranno lo stesso aspetto?

L’espressione indipendente della forma costruita è una parte intrinseca delle città convenzionali, ma potrebbe non essere possibile con una struttura rigida come The Line. Ciò solleva interrogativi sul fatto che le persone si affezionino.

Creare e mantenere una visione

La linea doveva essere completata entro il 2025 con il desiderio di rivoluzionare la vita urbana. Con la costruzione che deve ancora iniziare sul serio, resta da vedere se una megalopoli così complessa potrà essere completata così presto.

E la proposta progettuale fa un cenno prezioso a fattori importanti come:

  • struttura comunitaria
  • diversità di tipologie familiari
  • probabile demografia
  • governo
  • diritti individuali (uguaglianza dei diritti, proprietà, accesso ai servizi sociali, coinvolgimento civico e cittadinanza)
  • tolleranza delle diverse credenze religiose e spirituali.

La Linea promette di avere “l’esperienza umana” al centro, che ci saranno “leggi progressiste” e l’assistenza sanitaria faciliterà “l’empowerment individuale”.

Ma mantenere questa visione può essere difficile poiché i nuovi migranti portano i propri valori.

Illustrazione artistica di The Line dove incontra il Mar Rosso. The Line mostra pubblica di design/NEOM
Illustrazione artistica di The Line dove incontra il Mar Rosso. The Line mostra pubblica di design/NEOM

Un progetto di costruzione della nazione

The Line sembra essere un enorme esercizio di costruzione della nazione. La sua prevista popolazione di 9 milioni rappresenta un aumento del 25% rispetto all’attuale popolazione dell’Arabia Saudita di 35 milioni di persone.

Il focus di marketing di The Line è sulla sostenibilità ambientale, la tecnologia, il lusso e gli stili di vita professionali, l’innovazione e una posizione strategica. Ciò suggerisce che i suoi progettisti e designer intendono produrre uno sviluppo urbano nuovo ed esemplare che trasformerà rapidamente l’Arabia Saudita in un futuro post-carbonio.

Tutti gli elementi sono lì per farlo. Ma, dal punto di vista della pianificazione e della costruzione, richiederà un’enorme forza di volontà, peso finanziario e capacità.

E resta da vedere con quale successo The Line attirerà i residenti di cui ha bisogno per avere successo.

Autore

Andrew Allan, Subha Parida, Università dell’Australia Meridionale