pesce leone nel Mediterraneo
  • Categoria dell'articolo:Ambiente & Energia
  • Ultima modifica dell'articolo:21 Dicembre 2022

L’oceano sostiene tutta la vita sul nostro pianeta. Fornisce cibo da mangiare e ossigeno da respirare, svolgendo un ruolo chiave nella moderazione del nostro clima. Ma la vita marina è sempre più minacciata dal cambiamento climatico. L’oceano sta diventando notevolmente più caldo, compromettendo la sua capacità di sostenere la vita.

Le temperature torride osservate nel Mediterraneo quest’anno sono indicative dell’aumento delle temperature globali. Questo è destinato a continuare nel prossimo secolo, a seconda della quantità di CO₂ che continuiamo a emettere.

L’Agenzia internazionale per l’energia ha riferito che le emissioni globali di CO₂ legate all’energia sono aumentate del 6% nel 2021 al livello più alto mai raggiunto.

Il Mediterraneo è stato oggetto di intense condizioni termiche negli ultimi anni. Questo ha compiuto un ulteriore passo importante quest’anno, con le temperature del mare che hanno raggiunto un record di 30,7°C al largo della Corsica.

Un’ondata di caldo marino è definita come un periodo prolungato di temperature del mare anormalmente elevate, rispetto alla media stagionale. Hanno raddoppiato la frequenza dagli anni ’80.

A causa del ritardo tra l’inizio e la pubblicazione del lavoro ecologico, lo studio più completo che abbiamo sulle ondate di caldo marine nel Mediterraneo copre il periodo 2015-2019.

Lo studio ha rilevato che le temperature del mare registrate nel Mediterraneo nel periodo erano le più alte dall’inizio della registrazione nel 1982. Su quasi mille indagini sul campo condotte, i ricercatori hanno scoperto che il 58% di esse conteneva prove della diffusa mortalità della vita marina, strettamente collegata a periodi di caldo estremo.

La ricerca fornisce una panoramica degli impatti ecologici futuri delle ondate di calore marine altrove. Ciò è significativo in quanto sono previsti sostanziali aumenti della temperatura in particolare per le regioni tropicali e polari.

Sebbene l’oceano agisca come un grande pozzo di carbonio, dobbiamo ancora affrontare aumenti della temperatura superficiale del mare che vanno da 1 a 3°C prima della fine del secolo. Collegate a questo riscaldamento generale sono le ondate di calore marine di crescente frequenza e intensità.

Gran parte della ricerca sulle ondate di caldo marine rileva che colpiscono in modo particolarmente forte determinati habitat, comprese le barriere coralline, le fanerogame marine e le alghe. Le ondate di caldo marine sono risultate responsabili della perdita fino all’80% della popolazione di alcune specie mediterranee tra il 2015 e il 2019.

Un evento di mortalità di massa è un singolo incidente catastrofico che spazza via rapidamente un gran numero di specie. Circa l’88% di questi eventi nel Mediterraneo sono stati associati agli abitanti dei fondali marini duri, come i coralli. Tuttavia, anche le fanerogame marine e la comunità più diversificata dei fondali molli sono state gravemente colpite, rappresentando rispettivamente il 10% e il 2% di questi eventi.

Morti in acque poco profonde

Più di due terzi delle morti di organismi marini che si verificano sui fondali duri del mare sono avvenute nelle acque più basse. Gli ambienti marini con una profondità di 0 – 25 metri sono soggetti a un riscaldamento particolarmente intenso e ospitano alcuni degli ecosistemi più ricchi di biodiversità del Mediterraneo, formati da organismi simili ai coralli. Altre ricerche stimano che le ondate di caldo marine siano state responsabili della perdita dell’80-90% della densità dei coralli mediterranei dal 2003.

Le specie di fondazione tendono ad essere organismi che formano l’habitat e sono quindi fondamentali nella strutturazione di un ecosistema. Fungono da vivai, forniscono protezione contro i predatori e fungono da fonte di cibo. Le specie fondamentali sono fondamentali per sostenere la biodiversità e la loro perdita avrà ripercussioni su altre specie. Come specie di fondazione, la perdita di coralli, fanerogame e alghe è particolarmente preoccupante.

Non è solo un intenso stress da caldo a causare eventi di mortalità. Le alte temperature dell’acqua sono associate alla proliferazione di organismi patogeni, come batteri, funghi e virus. Ciò può ridurre ulteriormente la capacità dell’ecosistema di adattarsi al caldo estremo, contribuendo a un ulteriore danno ecologico.

La migrazione della vita marina

Oltre a provocare la morte diffusa della vita marina, le ondate di caldo marine spesso innescano la migrazione. Le specie invasive di acqua calda si sposteranno verso le aree più calde, sostituendo le specie che sfuggono all’aumento delle temperature. Prove aneddotiche suggeriscono che le temperature eccezionali osservate in tutto il Mediterraneo quest’estate potrebbero guidare un’ampia migrazione di massa.

In Grecia, gli scienziati hanno osservato una maggiore abbondanza di specie invasive provenienti da acque più calde. Ciò include il pesce leone e il pesce rospo dalle guance argentate, entrambi tossici e potenzialmente in grado di infliggere notevoli danni ecologici.

Alcune ricerche suggeriscono addirittura che le specie invasive nel Mediterraneo orientale, dove le popolazioni autoctone sono crollate, diventeranno presto le uniche in grado di sostenere gli ecosistemi.

Ci sono stati anche avvistamenti di barracuda non autoctoni al largo della costa meridionale della Francia. L’invasione di specie predatrici, che trovano nuove prede affrontando un minor numero di predatori, potrebbe alterare considerevolmente il funzionamento degli ecosistemi del Mediterraneo, molto probabilmente in una forma meno ricca con una minore diversità di specie.

Tuttavia, mentre le prove aneddotiche sono abbondanti, la ricerca sugli effetti ecologici delle ondate di caldo marine rimane agli albori. Occorrono ulteriori solidi studi scientifici su cui sviluppare modelli di scenari futuri realistici.

All’interno di alcuni rami della comunità scientifica, la recente intensità e frequenza delle ondate di calore marine suggerisce che siamo arrivati ​​a un “clima finale“. Ciò comporta la preparazione per tutte le conseguenze della diffusa mortalità delle specie marine, qualora le emissioni non fossero ridotte. La probabile devastante ondata di caldo marino del Mediterraneo di quest’anno non farà che aggiungere carburante a tali discussioni.

Autore

John SpicerUniversità di Plymouth