Al momento stai visualizzando Come le ondate di caldo invernale influiscono su umani e natura
  • Categoria dell'articolo:Ambiente
  • Ultima modifica dell'articolo:12 Gennaio 2023

Un’ondata di caldo invernale estremo ha portato i paesi di tutta Europa ha vivere un capodanno con caldo da record. Nuovi record di temperatura giornalieri per il mese di gennaio sono stati stabiliti in almeno otto paesi: Bielorussia, Repubblica Ceca, Danimarca, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Paesi Bassi e Polonia.

In molti casi le temperature non si sono limitate a rompere i vecchi massimi, ma li hanno infranti con enormi margini. In una tipica giornata di gennaio a Varsavia, in Polonia, le temperature supererebbero a malapena lo zero, eppure la città ha recentemente registrato 19℃, superando il precedente massimo di gennaio di 5,1℃.

Nuovi record di gennaio sono stati stabiliti in migliaia di singole stazioni in molti altri paesi, come 25,1°C all’aeroporto di Bilbao in Spagna, 0,7°C in più rispetto al record precedente stabilito solo lo scorso anno. Ampie aree dell’Europa centrale e orientale hanno sperimentato temperature da 10 ℃ a 15 ℃ più calde della media per questo periodo dell’anno, e questo è persistito per tutta la settimana.

Quando l’Europa ha sperimentato un caldo estremo nel luglio dello scorso anno, sono morte più di 20.000 persone. Fortunatamente le ondate di caldo invernale sono molto meno letali, ma possono comunque influenzare in molti modi sia la società umana che gli ecosistemi naturali.

È necessaria meno energia

In Europa i decessi dovuti al freddo superano di gran lunga quelli causati da temperature estremamente elevate – nel Regno Unito sono dieci volte di più. Inverni più caldi ridurranno questa mortalità in eccesso e, con l’attuale crisi del costo della vita, molti saranno stati sollevati dal fatto che un’ondata di caldo significasse meno energia necessaria per riscaldare le loro case.

La domanda di elettricità è influenzata da cose come l’ora del giorno, il giorno della settimana e fattori socio-economici. Anche il meteo fa la differenza. Ad esempio, in Polonia e nei Paesi Bassi la domanda è stata notevolmente inferiore alla media, soprattutto perché il 1° gennaio era domenica. L’entità dell’ondata di caldo significava anche che i paesi potevano ricaricare parte delle loro riserve di gas invernale.

Rese ridotte per alcune colture

Tuttavia, i periodi di caldo invernale non hanno sempre un impatto così positivo. Ad esempio, la mancanza di neve in montagna influisce sull’agricoltura e può ridurre la resa dei raccolti, poiché la neve crea una coltre isolante che impedisce al gelo di penetrare nel terreno. Ciò significa che la neve può effettivamente aumentare l’umidità del suolo più delle precipitazioni, migliorando così le condizioni di crescita più avanti nella stagione.

Il grande scioglimento della neve in primavera riempie i bacini idrici e consente la generazione di energia idroelettrica, ma lo scioglimento imprevisto della neve può portare a inondazioni. Le modifiche ai tempi di questi eventi richiederanno preparazione e adattamento per consentire una fornitura costante di acqua dove ne abbiamo bisogno.

Temperature più calde creeranno stagioni di crescita più lunghe in molte regioni. Questo non è sempre il caso però. Uno studio recente ha dimostrato che per le praterie alpine una stagione di crescita anticipata (il punto in cui la neve si è completamente sciolta) porta all’invecchiamento e all’imbrunimento delle erbe nella parte successiva dell’estate.

L’economia della neve è in difficoltà

L’ondata di caldo ha causato la chiusura delle stazioni sciistiche delle Alpi in quello che dovrebbe essere il periodo dell’anno più affollato. A gennaio ci si aspettava che le piste avessero una buona copertura di neve, ma invece abbiamo visto campi erbosi verdi.

Ciò colpisce l’economia locale dove molte persone si affidano al turismo degli sport invernali. Eventi come la Coppa del mondo di sci alpino di Adelboden si affidano all’innevamento artificiale, che comporta un ulteriore costo ambientale che aumenta l’impronta di carbonio delle stazioni sciistiche e richiede un grande approvvigionamento idrico. In effetti, le Olimpiadi invernali di Pechino hanno utilizzato l’equivalente dell’acqua potabile giornaliera per 900 milioni di persone per generare la neve artificiale necessaria.

Animali non sincronizzati con il clima

Noi esseri umani siamo forse fortunati, poiché siamo in grado di adattarci. Alcune stazioni sciistiche hanno già aperto percorsi per mountain bike in inverno per offrire un turismo alternativo, ma la fauna e gli ecosistemi non possono adattarsi così rapidamente.

In montagna molte specie, come la pernice bianca e la lepre di montagna, cambiano colorazione per l’inverno per mimetizzarsi nel bianco della neve. La tempistica di questo cambiamento è determinata dalla lunghezza del giorno, non dalla temperatura o dalla quantità di neve. Queste creature corrono un rischio maggiore di essere predate quando fa più caldo.

Nell’ultimo secolo le temperature estreme in Europa sono aumentate in intensità e frequenza. Sia il riscaldamento generale che l’ondata di caldo sono stati fermamente attribuiti agli esseri umani.

Le proiezioni future suggeriscono che queste tendenze continueranno e le ondate di caldo sia in estate che in inverno diventeranno più calde, dureranno più a lungo e si verificheranno più spesso. Dobbiamo imparare ad adattarci a questi cambiamenti in tutte le stagioni e pensare agli impatti su tutti – e tutto – sul nostro pianeta.

Autore

Vikki Thompson, Hannah BloomfieldUniversità di Bristol