consumo di carne
  • Categoria dell'articolo:Ambiente
  • Ultima modifica dell'articolo:21 Novembre 2022

Il sistema alimentare globale è attualmente responsabile di circa un quarto di tutti i gas serra prodotti dall’uomo, una cifra destinata ad aumentare. L’aumento delle emissioni del sistema alimentare da solo minaccia un riscaldamento superiore a 1,5. Non c’è dubbio che dobbiamo smettere di bruciare combustibili fossili, ma anche ridurre il consumo di bestiame nei paesi ad alto e medio reddito è vitale sia per proteggere il clima che per ripristinare la natura.

Ecco quattro motivi per cui è necessario mettere in tavola meno carne (e latticini) nei nostri piatti

1. Il bestiame ha un’elevata impronta di carbonio

Non è molto efficiente coltivare le piante per il bestiame quando potremmo mangiare le piante direttamente da soli. Anche se mucche, pecore e capre possono mangiare l’erba, a differenza degli umani, hanno ancora bisogno di molta terra per il pascolo che potrebbe altrimenti immagazzinare più anidride carbonica come foreste naturali, praterie o paludi, o in alcuni casi essere utilizzata per coltivare colture vegetali per il consumo umano. Questi animali producono anche notevoli quantità di metano nei loro sistemi digestivi, che è un potente gas serra.

L’impronta di carbonio di manzo e agnello è circa tre volte superiore a quella di maiale, pollame o pesce d’allevamento per 100 g di proteine ​​e 24 volte superiore a quella di legumi come fagioli e lenticchieIl bestiame produce solo il 18% delle calorie globali e il 37% delle proteine, ma è responsabile di oltre la metà delle emissioni di gas serra del cibo.

Piccole quantità di carne e latticini hanno un ruolo nei sistemi alimentari sostenibili, mentre alcune piante hanno un impatto ambientale piuttosto elevato e alcune come le noci utilizzano molta acqua. Ma in generale, anche la carne con l’impronta di carbonio più bassa ha ancora emissioni più elevate rispetto agli alimenti a base vegetale che sono ricchi di proteine.

2. Ridurre la produzione di bestiame proteggerebbe la natura

I terreni agricoli occupano il 50% della terra abitabile della Terra e la stragrande maggioranza di quei terreni agricoli viene utilizzata per il bestiame e il loro mangime. L’agricoltura è la principale causa di perdita dell’habitat naturale, che è la più grande minaccia per la fauna selvatica. La produzione di carne bovina è il principale fattore di perdita della foresta tropicale.

Mangiare più carne significa che più habitat naturale deve essere disboscato, e le diete delle persone nei paesi ad alto e medio reddito possono essere fattori chiave della deforestazione globale. Al contrario, ridurre il consumo di carne libererebbe terreni che potrebbero essere ripristinati a beneficio delle persone e della fauna selvatica e immagazzinare carbonio.

3. La produzione di carne è quadruplicata dagli anni ’60

Dal 1961, la produzione di carne nel mondo è quadruplicata poiché l’offerta di carne per persona è quasi raddoppiata (da 23 kg a più di 43 kg ) e la popolazione umana è più che raddoppiata (da 3 miliardi a 8 miliardi).

Il numero di animali macellati ogni anno è di conseguenza salito alle stelle. Il numero di polli uccisi ogni anno è decuplicato dagli anni ’60 (da 6,6 miliardi a 68,8 miliardi), i maiali sono quasi quadruplicati (da 0,4 miliardi a 1,5 miliardi) e le mucche sono aumentate da 0,2 miliardi a 0,3 miliardi.

Anche il consumo di carne è distribuito in modo molto disomogeneo. Proprio come i paesi più ricchi tendono ad avere maggiori emissioni di gas serra, tendono anche a mangiare più carne. Ad esempio, al cittadino americano medio vengono riforniti 124kg di carne all’anno, mentre in Cina, Nigeria e India sono rispettivamente 61kg, 7kg e 4kg.

Mappa dell'offerta di carne per paese.
Una mappa dell’offerta globale di carne è simile a una mappa delle impronte di carbonio o dei redditi medi. FAO / Il nostro mondo in datiCC BY-SA

4. Più sostenibile significa più sano

Le diete sane e sostenibili si sovrappongono ampiamente: diete con piccole quantità di carne rossa e lavorata e ricche di verdure, cereali integrali e legumi. Ci sono alcune importanti eccezioni: il pesce azzurro fa bene alla salute, ma il carburante utilizzato dai pescherecci significa che generalmente ha emissioni di gas serra più elevate rispetto alle proteine ​​vegetali, mentre molte popolazioni ittiche sono sovrasfruttate. Lo zucchero, invece, ha un impatto ambientale relativamente basso ma non ha alcun valore nutritivo oltre alle calorie.

La Planetary Health Diet – una dieta sana studiata per ridurre al minimo i danni ambientali – consiglia in media tre piccole porzioni di carne, due piccole porzioni di pesce e sette bicchieri di latte a settimana. Tuttavia, molte delle persone più povere nei paesi a basso reddito mangiano meno carne e pesce di questa quantità o non hanno accesso a cibi alternativi sani. Potrebbero trarre vantaggio dall’aumento, non dalla diminuzione, della quantità di prodotti animali che mangiano. Questo rende ancora più vitale che le persone che mangiano molta carne, pesce e latticini lo riducano.

Esistono molte politiche diverse che potrebbero rendere più accessibili le diete sane e sostenibili. Questi includono la rimozione dei sussidi per l’allevamento di bestiame, l’aiuto agli allevatori di bestiame nella transizione verso sistemi di allevamento alternativi, la creazione di menu principalmente a base vegetale e la promozione di cambiamenti di comportamento attraverso un posizionamento prominente e prezzi più convenienti per cibo sano e sostenibile. L’istruzione e l’informazione pubblica, per quanto importanti, non saranno sufficienti da sole. Dobbiamo fare un passo avanti: il pianeta dipende da questo.

Autore

Emma Garnett, Sustainability Research Fellow, University of Cambridge