animali
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:23 Ottobre 2021

Pochi minuti dopo che Melbourne è stata scossa dal terremoto di ieri, i miei amici vittoriani hanno riferito di cambiamenti nel comportamento dei loro animali.

Gatto
He Gong/Unsplash, CC BY-SA

Un amico ha scritto sui social media che il suo cane Harvey è rimasto nel corridoio ad ululare per cinque minuti interi prima che la terra si muovesse. Un collega ha riferito che la sua ricezione televisiva era confusa, ma quando è uscito per controllare l’antenna, ha notato una “insolita e sorprendente assenza di canto degli uccelli” prima di sentire il terremoto.

Il gatto del mio amico Henry è inspiegabilmente scomparso prima del terremoto, ma è tornato a casa sano e salvo dopo poche ore. Al contrario, il suo rozzo collie Angie – che è terrorizzato dalle tempeste – è stato riferito “totalmente freddo” prima, durante e dopo l’evento sismico.

I terremoti sono inquietanti, terrificanti e potenzialmente fatali. Il terremoto di Newcastle del 1989 ha ucciso 13 persone e ne ha ferite 160. Se i nostri compagni animali possono avvisarci quando un evento come questo sta per accadere, potrebbe salvarci davvero la vita. Ma possono davvero? Diamo un’occhiata alle prove.

La letteratura scientifica fornisce dozzine di resoconti aneddotici di animali da compagnia, bestiame, animali selvatici e persino insetti che si comportano in modo strano prima dei terremoti.

Ma una revisione di 180 pubblicazioni che riportavano 700 registrazioni di comportamenti animali anormali o insoliti prima di 160 terremoti ha rilevato che le prove che correlavano questi comportamenti con i terremoti successivi erano deboli.

La maggior parte delle segnalazioni erano aneddotiche e sono state fatte dopo il terremoto, rendendole vulnerabili al “recall bias”. In parole povere, è più probabile che le persone interpretino il comportamento del loro animale come strano alla luce di un evento particolarmente memorabile o traumatico.

Per stabilire che comportamenti animali insoliti possono prevedere i terremoti, gli scienziati dovrebbero osservare gli animali in condizioni ambientali controllate per lunghi periodi di tempo, abbastanza a lungo da poter osservare il loro comportamento prima, durante e dopo i terremoti. Per essere sicuri che gli animali si comportino davvero in modo strano prima di un terremoto, dovremmo anche vederli non comportarsi in modo strano quando non c’è un terremoto imminente.

Purtroppo, le prove non si avvicinano a questo. Ma della revisione gli autori hanno trovato il comportamento presunto “predittiva” negli animali si è verificato intorno allo stesso tempo come “ foreshocks ” – piccoli terremoti che precedono il principale evento sismico.

Cucciolo nell'erba che sembra nervoso
Gli animali possono semplicemente essere molto più bravi di noi a rilevare minuscole vibrazioni o suoni nel terreno. Marcus Wallis/Unsplash , 
CC BY-SA

Se questo è il caso, allora ciò che le persone interpretano come capacità degli animali di “prevedere” i terremoti potrebbero in realtà essere reazioni alle vibrazioni o ai suoni dei terremoti che sono troppo deboli per essere rilevati da noi umani.

Questo non sarebbe sorprendente, dato che gli animali spesso ci superano quando si tratta di percezioni sensoriali, come l’ olfatto. E ha senso, dato che quasi il 60% dei comportamenti animali insoliti associati ai terremoti si sono verificati nei cinque minuti precedenti il ​​terremoto .

Paura e volo

La paura, l’ansia o l’angoscia innescate dalle scosse premonitori potrebbero spiegare perché gli animali mostrano comportamenti come vocalizzare (come Harvey il cane che ulula) o fuggire in un luogo in cui si sentono più al sicuro (come Henry il gatto che scompare).

Ma ovviamente è possibile che Harvey e Henry si siano comportati così per ragioni puramente non legate al terremoto e il tempismo è stato una pura coincidenza. Ci sono molte ragioni per cui un cane può ululare (un corriere apre il cancello principale) o un gatto può scomparire (il tuo gatto può sentire un rumore forte e nascondersi sotto il letto), ma tendiamo a stabilire il collegamento solo quando siamo consapevoli degli stessi stimoli.

Quello che sappiamo è che gli animali possono essere gravemente colpiti dai terremoti, a causa di lesioni, spostamenti o accesso compromesso al cibo e all’acqua. Migliaia di animali, insieme a 185 persone, sono morti nel terremoto di Christchurch del 2011 e molti altri animali sono rimasti senza casa a causa dei danni alle proprietà.

Il terremoto di ieri è anche un importante promemoria per le persone con animali da compagnia per includerli nella pianificazione delle emergenze. Cani e gatti devono essere identificati con un collare ed essere etichettati e dotati di microchip. E non dimenticare di aggiornare i dettagli di contatto se cambi casa o cambi il tuo numero di telefono, in questo modo sarai più facilmente riunito.

Anne Quain, Lecturer, University of Sydney

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.