Illustrazione artistica di un pianeta extrasolare
  • Categoria dell'articolo:Scienza / Tecnologia
  • Ultima modifica dell'articolo:3 Dicembre 2022

Questa è una domanda che gli esseri umani si sono posti per migliaia di anni.

Ecco come l’ha posta l’antico matematico greco Metrodorus (400-350 a.C.): un universo in cui la Terra è “l’unico mondo“, ha detto, è credibile quanto un “grande campo contenente un singolo gambo“.

Circa 2000 anni dopo, nel XVI secolo, il filosofo italiano Giordano Bruno suggerì qualcosa di simile.

Innumerevoli soli e innumerevoli terre” esistevano altrove, disse, tutti ruotavano “intorno ai loro soli esattamente allo stesso modo dei pianeti del nostro sistema solare”.

Gli scienziati ora sanno che sia Metrodorus che Bruno avevano sostanzialmente ragione. Oggi, gli astronomi stanno ancora esplorando questa domanda, utilizzando nuovi strumenti.

Gli esopianeti

Ora ci sono prove che dimostrano l’esistenza di “esopianeti“, cioè pianeti in orbita attorno a stelle diverse dal nostro Sole.

Questa prova si basa sulle scoperte fatte dal telescopio spaziale Kepler, lanciato dalla NASA nel 2009.

Per quattro anni, il telescopio ha fissato ininterrottamente una singola regione dello spazio all’interno della costellazione del Cigno.

Guardando dalla Terra, è un’area che occupa meno dell’1% della porzione di cielo visibile.

Un'illustrazione mostra il telescopio Kepler nello spazio, accanto a una stella e ai suoi pianeti
Illustrazione artistica del telescopio spaziale Kepler della NASA. Immagini NASA

Come funzionava il telescopio

Kepler aveva a bordo 42 fotocamere, simili al tipo di fotocamera per smartphone che usi normalmente per scattare foto. In quella regione, il telescopio ha rilevato più di 150.000 stelle.

Circa ogni mezz’ora osservava la quantità di luce irradiata da ciascuna stella. Tornato qui sulla Terra, un team di scienziati ha analizzato i dati.

Per la maggior parte delle stelle, la quantità di luce è rimasta più o meno la stessa.

Ma per circa 3.000 stelle, la quantità di luce è diminuita ripetutamente, di piccole quantità e per diverse ore. Questi cali di luminosità si sono verificati a intervalli regolari, come un orologio.

I cali di luminosità, hanno portato gli astronomi a concludere che sono state causate da un pianeta in orbita attorno alla sua stella, bloccando periodicamente parte della luce che le telecamere di Kepler avrebbero altrimenti rilevato.

Questo evento – quando un pianeta passa tra una stella e il suo osservatore – è noto come transito.

E questo significa che in quell’unico granello di spazio il telescopio Kepler ha trovato 3000 pianeti.

Animazione: Esopianeta distante in transito sulla sua stella

Questo è solo l’inizio

Anche se 3000 pianeti sembrano tanti, è certo che molti altri all’interno di quell’area non vengono rilevati.

Questo perché le loro orbite non hanno mai bloccato la luce vista da Keplero. Dopotutto, le orbite planetarie non sono tutte uguali; sono orientati in modo casuale.

Ma a causa del numero di transiti osservati da Keplero e della conoscenza della geometria degli astronomi, possiamo fare una buona ipotesi sul numero totale di esopianeti là fuori.

E dopo aver fatto questi calcoli, gli scienziati ora pensano, in media, che ogni stella abbia almeno un pianeta.

Questa scoperta ha rivoluzionato l’astronomia e la nostra visione dell’universo.

100 miliardi di stelle, 100 miliardi di pianeti

Ad esempio, la nostra galassia la Via Lattea ha almeno 100 miliardi di stelle; ciò significa che ha anche almeno 100 miliardi di pianeti.

Ma ricorda: l’universo contiene fino a 2 bilioni di galassie. Sono 2.000.000.000.000! E ogni galassia contiene decine o addirittura centinaia di miliardi di stelle.

Quindi il numero di pianeti nell’universo è veramente astronomico, approssimativamente equivalente al numero di granelli di sabbia su ogni spiaggia sulla Terra.

Alcuni di quei pianeti sono giganti gassosi, come Giove nel nostro sistema solare. Altri sono bollenti, come Venere. Altri possono essere mondi acquatici o pianeti di ghiaccio. E alcuni sono simili alla Terra.

In effetti, il team di Kepler ha calcolato l’abbondanza di pianeti simili alla Terra nella “zona abitabile“, un settore di spazio attorno a ciascuna stella in cui un mondo potrebbe avere temperature moderate e acqua liquida.

Hanno scoperto che circa il 50% delle stelle simili al Sole nella Via Lattea ospita un pianeta simile alla Terra nella zona abitabile.

Ciò equivale a miliardi di mondi potenzialmente abitabili solo nella nostra galassia.

Illustrazione della zona abitale intorno a una stella

Potrebbe esistere la vita altrove su altri pianeti?

Sebbene gli scienziati non abbiano ancora trovato prove, molti ora pensano che sia improbabile che la Terra sia l’unico pianeta in cui si è evoluta la vita. Sarebbe sorprendente come un grande campo contenente solo un singolo gambo.

Quando gli umani rileveranno la vita altrove? Sarà vita intelligente? Le persone riceveranno mai un messaggio da un’altra civiltà?

Oggi centinaia di scienziati in tutto il mondo stanno cercando di rispondere a queste domande.

Autore

Jean-Luc Margot, Professore di Scienze della Terra, Planetarie e Spaziali, Università della California, Los Angeles