ipnosi

Forse a causa del cinema e della televisione, molti ancora associano l’ipnosi ad atti magici o a praticanti di incantesimi oscuri che tolgono la nostra volontà. Ma se la spogliamo dei miti che la circondano, vedremo che si tratta di una tecnica ben consolidata nell’evidenza scientifica e che può apportarci determinati benefici in determinate circostanze. Niente di più e niente di meno.

La controversia su cosa sia realmente l’ipnosi è nata fin dalle sue origini. Normalmente veniva definito sonno indotto, poiché le induzioni erano associate al sonno o al rilassamento.

Tuttavia, questa caratteristica di sonnolenza o passività ebbe presto dei detrattori. Nel 1924, lo psicologo Wesley Raymond Wells coniò il concetto di “ipnosi sveglia”, proponendo un metodo di induzione in cui la persona rimane sveglia e vigile.

Oggi possiamo definirlo come uno stato di attenzione concentrata combinato con una dissociazione di pensieri e sensazioni che rimangono al di fuori della coscienza. Cioè, è una tecnica che aiuta a focalizzare l’attenzione e a mettere da parte le distrazioni.

Sebbene sia difficile raggiungere un consenso sul concetto di ipnosi, poiché l’orientamento teorico del ricercatore o del terapeuta lo influenza, possiamo rispondere alle seguenti domande, come abbiamo sottolineato all’inizio: in che misura è supportato dalla scienza? In quali casi è davvero efficace?

Prova scientifica

Nel XX secolo la ricerca si concentrò sullo studio della suggestione, considerata parte essenziale e inseparabile dell’ipnosi. Cioè la predisposizione che abbiamo verso lo stimolo ci fa vivere l’esperienza in un modo o nell’altro.

Attualmente esistono molti studi sugli indicatori psicologici e fisiologici dell’ipnosi, nonché sulle sue basi neurologiche. E anche sui relativi fattori cognitivi e sull’esperienza soggettiva dei soggetti ipnotizzati.

La disponibilità di tecniche di imaging funzionale e la crescente accettazione dell’“inconscio cognitivo” nel modellare l’esperienza e il comportamento hanno fornito ai neuroscienziati l’opportunità di esplorare i correlati neurocognitivi dell’ipnosi e della suggestione. Pertanto, lavori come quello di David A. Oakley, Peter W. Halligan e Michael H. Connors con la risonanza magnetica funzionale sono stati in grado di collegare aree specifiche del cervello allo stato ipnotico.

Nello specifico, gli scienziati hanno rilevato una diminuzione dell’attività del cingolato anteriore dorsale (responsabile della focalizzazione dell’attenzione); un aumento delle connessioni tra la corteccia prefrontale dorsolaterale e l’insula (che elabora e controlla ciò che accade nel corpo); e ridotte connessioni tra la corteccia prefrontale dorsolaterale e la rete in modalità predefinita. Quest’ultima consiste in una dissociazione tra azione e riflessione che consente alla persona di intraprendere attività suggerite da se stessa o, ad esempio, da un medico.

In ogni caso si tratta di scoperte recenti che dovranno essere approfondite e replicate in altri studi per essere utilizzate in psicoterapia.

Un’altra grande strada di studio consiste nell’esaminare l’efficacia dell’ipnosi clinica nell’affrontare vari disturbi psicologici. È noto per essere utile nella gestione del dolore e di altri problemi medici, come depressione, disturbi del sonno, fumo, obesità, asma, enuresi infantile, controllo delle abitudini, ansia e stress post-traumatico.

Ad esempio, studi sull’ipnosi e sul trattamento del dolore hanno confermato che l’analgesia ipnotica è un processo inibitorio attivo in cui sono coinvolti i sistemi cerebrali legati ai processi attenzionali.

Sette false credenze

Per secoli falsi miti hanno accompagnato l’ipnosi, vuoi per interpretazioni errate vuoi per credenze infondate. Queste idee sono nella coscienza collettiva della società e condizionano la loro accettazione. Di seguito smantelliamo quelli più affermati:

  1. L’ipnosi comporta una perdita di volontà. Come abbiamo già visto, se non c’è la volontà di essere ipnotizzati, non ci sarà ipnosi. Non può essere indotto senza la collaborazione della persona suggerita.
  2. È una forma di sogno. Quando si parla di suggestione e ipnosi, molti pensano: “mi faranno addormentare”. Questa convinzione è accompagnata dalla sensazione di perdita di controllo e, di conseguenza, porta al rifiuto di molte persone di farsi ipnotizzare o suggestionare. Chiudere gli occhi facilita semplicemente la concentrazione, ma puoi ipnotizzare una persona anche tenendoli aperti.
  3. La persona ipnotizzata è sotto il controllo del professionista. Questo è completamente falso, poiché chi si sottopone a questa tecnica conserva intatta la capacità di prendere decisioni.
  4. Entrare in uno stato di “super concentrazione” è dovuto al potere dell’ipnotizzatore. No, chiunque con un’adeguata preparazione può indurlo.
  5. Le persone non riescono a ricordare cosa è successo mentre erano super concentrate. Con poche eccezioni, la maggior parte delle persone ricorda tutto o quasi tutto ciò che ha fatto mentre si trovava in quello stato.
  6. Le persone ipnotizzabili sono mentalmente deboli. Questo mito è alimentato da programmi televisivi in ​​cui i volontari “fanno” ciò che viene loro chiesto per conquistare un pubblico.
  7. È una tecnica pericolosa. L’ipnosi non può controllare o danneggiare la mente di nessuno più di qualsiasi conversazione.

Non è una terapia, ma una tecnica utile

L’interesse per l’utilità dell’ipnosi come intervento psicologico ha conosciuto un progressivo aumento. Tuttavia non si tratta di una terapia in sé, ma piuttosto di una tecnica specializzata o di un complemento che può essere incorporato in particolari situazioni terapeutiche.

Le procedure ipnosuggestive dovrebbero essere utilizzate come catalizzatori per una terapia più ampia. Il suo obiettivo è facilitare il processo di cambiamento e offrire ai pazienti strategie per potenziare le capacità personali e migliorare il loro adattamento cognitivo ed emotivo ai problemi della vita.