Polpo

Ventose per imparare: perché i polpi sono così intelligenti

  • Pubblicato
  • Aggiornato
  • 5 minuti di lettura

Il nostro ultimo antenato comune con il polpo esisteva più di 500 milioni di anni fa. Allora perché sembrano mostrare similitudini così peculiari con gli umani, mentre allo stesso tempo ci appaiono così alieni? Forse perché nonostante i loro tentacoli ricoperti di ventose e la loro mancanza di ossa, i loro occhi, il cervello e persino la loro curiosità ci ricordano la nostra stessa sete di conoscenza.

In etologia, lo studio del comportamento, esploriamo questa intelligenza, che classifichiamo come “capacità cognitive” individuali. Questi sono i meccanismi attraverso i quali le informazioni provenienti dall’ambiente vengono percepite, elaborate, trasformate, ricordate e utilizzate per prendere decisioni e agire.

Da un punto di vista comportamentale, la flessibilità con cui un animale può adattarsi e adeguare il suo comportamento a situazioni nuove è un buon indicatore delle sue capacità cognitive. Numerosi studi indicano che i polpi possiedono una grande flessibilità nei loro comportamenti, sia che li esprimano nel loro ambiente naturale sia all’interno di una vasca in un laboratorio.

Indice

Armato e pericoloso

Quindi cosa rende i polpi così intelligenti?

Concentriamoci prima sui loro meccanismi di difesa. Di fronte a numerosi predatori, tra cui pesci, uccelli e balene, i polpi sono maestri nel mimetizzarsi. Possono imitare il loro ambiente modificando il colore e persino la consistenza della loro pelle.

Senza un guscio, i polpi sono vulnerabili e cercano sempre di rimanere nascosti in un riparo come una cavità o lo spazio sotto una roccia. Alcune specie proteggono il loro rifugio rimuovendo la sabbia e aggiungendo ciottoli e conchiglie. Alcuni preferiscono avvolgersi in conchiglie e sassi, mentre altri trasportano il loro rifugio tra le braccia. Questo è il caso del polpo del cocco, che, fedele al suo nome, è stato osservato trasportare gusci di cocco in giro per nascondersi in caso di pericolo.

I polpi sono anche formidabili predatori e i loro meccanismi di attacco sono adatti all’ampia varietà di prede che consumano, tra cui conchiglie, crostacei, pesci e persino altri cefalopodi. Possono usare la vista e le capacità di mimetizzazione per cacciare e le braccia per esplorare, toccare e assaporare l’ambiente circostante per catturare ogni boccone di cibo a portata di mano.

Il polpo è un cacciatore premuroso. Può cooperare con altre specie come le cernie per cacciare prede nascoste. Può imparare a evitare i granchi che portano anemoni velenosi o trovare un modo per attaccarli con cautela evitando di essere punto.

I polpi utilizzano diverse tecniche per consumare conchiglie e molluschi, sia separando il guscio con la forza e inserendo una piccola pietra all’interno per tenerlo aperto, sia perforando il guscio per iniettare una tossina paralizzante che farà aprire la preda. Questa tossina viene iniettata in un muscolo molto preciso sotto il guscio e i polpi imparano e ricordano il sito di perforazione di ogni conchiglia che consumano.

Polpo disossato, non senza cervello

Possiamo testare le capacità cognitive dei polpi in laboratorio. Nel nostro laboratorio EthoS, stiamo attualmente lavorando sulla memoria e sulle capacità di pianificazione futura del polpo comune. Sono animali complessi da studiare, a causa delle loro sorprendenti capacità.

La loro incredibile forza permette loro di distruggere facilmente i nostri strumenti di laboratorio. E poiché i polpi sono disossati, possono facilmente sfuggire e nascondersi anche nelle più piccole aperture. Sono anche estremamente curiosi e passeranno il loro tempo a catturare mani, reti o qualsiasi altro oggetto introdotto nella loro vasca. 

L’apertura dei barattoli, sebbene impressionante e spesso usata per illustrare l’intelligenza dei polpi, ma non è la loro abilità più notevole. È principalmente una questione di destrezza e presa, e i polpi sono piuttosto lenti nell’esecuzione di questo compito: anche quando sono ben allenati, un polpo impiega sempre più di un minuto per aprire un barattolo. Un esempio migliore della loro impressionante intelligenza è la loro capacità di manipolare un oggetto a forma di L in modo da farlo passare attraverso una piccola apertura quadrata in un muro.

I polpi eccellono anche nell’apprendimento discriminatorio: messi di fronte a due oggetti, imparano ad attaccarne uno in cambio di una ricompensa, basando la loro scelta su caratteristiche come colore, forma, consistenza o gusto, e possono conservare queste informazioni per diversi mesi. Possono anche generalizzare, un complesso processo di pensiero in cui hanno bisogno di applicare spontaneamente una regola precedentemente appresa a nuovi oggetti. Ad esempio, i polpi che hanno imparato in precedenza ad attaccare una palla reale possono continuare ad attaccare una palla virtuale su uno schermo.

I polpi possono anche utilizzare la discriminazione condizionale, cioè possono modificare la loro scelta a seconda del contesto. Ad esempio, possono imparare ad attaccare un oggetto solo in presenza di bolle. Essi possono anche utilizzare l’apprendimento spaziale, e trovare un riparo nascosto ricordando la sua posizione, oppure utilizzare segnali visivi per orientare il tentacolo all’interno di un apparecchio a forma di T.

Ultimo ma non meno importante, i polpi possono imparare osservando altri polpi svolgere compiti, come scegliere un oggetto specifico rispetto a un altro. Questo è sorprendente, perché sono principalmente creature solitarie.

Grado: mare meno

I polpi soddisfano tutti i criteri per la definizione dell’intelligenza: mostrano una grande flessibilità nell’ottenere informazioni (usando più sensi e imparando socialmente), nell’elaborarle (attraverso l’apprendimento discriminativo e condizionato), nell’immagazzinarle (attraverso la memoria a lungo termine) e nel applicarlo sia ai predatori che alle prede.

Nonostante le loro ovvie capacità, i polpi sono stranamente irregolari nelle loro risposte, specialmente nei compiti di discriminazione visiva, in cui eseguono la risposta corretta circa l’80% delle volte, mentre altri animali riescono quasi al 100%.

E non sbagliatevi: i polpi possono essere furbi, ma nella classe dei cefalopodi sarebbero l’allievo brillante ma indisciplinato, e le seppie sarebbero le prime della classe.

L’umile seppia è meno familiare, ma è oggetto di numerosi progetti di ricerca in tutto il mondo. Meno dirompenti dei polpi, possiedono eccezionali capacità di apprendimento, possono captare regole complesse in pochissimo tempo e applicarle alla perfezione.

Autore

Lisa Poncet, Doctorante en neuroéthologie, Université de Caen Normandie