Al momento stai visualizzando Quanto impiega la pelle a ripararsi dopo l’esposizione al sole?
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:24 Gennaio 2023

La pelle si ripara da sola, ma quanto tempo ci vuole? Se frequenti la spiaggia per mezz’ora, poi ti ritiri all’ombra per un po’, poi esci di nuovo, il danno sarà tornato alla linea di base? O lo stai accumulando?

Come la maggior parte delle cose, è complicato da capire.

In che modo il sole danneggia la tua pelle?

Trascorrere una giornata al sole può causare 100.000 difetti del DNA in ogni cellula della pelle esposta. Il DNA è l’informazione genetica di cui il tuo corpo ha bisogno per costruirsi e funzionare da solo. Ce n’è una copia in ciascuna delle tue cellule, ad eccezione dei globuli rossi e dello strato di cellule morte proprio sulla superficie della pelle.

Le tue cellule hanno un processo di riparazione del DNA molto efficace, chiamato riparazione per escissione di nucleotidi, per questo tipo di danno. 

Quando il sistema di monitoraggio del DNA della tua pelle decide che c’è troppo danno per essere riparato efficacemente, dice alle cellule di autodistruggersi e chiama il sistema immunitario per finirle. Ciò causa i sintomi delle scottature: arrossamento, dolore e talvolta formazione di vesciche.

Tuttavia, non devi scottarti per iniziare ad accumulare danni. L’abbronzatura è la tua pelle che reagisce ai danni del DNA aumentando la quantità di melanina, che altera il colore della pelle, per mitigare la futura esposizione ai raggi UV. Anche se questo ti dà solo la stessa protezione di una protezione solare 2-4 SPF.

La radiazione UV è così alta, in particolare durante l’estate, che puoi iniziare ad accumulare danni nel tempo necessario per stendere il bucato o camminare fino alla fermata dell’autobus.

Anche così, la quantità di danno al DNA è proporzionale alla quantità di esposizione ai raggi UV, quindi esposizioni più lunghe o esposizioni a momenti della giornata ad alta intensità di raggi UV causano molti più danni.

Ricordami, cos’è la radiazione UV?

Esistono due tipi di radiazioni UV che danneggiano la pelle: gli UVB colpiscono principalmente lo strato superiore, causando scottature e cancro della pelle, e gli UVA danneggiano principalmente lo strato inferiore, causando un invecchiamento precoce.

Questi agiscono in due modi diversi per danneggiare la pelle, ma a causa delle sue proprietà cancerogene, l’UVB è il più studiato.

Le particelle di luce (fotoni UVB) scaricano energia quando colpiscono il DNA. Ciò fa sì che le basi su un filamento di DNA si colleghino tra loro, invece delle basi corrispondenti sull’altro filamento

Questo distorce l’elica del DNA, quindi non si copia correttamente quando è il momento per le cellule di dividersi.

E provoca mutazioni permanenti che si replicano ogni volta che le cellule figlie si moltiplicano, ponendo le basi per i tumori della pelle.

Anche un’esposizione della metà della quantità di raggi UV necessaria per provocare una scottatura è sufficiente per iniziare a generare questi difetti del DNA.

Quanto tempo ci vuole per riparare il danno?

Una volta che si sono formati, l’emivita dei difetti del DNA è di 20-30 ore, a seconda dell’efficienza del proprio meccanismo di riparazione del DNA. Ciò significa che le tue cellule impiegano 20-30 ore per riparare anche solo la metà del danno.

In uno studio che ha prelevato campioni a 24 e 72 ore dopo l’esposizione, quasi il 25% del danno rilevato dopo 24 ore era ancora presente a 72 ore.

Quindi, se sei già sulla buona strada per una scottatura solare, no, allontanarti dal sole per 20 minuti per prendere un gelato non funzionerà. La tua pelle eliminerà la maggior parte dei danni in pochi giorni. Ma alcuni potrebbero non essere trovati o non essere trovati prima che la cellula si replichi.

Faresti meglio a ridurre al minimo i danni in primo luogo pianificando di raggiungere la spiaggia presto, trascorrendo la parte centrale della giornata leggendo e magari tornando sulla spiaggia da metà pomeriggio.

In alternativa, potresti prolungare il tuo tempo al sole coprendoti ampiamente con una rashie a maniche lunghe, leggings spessi, cappello e crema solare riapplicata frequentemente su tutto ciò che non è coperto – e non dimenticare i tuoi piedi!

Prendi l’abitudine di indossare la protezione solare ogni giorno

La buona notizia è che la protezione solare 30+ SPF può ridurre drasticamente e talvolta bloccare completamente i danni.

Per proteggere la tua pelle, applica la protezione solare come parte della tua routine mattutina in qualsiasi giorno in cui si prevede che l’indice UV sia pari o superiore a 3. Ciò eviterà l’accumulo di danni dovuti a brevi esposizioni come stendere il bucato o entrare dal parcheggio.

La maggior parte delle previsioni meteorologiche ti dirà quali raggi UV aspettarti.

Se starai all’aperto per un periodo di tempo prolungato, aggiungi indumenti protettivi dal sole, un cappello e occhiali da sole, riapplica la crema solare almeno ogni due ore e rimani all’ombra ove possibile.

Se ti scotti, la cosa migliore che puoi fare per te stesso è stare lontano dal sole per alcuni giorni finché il rossore non scompare. Ciò consente al tuo corpo di affrontare il danno nel modo più efficiente possibile senza accumularne altro.

Autore

Katie Lee, H. Peter SoyerUniversità del Queensland