Mare
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:20 Novembre 2022

Due terzi della superficie terrestre è ricoperta d’acqua, e il 97% di quella è acqua salata. Solo il 3% dell’acqua del nostro pianeta è dolce e il 2% è intrappolato, congelato nelle calotte glaciali, nei ghiacciai e nel suolo. Ciò lascia meno dell’1% di acqua dolce liquida in fiumi, laghi e torrenti – e quest’acqua dolce gioca un ruolo importante nello spiegare perché il mare è salato.

L’acqua si muove intorno al nostro pianeta in un ciclo alimentato dal sole: dal mare, al cielo, alla terra e poi di nuovo al mare. Quando il sole riscalda l’acqua del mare, questa si trasforma in un gas chiamato “vapore acqueo” e sale nell’aria, attraverso un processo chiamato “evaporazione”.

Mentre galleggia nell’aria, il vapore acqueo si raffredda e si trasforma di nuovo in acqua liquida, formando le nuvole (attraverso un processo chiamato “condensazione“). Quest’acqua alla fine cade dalle nuvole nel cielo sotto forma di pioggia, nevischio, grandine o neve (questa è chiamata “precipitazione“).

Quando le precipitazioni cadono sulla terra, l’acqua scorre nei torrenti e nei fiumi e alla fine torna al mare. Li il sole riscalda l’acqua del mare e il ciclo ricomincia.

La pioggia acida

Probabilmente ti starai ancora chiedendo da dove entra il sale. Bene, la pioggia che cade dal cielo non è solo acqua pura, contiene in realtà piccole quantità di sostanze chimiche chiamate anidride carbonica e anidride solforosa, che vengono assorbite dall’acqua mentre è ancora in aria.

Ciò significa che la pioggia è in realtà leggermente acida (ma non abbastanza da essere pericolosa). Quando la pioggia cade sul terreno, questo debole acido scioglie piccole quantità di sali minerali contenute nelle rocce, tra cui sodio e cloruro, che poi si disciolgono nell’acqua.

Il cloruro di sodio è il sale principale dell’acqua di mare e lo stesso che potresti avere sulla tavola di casa. L’acqua piovana scorre dalla terra ai fiumi e torrenti che la portano fino al mare, portando con sé i sali disciolti.

Salinità nei torrenti?

Ma se i fiumi e i torrenti trasportano questi sali disciolti, allora perché non sono salati come il mare? In effetti, trasportano solo livelli molto bassi di questi sali. I sali nei mari si sono accumulati nel corso di miliardi di anni e l’acqua di mare contiene circa 300 volte più sali disciolti rispetto all’acqua media dei fiumi.

Per dirla in altro modo, ogni litro di acqua di mare contiene 35 grammi di sali disciolti, mentre un litro di acqua dolce ne avrebbe solo 0,5 grammi. Ecco perché diciamo che l’acqua di mare ha una concentrazione molto più alta di sale – o “salinità” – rispetto all’acqua dolce che scorre attraverso fiumi e torrenti.

Alcuni sali possono anche entrare nei mari dalle bocche calde situati sul fondo dell’oceano profondo e dai vulcani sulla terraferma e nel mare. Alcuni sali (in particolare il cloruro) vengono spostati anche come parte del ciclo dell’acqua – questi sono conosciuti come “sali ciclici” e originariamente provenivano dai vulcani.

Rovesciare l’equilibrio

Poiché il sale scorre sempre dalla terra al mare, potresti pensare che il mare stia diventando più salato. Ma in realtà, parte di questo sale viene rimosso dalle alghe e dagli animali che vivono nel mare, e parte si deposita come sedimento sul fondo dell’oceano. Quindi il sale che entra in mare mantiene un equilibrio con il sale che viene depositato o rimosso.

Ma la salinità del mare non è la stessa ovunque nel mondo. Nelle aree tropicali più calde, si verifica più evaporazione, quindi l’acqua è più salata. Verso i poli nord e sud, l’acqua di mare viene diluita dallo scioglimento del ghiaccio, quindi l’acqua è meno salata.

Queste differenze di salinità potrebbero aumentare in futuro, a causa del cambiamento climatico. I climi più caldi possono portare a più pioggia e scioglimento dei ghiacci nell’emisfero settentrionale e a una maggiore evaporazione nell’emisfero australe, che potrebbe modificare la salinità dei nostri mari.

Più salata è l’acqua, più densa (o più pesante) diventa. Insieme alle temperature più calde, questo potrebbe influenzare il modo in cui l’acqua si muove negli oceani, il che potrebbe influenzare tutta la vita sul nostro pianeta, non solo le creature che vivono nel mare.

Autore

Sally Little, Senior Lecturer in Ecology, Nottingham Trent University