Al momento stai visualizzando Le origini umane: sei nuove scoperte
  • Categoria dell'articolo:Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:22 Settembre 2022

Lo studio scientifico dell’evoluzione umana storicamente ci ha rassicurato di un ordine confortante delle cose. Ha dipinto gli esseri umani come più intelligenti, più intellettuali e premurosi dei nostri predecessori ancestrali.

Dalle ricostruzioni archeologiche dei Neanderthal come curvi, pelosi e brutali, ai film sugli “uomini delle caverne”, i nostri antichi antenati hanno avuto una cattiva stampa.

Negli ultimi cinque anni le scoperte hanno ribaltato questa visione squilibrata. Sostengo che questo è importante per il modo in cui vediamo noi stessi oggi e quindi come immaginiamo il nostro futuro, tanto quanto per la nostra comprensione del nostro passato.

Spiccano sei rivelazioni.

1. Ci sono più specie umane di quante avessimo mai immaginato

Specie come Homo Longi sono state identificate solo di recente, nel 2018. Ora ci sono 21 specie conosciute di umani.

Negli ultimi anni ci siamo resi conto che i nostri antenati Homo sapien potrebbero aver incontrato fino a otto di questi diversi tipi di esseri umani, da specie robuste e tozze inclusi i Neanderthal e i loro parenti stretti Denisovans, ai bassi (alto meno di 150 cm) e umani dal cervello piccolo come Homo naledi.

Ma l’Homo sapiens non era l’inevitabile meta evolutiva. Né si adattano a nessuna semplice progressione lineare o scala di progresso. Il cervello di Homo naledi potrebbe essere stato più piccolo di quello di uno scimpanzé, ma ci sono prove che fossero culturalmente complessi e piangessero la loro morte.

I Neanderthal hanno creato arte simbolica ma non erano come noi. I Neanderthal avevano molti diversi adattamenti biologici, che potrebbero aver incluso l’ibernazione.

2. Gli esseri umani ibridi fanno parte della nostra storia

Specie ibride umane, un tempo considerate dagli esperti come fantascienza, potrebbero aver giocato un ruolo chiave nella nostra evoluzione. La prova dell’importanza degli ibridi viene dalla genetica. La traccia non è solo nel DNA della nostra stessa specie (che spesso include importanti geni ereditati dai Neanderthal) ma anche negli scheletri di ibridi.

Un esempio è “ Denny ”, una ragazza con madre di Neanderthal e padre denisoviano. Le sue ossa sono state trovate in una grotta in Siberia.

3. Siamo stati fortunati

Il nostro passato evolutivo è più disordinato di quanto pensassero gli scienziati. Hai mai avuto problemi con il mal di schiena? O fissavi gelosamente il tuo cane mentre ciondolava su un paesaggio irregolare?

Questo avrebbe dovuto essere sufficiente per mostrarti che siamo tutt’altro che perfettamente adattati. Sappiamo da tempo che l’evoluzione mette insieme soluzioni in risposta a un ecosistema che potrebbe essere già cambiato. Tuttavia, molti dei cambiamenti nel nostro lignaggio evolutivo umano forse sono il risultato del caso.

Ad esempio, dove le popolazioni isolate hanno una caratteristica, come alcuni aspetti del loro aspetto, che non fa molta differenza per la loro sopravvivenza e questa forma continua a cambiare nei discendenti. Le caratteristiche dei volti dei Neanderthal (come le sopracciglia pronunciate) o del corpo (comprese le grandi gabbie toraciche) potrebbero essere derivate semplicemente da una deriva genetica.

Anche l’epigenetica, che è dove i geni vengono attivati ​​solo in ambienti specifici, complica le cose. I geni potrebbero predisporre qualcuno alla depressione o alla schizofrenia, per esempio. Eppure possono sviluppare la condizione solo se innescati da cose che accadono loro.

4. Il nostro destino è intrecciato con la natura

Ci piace immaginarci padroni dell’ambiente. Ma è sempre più chiaro che i cambiamenti ecologici ci hanno modellato.

Le origini della nostra stessa specie hanno coinciso con importanti cambiamenti climatici man mano che siamo diventati più distinti dalle altre specie in questi momenti. Tutte le altre specie umane sembrano essersi estinte a causa del cambiamento climatico.

Le tre principali specie umane Homo erectus, Homo heidelbergensis e Homo neanderthalensis si sono estinte con importanti cambiamenti climatici come l’evento di Adams. Questa è stata una rottura temporanea del campo magnetico terrestre 42.000 anni fa, che ha coinciso con l’estinzione dei Neanderthal.

5. La gentilezza è un vantaggio evolutivo

La ricerca ha scoperto nuove ragioni per essere fiduciosi riguardo alle future società umane. Gli scienziati credevano che le parti violente della natura umana ci dessero un vantaggio nella scala dell’evoluzione.

Ma sono emerse prove del lato premuroso della natura umana e del suo contributo al nostro successo. Gli scheletri antichi mostrano notevoli segni di sopravvivenza a malattie e ferite, cosa che sarebbe stata difficile se non impossibile senza l’aiuto.

La scia della compassione umana risale a un milione e mezzo di anni fa. Gli scienziati hanno fatto risalire le conoscenze mediche almeno al tempo dei Neanderthal.

L’altruismo ha molti importanti vantaggi per la sopravvivenza. Ha consentito ai membri della comunità più anziani di trasmettere importanti conoscenze. E le cure mediche tenevano in vita abili cacciatori.

6. Siamo una specie sensibile

L’evoluzione ci ha resi più emotivamente esposti di quanto ci piace immaginare. Come i cani domestici, con i quali condividiamo molti adattamenti genetici, come una maggiore tolleranza per gli estranei e la sensibilità ai segnali sociali, l’ipersocialità umana ha avuto un prezzo: le vulnerabilità emotive.

Siamo più sensibili a come si sentono le persone intorno a noi e più vulnerabili alle influenze sociali, siamo più inclini a disturbi emotivi, alla solitudine e alla depressione rispetto ai nostri predecessori. I nostri sentimenti complessi potrebbero non essere sempre piacevoli con cui convivere, ma fanno parte di trasformazioni chiave che hanno creato comunità ampie e connesse. Le nostre emozioni sono essenziali per le collaborazioni umane.

Questa è una visione del nostro posto nel mondo molto meno rassicurante di quella che avevamo anche cinque anni fa. Ma vederci egoisti, razionali e autorizzati a un posto privilegiato nella natura non ha funzionato bene. Basta leggere gli ultimi rapporti sullo stato del nostro pianeta.

Se accettiamo che gli esseri umani non siano l’apice del progresso, allora non possiamo semplicemente aspettare che le cose vadano per il verso giusto. Il nostro passato suggerisce che il nostro futuro non migliorerà se non facciamo qualcosa al riguardo.

Autore

Penny Spikins, Università di York