stagioni
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:21 Giugno 2022

Nel corso di un anno, la Terra compie un viaggio intorno al Sole. Il motivo per cui abbiamo le stagioni è perché, durante il suo viaggio intorno al Sole, la Terra è inclinata. L’inclinazione della Terra influisce sulla quantità di luce diurna che riceve ciascun emisfero, il che a sua volta rende la temperatura più calda o più fredda.

Ad esempio, se vivi nell’emisfero settentrionale, cioè a nord dell’equatore, come in Europa, negli Stati Uniti o in India, l’inverno cade a dicembre, gennaio e febbraio. Questo è quando l’emisfero settentrionale è inclinato lontano dal Sole e le giornate sono più brevi.

Per qualsiasi parte a sud dell’equatore, come l’Australia o l’America Latina, in questi mesi è estate. Questo perché l’emisfero sud è inclinato verso il Sole e le giornate sono più lunghe.

Solstizi ed equinozi

Ogni stagione ha un punto di mezzo. In estate e in inverno, questi punti medi sono chiamati solstizi. Il solstizio d’estate è il giorno più lungo e la notte più corta dell’anno. Il solstizio d’inverno è il giorno più corto dell’anno e la notte più lunga.

In primavera e in autunno, i punti medi sono chiamati equinozi. Agli equinozi di primavera e d’autunno, il giorno e la notte hanno la stessa durata.

Per migliaia e migliaia di anni, fin dall’età della pietra, le persone hanno saputo capire quando si verificano i solstizi e gli equinozi durante tutto l’anno.

In effetti, hanno costruito centinaia di incredibili cerchi di pietre – come il famoso Stonehenge – in tutta Europa, che hanno segnato determinati periodi delle stagioni durante l’anno.

In questi giorni sappiamo anche come calcolare le stagioni su altri pianeti. Ad esempio, il prossimo equinozio di primavera su Marte è il 23 marzo.

Viaggio intorno al sole

Per capire come funziona, immagina una pallina (che rappresenta la Terra) che si muove attorno a una lampadina (il Sole) in un cerchio. Diciamo che la palla ha una linea disegnata intorno al centro, che rappresenta l’equatore. Se hai queste cose a casa, puoi provarlo tu stesso.

Mentre la palla si muove intorno alla lampadina, la metà più vicina alla luce si accenderà, mentre l’altra metà sarà al buio. Un cerchio completo attorno alla lampadina rappresenta un anno intero sulla Terra.

Mentre muovi la pallina attorno alla lampadina, prova a farla girare tra la punta delle dita, in modo che la luce risplenda sempre direttamente sull’equatore.

Se la Terra si estendesse in questo modo, giorno e notte sarebbero della stessa lunghezza tutto l’anno e non ci sarebbero stagioni.

La Terra senza stagioni

Ora prendi quella pallina e inclinala ad angolo, in modo che la luce della lampadina non brilli più direttamente sull’equatore. Se lo fai a casa, potrebbe essere utile colorare la metà superiore o inferiore della palla.

L’inclinazione della Terra

Ora gli emisferi della palla riceveranno diverse quantità di luce in qualsiasi momento. L’emisfero inclinato lontano dalla lampadina riceve meno luce e l’emisfero inclinato verso la lampadina ne riceve di più.

La Terra a gennaio
La Terra a gennaio

Ciò significa che è “estate” nell’emisfero inclinato verso la lampadina e “inverno” nell’emisfero inclinato lontano.

Mantenendo la palla alla stessa angolazione, spostala sull’altro lato della lampadina. L’emisfero che era inclinato lontano dal bulbo è ora inclinato verso di esso. Quindi, l’emisfero che era in “inverno” quando hai iniziato a muovere la palla, ora è in “estate”, e l’emisfero che era in “estate” è ora in “inverno”.

La Terra a giugno

La stessa cosa accade quando la Terra si muove attorno al Sole, che è ciò che ci dà stagioni diverse in periodi specifici dell’anno.

Ricorda, la diminuzione della luce solare e delle temperature più fredde che ottieni durante l’inverno non è perché l’emisfero è più lontano, ma perché il sole è sopra l’orizzonte per un tempo molto più breve.

Autore

Gareth Dorrian, Ian Whittaker, Nottingham Trent University