mano in acqua
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:29 Agosto 2023

La pelle è un organo fantastico e strano. Essendo l’organo più grande del corpo, fa molto per prendersi cura di te, proteggendoti dal mondo esterno, dalla luce solare, dalle sostanze chimiche aggressive, dai germi sgradevoli e dal freddo intenso. E fa tutto questo mantenendo l’acqua all’interno del tuo corpo e abilitando il senso del tatto.

Conosciamo le rughe della pelle quando si invecchia o quando la si pizzica tra due dita. Ma è rimasto un mistero il motivo per cui la pelle diventa rugosa e talvolta cambia colore dopo aver fatto un piacevole bagno o trascorso troppo tempo in piscina.

Spesso si presume che queste rughe si formino perché la pelle assorbe acqua, il che la fa gonfiare e deformare. 

Ma i ricercatori negli anni ’30 scoprirono che nelle persone con danni ai nervi delle dita, le rughe post-bagno non si formavano. Le dita rugose non possono quindi essere dovute solo all’assorbimento d’acqua, o questo sarebbe un fenomeno universale, non importa quanto bene i tuoi nervi funzionino o meno.

Quindi, se non è un gonfiore dovuto all’acqua, allora cosa c’è dietro le dita delle mani e dei piedi dopo una lunga nuotata? Gli scienziati hanno recentemente scoperto quella che pensano sia la risposta.

Un segnale nervoso per i vasi sanguigni più stretti

Per spiegare cosa sta succedendo, devi prima conoscere un po’ il sistema nervoso autonomo, la parte involontaria del funzionamento del tuo corpo. Funzioni come respirare, battere le palpebre, battere il cuore o restringere le pupille al sole avvengono tutte senza che tu abbia bisogno di controllarle consapevolmente, grazie al sistema nervoso autonomo.

Inoltre controlla automaticamente l’espansione e la contrazione dei vasi sanguigni. In genere, la temperatura, i farmaci o ciò che mangi o bevi possono causare l’espansione o la contrazione dei vasi sanguigni. Pensa a come la tua pelle potrebbe arrossarsi da sola quando esci in una giornata calda, fai esercizio o addirittura arrossisci.

Questa contrazione dei vasi sanguigni è anche la causa delle rughe sulla pelle dopo una lunga nuotata.

Quando le mani e i piedi entrano in contatto con l’acqua per più di qualche minuto, i condotti del sudore nella pelle si aprono, consentendo all’acqua di fluire nel tessuto cutaneo. Questa acqua aggiunta diminuisce la proporzione di sale all’interno della pelle. Le fibre nervose inviano un messaggio relativo a livelli di sale più bassi al cervello e il sistema nervoso autonomo risponde restringendo i vasi sanguigni.

Il restringimento dei vasi sanguigni provoca la riduzione del volume complessivo della pelle, raggrinzando la pelle in questi distinti modelli di rughe. È come se un acino d’uva secco diventasse un’uvetta spiegazzata: perderebbe più volume che superficie.

Questa costrizione dei vasi sanguigni fa sì che la pelle diventi più pallida: è l’opposto di ciò che accade quando la pelle diventa più rossa quando si entra in un bagno molto caldo, a causa della dilatazione dei vasi sanguigni. Il cambiamento di colore è un po’ più evidente nelle persone con carnagioni più chiare.

Con danni ai nervi, questa costrizione non si verifica. I vasi sanguigni non ricevono mai il messaggio di restringersi, quindi le rughe non compaiono mai, anche se si rimane nella vasca da bagno per molto tempo.

Un vantaggio per le dita delle mani o dei piedi rugose

Ma questa pelle che si raggrinzisce quando è bagnata serve a qualcosa?

I ricercatori hanno scoperto che la pelle rugosa ha una maggiore presa sott’acqua rispetto alla pelle senza rughe. Una migliore presa ti consente di afferrare gli oggetti più saldamente. Rende più facile camminare lungo la superficie subacquea, con meno probabilità di scivolare. Penso che questa sia una caratteristica fantastica che si è evoluta nel tempo.

Un gruppo di ricerca ha condotto studi per osservare i cambiamenti nella struttura e nella funzione della pelle con l’immersione prolungata in acqua, ma non per studiare le rughe. Sono interessati alle analisi della pelle che possono essere eseguite per aiutare gli investigatori forensi dopo un crimine o un disastro. Lo studio mira anche a saperne di più sulle sindromi del piede da immersione: lesioni cutanee causate dal lavoro in ambienti umidi per lunghi periodi. Tendono a colpire il personale militare o gli agricoltori i cui raccolti crescono in campi allagati, come le risaie.

L’immersione prolungata in acqua aumenta il rischio di rotture della pelle, ma questo indebolimento può richiedere settimane. Basta non restare in piscina troppo a lungo e le tue dita raggrinzite torneranno alla normalità una volta che ti sarai asciugato.

Autore

Guy GermanUniversità di Binghamton, Università statale di New York