Al momento stai visualizzando Ipotermia: cosa succede al corpo e come comportarsi?
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:23 Gennaio 2023

L’ipotermia può sorprendere anche i più consapevoli del rischio e il freddo è, letteralmente, mortale. Quali danni provoca l’ipotermia al nostro organismo? Quali sono i suoi segnali di allarme?

Come perdiamo il nostro calore

Fortunatamente, non siamo del tutto impotenti di fronte al freddo. Il nostro corpo funziona in modo ottimale a una data temperatura, ma dispone di tecniche per riscaldarsi e limitare le perdite.

La nostra temperatura corporea ideale è di circa 36,6°C. Questo è il livello in cui le cellule si sviluppano meglio, le loro proteine ​​(enzimi, ecc.) sono all’apice della loro efficienza, così come i loro mitocondri, le loro fabbriche di energia. Tutti questi meccanismi costituiscono il metabolismo interno e il nostro prezioso calore deriva dal loro funzionamento.

Ma questo calore interno può essere facilmente perso in quattro modi principali:

  • Per “radiazione”, a livello della superficie cutanea (la più importante fonte di perdita);
  • Per “conduzione”, per contatto diretto con una superficie fredda (molto usata quando è calda);
  • Per “convezione”. L’aria forma uno strato isolante intorno al nostro corpo che il vento rompe;
  • Per “sudorazione”. L’acqua, evaporando dalla superficie della nostra pelle, portando via il calore.

Quando la perdita di calore è maggiore della sua produzione, logicamente la nostra temperatura interna scende… È qui che si attivano i meccanismi di risposta di emergenza del nostro corpo per mantenere la sua temperatura (almeno per un certo tempo).

Il centro di controllo della nostra temperatura corporea si trova nell’ipotalamo, una piccola regione alla base del cervello. Funzionando come un termostato estremamente preciso, reagisce alle informazioni ricevute tramite sensori ultrasensibili situati nella pelle, nel midollo spinale, nell’addome e nelle grandi vene.

Al minimo scostamento dai 36,6°C spinge la nostra caldaia interna – in questo caso aumenta la nostra produzione di calore e riduce la perdita di calore grazie a meccanismi involontari a tutti noti: la “piloerezione” (i nostri peli corporei, o quel che ne resta, raddrizzarsi per espandere il nostro strato d’aria isolante), tremare (i nostri muscoli si contraggono per aumentare il metabolismo fino a cinque volte e generare più calore) e reindirizzare il sangue caldo lontano dalle fredde superfici esterne – da qui la nostra pelle pallida.

Quindi, anche se le dita dei piedi e delle mani sono fredde quando cammini sulla neve, i tuoi organi centrali continuano a beneficiare dei famosi 36,6°C. I fisiologi chiamano questa capacità di mantenere costante la nostra temperatura interna, indipendentemente dalle condizioni esterne, “omeostasi”.

E non solo: il freddo porta anche a risposte comportamentali. Oltre al nostro corpo, l’ipotalamo informa anche le regioni superiori del cervello della situazione, gestendo la logica e la ricerca di soluzioni. È ciò che ci spinge a cercare luoghi più caldi, per ripararci dal vento, per bere qualcosa di caldo…

Quando arriva il freddo…

Ma la nostra capacità di resistere al freddo ha i suoi limiti: vestiti troppo leggeri o bagnati quando fa freddo, stare fuori troppo a lungo al freddo, stare in casa troppo freddi… Quando vengono superati, l’interno del corpo inizia a raffreddarsi. Si parla di ipotermia quando la nostra temperatura interna scende sotto i 35°C.

A seconda dei sintomi e della temperatura corporea misurata, si distinguono quattro stadi di ipotermia (secondo il sistema svizzero). Una temperatura corporea compresa tra 28 e 35°C è indicata come ipotermia da lieve a moderata; sotto i 28°C, ipotermia profonda; sotto i 20°C, estrema ipotermia.

Bastano solo due gradi al di sotto della nostra normale temperatura interna per ridurre l’attività delle nostre proteine ​​e far scendere il metabolismo delle nostre cellule a livelli così bassi da minacciare il funzionamento degli organi vitali. È come se il motore del corpo iniziasse a scoppiettare…

Se questi segnali non vengono presi in considerazione in tempo, la situazione può rapidamente mettere in pericolo la nostra vita. Gli effetti fisici dell’ipotermia sono molteplici:

  • La nostra pompa cardiaca batte più lentamente e più debole, risultando avere un polso debole. Il movimento e i movimenti rapidi possono persino causare battiti cardiaci irregolari. E allo stesso tempo, la coagulazione del sangue diminuisce.
  • Il nostro metabolismo, ridotto, indebolisce i muscoli dei polmoni. La nostra respirazione (inspirazione ed espirazione) è più lenta, più superficiale.
  • All’inizio compaiono i brividi, ma man mano che i nostri mitocondri diventano meno efficienti, l’approvvigionamento energetico si indebolisce. Dopo un certo stadio, una persona gravemente sottoraffreddata non rabbrividisce più, il che è un importante segnale di avvertimento.

Nemmeno le nostre menti sono risparmiate. I migliori indicatori di ipotermia potrebbero essere i cambiamenti nel comportamento: le persone in stato di ipotermia diventano confuse, non si rendono conto di avere freddo (perché accade gradualmente), parlano sempre più forte e si comportano in modo strano.

Ad esempio, sono stati segnalati casi di “svestizione paradossale”. Mentre l’ipotalamo si smarrisce, le vittime pensano di avere caldo e cominciano a spogliarsi… Vengono trovate nude, ma raggomitolate in un piccolo spazio, vestigia di un riflesso animale di ripiegarsi su se stesse per proteggersi.

Poi, quando il livello di attenzione viene alterato, la coordinazione si indebolisce e aumentano i comportamenti rischiosi. Infine si verifica una perdita di coscienza, che può essere fatale per arresto cardiaco e mancanza di ossigeno per troppo tempo nel cervello.

In un ultimo disperato tentativo di rimanere in vita, i nostri meccanismi di controllo interno interrompono il flusso di sangue caldo alle estremità, come mani e piedi. Il calore corporeo viene conservato per gli organi vitali: cuore, cervello, ecc.

Ogni alpinista conosce i segni del congelamento, quando i tessuti delle mani e dei piedi cominciano ad arrossarsi e sembrano arrivare milioni di aghi a torturarli. Tanti segnali che si stanno esaurendo di zuccheri e ossigeno… fino al punto, alla fine, di rischiare la morte. Quando il freddo persiste troppo a lungo, può insorgere la cancrena, rendendo inevitabile l’amputazione.

Ciò aumenta il rischio di ipotermia

Vari fattori favoriscono l’ipotermia e quanto velocemente le cose possono deteriorarsi.

L’acqua conduce il calore 24 volte più velocemente dell’aria. È quindi necessario evitare la sudorazione (e quindi praticare un’intensa attività fisica) nella stagione fredda, pena una notevole perdita di calore. Inutile dire che è da evitare anche un bagno in uno stagno ghiacciato…

Anche l’età è un fattore da tenere in considerazione. I bambini sono più a rischio perché la loro superficie cutanea è proporzionalmente grande rispetto al loro corpo, il che fa perdere loro calore rapidamente. I loro muscoli, ancora poco sviluppati, non consentono loro di tremare efficacemente. I più giovani hanno un particolare tipo di grasso chiamato “grasso bruno” (ricco di mitocondri) che produce calore in più, ma non è molto abbondante.

Negli anziani, il rischio deriva dal fatto che i loro sensori corporei sono meno in grado di valutare i cambiamenti di temperatura. Il loro termostato interno, meno efficiente, non reagisce più in modo ottimale al freddo.

E, brutte notizie per gli over 18: rimarrai deluso nell’apprendere che l’alcol… aumenta la perdita di calore dilatando i vasi sanguigni della pelle! Più noto, il consumo eccessivo altera le facoltà di ragionamento e aumenta i comportamenti a rischio. Alcuni farmaci, in particolare gli antidepressivi, possono avere effetti simili.

Infine, anche alcuni disturbi come l’anoressia o l’ipotiroidismo possono ridurre la nostra resistenza al freddo.

Cosa fare?

Non esitate a prestare i primi soccorsi a qualcuno che sembra essere ipotermico. Ogni minuto conta!

Chiama un medico e portala in un luogo più caldo evitando un riscaldamento troppo rapido e pericoloso. Se possibile, rimuovere gli indumenti bagnati. Dalle una bevanda calda e analcolica e coprila con coperte di vestiti asciutti. È meglio non sfregare la pelle e non esporla direttamente a fonti di calore forti, come un bagno di acqua calda (che può causare ustioni). Nei casi più gravi, con perdita di coscienza, è necessaria una visita in terapia intensiva.

Nel 1999, a seguito di un incidente sugli sci, la svedese Anna Bågenholm è rimasta 80 minuti nell’acqua ghiacciata. Quando è stata soccorsa, i medici hanno misurato la temperatura corporea più bassa mai registrata a 13,7°C. Con sorpresa di tutti, si riprese. L’ipotermia improvvisa a volte sembra “crioproteggere” il tessuto, portando la medicina d’urgenza a concludere che nessuno può essere dichiarato morto finché non è caldo.

Questa conoscenza viene ora applicata per preservare meglio gli organi trapiantabili e proteggere meglio gli organi vitali durante interventi chirurgici cardiaci prolungati, iniettando fluido freddo nel sangue.

Durante i periodi di freddo, assicurati di proteggere te stesso e le persone vulnerabili, giovani e meno giovani. Rimani coperto con indumenti asciutti, antivento e idrorepellenti, soprattutto intorno al viso e alla testa. Per le persone senza fissa dimora, sole o incapaci di prendersi cura di se stesse, i servizi sociali possono essere di grande aiuto, e anche tu.

Autore

Pieter VancampMuseo Nazionale di Storia Naturale (MNHN)