Fantasia
  • Categoria dell'articolo:Psicologia / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:19 Novembre 2022

Quante volte sei rimasto deluso da un film o dalla lettura di un libro, quando una scena non corrispondeva del tutto a ciò che avevi immaginato? O che un personaggio non assomigliava affatto a quello che avevi immaginato?

La maggior parte delle persone, quando gli viene chiesto di formare un’immagine di qualcuno a loro familiare, può “vederla” nella loro mente. In altre parole, è una rappresentazione mentale visiva simile a quella che vedremmo se la persona fosse di fronte a noi.

Ma si scopre che non è così per tutti. Alcune persone, quando gli viene chiesto di rappresentare un’immagine mentale, affermano di non poter “vedere” nulla. Questo fenomeno della mente umana recentemente identificato è stato definito nel 2015 come “afantasia”. Si stima che dal 2 al 5% della popolazione non sia in grado di usare la fantasia per generare la minima immagine mentale.

Ma come fai a ricordare i dettagli di un oggetto o di un evento se non riesci a “vederlo” nella tua mente? Questa è una domanda, che io e i miei colleghi, a cui abbiamo cercato di trovare una risposta in uno dei nostri recenti studi.

Lo studio dell’afantasia

Abbiamo valutato le prestazioni della memoria visiva nelle persone con afantasia rispetto a quelle con una tipica fantasia in grado di creare immagini mentali.

Nello studio, ai partecipanti sono state mostrate tre immagini: quelle di un soggiorno, una cucina e una camera da letto, ed è stato chiesto loro di disegnarle a memoria.

I loro disegni sono stati obiettivamente esaminati online da oltre 2.700 revisori esterni che hanno confrontato i dettagli degli oggetti (come appaiono) e i dettagli spaziali (la dimensione e la posizione degli oggetti).

Ci aspettavamo che le persone con afantasia avessero difficoltà a disegnare un’immagine dalla memoria poiché non possono evocare quelle immagini nella loro mente dal momento che sono privi di fantasia.

A sinistra, un'immagine che le persone hanno visto, e a destra, esempi dei loro disegni
Esempio di disegno di un partecipante all’afantasia, dalla memoria e dall’osservazione. Zoe Pounder, Autore fornito

I nostri risultati hanno mostrato che le persone con afantasia disegnavano correttamente le dimensioni e la posizione degli oggetti, ma fornivano dettagli visivi significativamente inferiori, come il colore, e disegnavano anche meno figure oggetti in relazione ai disegni dei testimoni.

Alcuni partecipanti con afantasia hanno notato cosa fosse l’oggetto attraverso il linguaggio – per esempio, scrivendo le parole “letto” o “sedia” – piuttosto che disegnare l’oggetto. Ciò suggerisce che le persone con afantasia potrebbero utilizzare strategie alternative come le rappresentazioni verbali piuttosto che la memoria visiva. Queste differenze nei dettagli degli oggetti e dello spazio non erano dovute a differenze nell’abilità artistica o alla mancanza di concentrazione.

I nostri risultati suggeriscono che le persone con afantasia hanno un’immaginazione spaziale cerebrale intatta, la capacità di rappresentare la dimensione, la posizione degli oggetti in relazione l’uno con l’altro. Questa scoperta è stata rafforzata in un altro dei nostri studi che esaminano le prestazioni delle persone con afantasia in una serie di esercizi relativi alla memoria e i suoi effetti sulla rappresentazione mentale.

Abbiamo scoperto che le persone che non avevano la capacità di generare immagini visive si comportavano bene in questi esercizi quanto quelle con un’elevata fantasia. Abbiamo anche visto prestazioni simili con la classica tecnica di rotazione mentale (RM), in cui le persone esaminano figure diverse e, capovolgendole mentalmente, devono determinare se sono figure simili o separate.

Questi risultati suggeriscono che non è necessario avere una buona fantasia per svolgere questi compiti. Al contrario, è stato dimostrato che alcune persone con afantasia – ma non tutte – hanno maggiori probabilità di segnalare difficoltà nel riconoscere i volti e di segnalare una scarsa memoria autobiografica – la memoria degli eventi della vita – un tipo di memoria che si ritiene si basi molto sulle immagini mentali.

Vivere con l’immaginazione

Le persone con afantasia descrivono anche altre disparità. Pertanto, non tutte le persone con afantasia presentano una totale assenza di immagine mentale a livello dei sensi. Alcune persone potrebbero essere in grado di sentire una melodia nella loro testa, ma non avere immagini visive associate ad essa.

Allo stesso modo, la ricerca ha dimostrato che, nonostante l’incapacità di generare immagini visive su richiesta, alcune persone con afantasia riferiscono di avere immagini mentali nei loro sogni. Altri dicono che i loro sogni sono non visivi, costituiti solo da contenuti concettuali o emotivi.

Queste disparità sono affascinanti e sottolineano quanto siano invisibili a occhio nudo alcune delle distinzioni che esistono tra di noi. Sebbene molte persone con afantasia non siano consapevoli di vivere il mondo in modo diverso, ciò che sappiamo è che queste persone vivono la loro vita professionale al massimo.

Per molte persone, le immagini mentali sono parte integrante del modo in cui pensano, ricordano gli eventi passati e pianificano il futuro, un processo in cui si impegnano e vivono inconsciamente. Tuttavia, non capiamo ancora perché ci siano differenze nella rappresentazione mentale visiva, né quale sia la causa principale. Ma ciò che testimonia l’afantasia è che molte delle nostre esperienze mentali non sono vissute universalmente. Ci sono infatti una serie di disparità non riconosciute e sconcertanti tra di noi.

Autore

Zoë Pounder, Post-doc researcher in Visual Imagery, University of Westminster