Ethereum VS Bitcoin
  • Categoria dell'articolo:Economia
  • Ultima modifica dell'articolo:10 Marzo 2022

La seconda criptovaluta più preziosa al mondo, ether, ha toccato i massimi storici di prezzo in vista di un importante aggiornamento della sua piattaforma sottostante, ethereumEther attualmente vale complessivamente poco meno di 500 miliardi di dollari (363 miliardi di sterline). È ancora poco meno della metà di quella della più grande criptovaluta, bitcoin.

Ma questo aggiornamento, un passo fondamentale verso una versione molto più verde e veloce del sistema attuale, potrebbe mettere ethereum sulla strada per diventare la piattaforma dominante su Internet e rendere ether il numero uno?

Prima di tutto, è importante capire la differenza tra bitcoin ed ethereumBitcoin è un sistema che consente alle persone di scambiarsi valore senza bisogno di banche. È basato su una tecnologia nota come blockchain, che sono registri online le cui transazioni sono controllate e registrate da una rete decentralizzata di computer noti come validatori.

Questi validatori sono incentivati ​​per il loro lavoro ricevendo bitcoin appena coniati come ricompensa, in quello che è noto come “mining“. Per renderlo più attraente, il bitcoin è relativamente scarso: esistono solo circa 18 milioni di monete e il protocollo è tale che non possono mai essercene più di 21 milioni.

Ether vs bitcoin per valore totale (capitale di mercato)

Grafico che mostra la capitalizzazione di mercato di bitcoin ed etherium
Leggenda: bitcoin = arancione, etherium= blu

Ether funziona in modo simile a bitcoin, ma ethereum è diverso. È una piattaforma software mondiale senza host, su cui gli sviluppatori stanno costruendo migliaia di applicazioni basate su blockchain.

Ciò significa che tutte queste applicazioni possono essere eseguite senza essere controllate da un’azienda. Gli esempi includono scambi di criptovalute, sistemi assicurativi e nuovi tipi di gioco.

Al centro della piattaforma c’è l’idea di contratti intelligenti, che sono accordi automatizzati che garantiscono che denaro e beni passino di mano quando determinate condizioni sono state soddisfatte. Tutte le transazioni sulla piattaforma alla fine utilizzano ether, e il successo della piattaforma è il motivo per cui negli ultimi anni ether è stata la seconda criptovaluta dopo bitcoin. Il fatto che l’etere alimenti la piattaforma – anche se indicato come tasse del gas – le conferisce un’utilità e un valore intrinseco che bitcoin non ha.


Crea il tuo portafoglio di criptovalute su Coinbase. Riceverai €8 bitcoin gratuiti quando acquisti o vendi almeno €86 in criptovaluta.


Perché ethereum 2.0

Ethereum ha diversi problemi importanti, tuttavia. La prima è che le tariffe del gas sono diventate molto care negli ultimi due anni perché la rete è diventata così popolare ed è quindi molto congestionata.

I validatori danno la priorità agli utenti che sono disposti a pagare le commissioni più alte per le loro transazioni. Ad esempio, la transazione media al momento della scrittura sull’exchange di criptovalute Uniswap costa circa $ 44 in tasse per il gas.

Bitcoin ha problemi comparabili con la congestione, che i suoi sviluppatori stanno cercando di risolvere costruendo applicazioni come Lightning in cima che vantano velocità di transazione più elevate.

Il secondo problema per ethereum è che, poiché è diventato più popolare, la quantità di potenza di calcolo utilizzata dai validatori è aumentata vertiginosamente. È lo stesso problema che ha portato molta pubblicità negativa al bitcoin, perché utilizza molta elettricità.

Bitcoin sta attualmente utilizzando la stessa potenza di tutte le Filippine, anche se i suoi sostenitori sostengono che gran parte di questa è energia che altrimenti andrebbe sprecata – ad esempio, le piattaforme petrolifere bruciano il gas naturale perché non è redditizio venderlo. I sostenitori sottolineano anche che la rete si sta spostando verso l’utilizzo di molta più energia rinnovabile nel tempo.

Ad ogni modo, l’eventuale realizzazione di un ethereum 2.0 risolverà questi problemi spostando il sistema di validazione della piattaforma da “prova di lavoro” a “prova di posta”. Senza entrare in troppi dettagli, il proof of work è un protocollo in cui tutti i validatori tentano di risolvere equazioni complesse per dimostrare che ogni transazione proposta è valida. Con la prova di puntata, non è necessario che tutti i validatori svolgano questo lavoro assetato di potere, perché il sistema ne sceglie uno a caso per confermare ogni transazione.

Molti nella comunità bitcoin sono contrari alla prova di posta perché dà il massimo potere ai più grandi validatori, consentendo loro potenzialmente di corrompere il sistema di validazione se riescono a ottenere il controllo di più della metà della rete. I sostenitori di Ethereum ribattono che la prova della posta ha controlli e contrappesi incorporati che impedirebbero che ciò accada.

In ogni caso, ethereum 2.0 promette di ridurre il consumo energetico della piattaforma del 99,9%, rendendola molto più sostenibile. Dovrebbe anche risolvere il problema delle tariffe del gas aumentando la capacità di elaborazione della piattaforma da 30 transazioni al secondo a potenzialmente 100.000, oltre a rendere possibili contratti intelligenti più sofisticati rispetto a prima.

Come va

La transizione a ethereum 2.0 è stata lenta, piena di problemi tecnici che si trascinano da oltre due anni. Negli ultimi mesi, la nuova blockchain proof-of-stake è stata eseguita in un formato di test in parallelo con il sistema esistente, consentendo agli sviluppatori di prepararla per una fusione nel 2022.

Il prossimo aggiornamento è essenzialmente un riscaldamento per questa fusione. Conosciuto come Altair, introduce numerose modifiche tecniche progettate per mantenere onesti i validatori e rendere il sistema più decentralizzato. Supponendo che tutto proceda come previsto, tutti gli occhi saranno puntati sulla fusione e poi su un altro cambiamento noto come “sharding” che aumenterà notevolmente la capacità di elaborazione del sistema.

Certamente il prezzo di ether è stato forte prima dell’aggiornamento di Altair. La recente impennata del bitcoin ai massimi storici ha contribuito a sollevare l’intero mercato delle criptovalute. Ma parte del movimento dei prezzi di ether probabilmente riflette le persone che scommettono che l’aggiornamento avrà successo, mentre il resto proviene dagli speculatori che passano dal bitcoin e dal nuovo denaro che si sposta nello spazio.

Ether contro gli “assassini dell’et” per valore totale

Grafico che mostra la capitalizzazione di mercato dell'etere e degli assassini dell'etere
SOL = solana (verde), DOT = pois (giallo), ADA = cardano (arancione). Vista di trading

In vista della fusione delle due blockchain di ethereum, sarà interessante vedere come tutto ciò influisca sul prezzo di ether in relazione ai cosiddetti “ eth killers ”. Si tratta di piattaforme rivali come cardano e solana che sono state molto popolari negli ultimi mesi in parte a causa dei problemi di ethereum con le commissioni.

Ma alla fine la domanda è cosa significherà per bitcoin. I bitcoiner continueranno a sostenere che il loro protocollo è più decentralizzato rispetto alla prova di posta in gioco, e hanno il vantaggio di essere il marchio di criptovalute con cui gli investitori sono più a loro agio a rischiare i loro soldi.

La domanda è se questi vantaggi sono superati dalle credenziali più ecologiche di ethereum 2.0 e dal fatto che può gestire più transazioni. Bitcoin attualmente vale il doppio di ether, ma le voci vanno e vengono su un “capovolgimento” in cui ether lo supera. Potrebbe succedere nel 2022? Con l’egemonia di bitcoin in gioco, sarà affascinante scoprirlo.

Daniel Broby, Director, Centre for Financial Regulation and Innovation, University of Strathclyde

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.