occhio secco
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:28 Novembre 2022

Se provi una sensazione di corpo estraneo, bruciore, arrossamento, prurito, visione offuscata o fotofobia (la voglia di chiudere gli occhi), probabilmente hai una condizione nota come secchezza oculare. E non sei il solo: ne soffre ben il 30% circa degli over 50 (soprattutto donne), anche se non vengono risparmiati neanche i giovani.

Inoltre, i sintomi peggiorano in ambienti secchi e quando guardiamo gli schermi di dispositivi come televisione, computer o telefoni cellulari. In altre parole, durante gran parte dei nostri giorni.

Il trattamento di solito si concentra sull’alleviare il disagio attraverso l’uso di lacrime artificiali, antibiotici e agenti antinfiammatori o immunosoppressori. Tuttavia, il recupero può richiedere anni, soprattutto se i sintomi sono gravi. Questo perché gli attuali approcci terapeutici non si basano sulla sua causa, ma sull’alleviare quei sintomi. Ed è molto importante capire l’origine delle malattie per curarle.

Perché l’occhio si secca?

L’occhio secco si verifica a causa di una carenza di lacrime o perché sono di scarsa qualità. Ogni lacrima ha una componente acquosa, un altro lipide (grasso) e un terzo di mucine (sostanze che aiutano la lacrima ad attaccarsi alla cornea). L’ammiccamento aiuta questi tre componenti a depositarsi sulla superficie oculare in modo tale che la parte grassa rimanga in superficie, per evitare l’evaporazione del componente acquoso.

Diverse alterazioni possono contribuire a una qualità lacrimale inadeguata:

  1. Alterazione della secrezione dei grassi da parte delle ghiandole di Meibomio, situate all’interno delle palpebre.
  2. Alterazioni ormonali come menopausa, andropausa o altre patologie.
  3. Disturbi neurologici che, a causa dell’assenza o dell’alterazione dei nervi che si collegano alla cornea o al lacrimale, possono produrre una diminuzione dell’ammiccamento o della secrezione acquosa delle lacrime.
  4. Disturbi immunologici, poiché alcune cellule delle ghiandole lacrimali rilasciano sostanze infiammatorie che possono alterare le terminazioni nervose della cornea. Ciò ritarda l’ammiccamento, che influisce sull’organizzazione lacrimale sulla superficie oculare e sulla clearance lacrimale.

Diverse tipo di lacrime

Tieni anche presente che non tutte le lacrime sono uguali. Quelle prodotte dal freddo o quelle emotive sono più diluite e, quindi, passano meno tempo nei nostri occhi. Tuttavia, quelle che proteggono il nostro organo visivo e facilitano la visione sono complesse e richiedono un equilibrio tra le suddette sostanze: acqua, grassi e mucine.

L’ostruzione o l’alterazione della funzione delle ghiandole di Meibomio è molto comune. Ciò significa che la lacrima manca di quella componente grassa situata all’esterno della superficie dell’occhio quando ammicca. Di conseguenza, l’ingrediente acquoso evapora e produce quello che viene chiamato occhio secco evaporativo.

Al contrario, un’anomalia nella secrezione della componente acquosa produrrebbe secchezza oculare carente di acqua. In ogni caso, il disagio sarà presente in tutti gli occhi asciutti, anche se le cause sono diverse.

Come può essere alleviato o curato?

Il trattamento dipenderà dal tipo di alterazione che produce l’occhio secco. Ad esempio, se c’è un’origine infiammatoria, possono essere prescritti farmaci immunosoppressori come la ciclosporina o i corticosteroidi. Gli occhi asciutti moderati possono essere trattati con lacrime artificiali o inserti oftalmici che rilasciano sostanze per inumidire l’occhio.

Esistono anche farmaci che aiutano ad aumentare la produzione lacrimale e procedure come l’occlusione parziale del dotto lacrimale. Esistono anche lenti a contatto speciali, come le lenti sclerali, per proteggere la cornea e trattenere l’umidità.

Il riscaldamento delle ghiandole di Meibomio con dispositivi diversi sarebbe indicato in caso di ostruzione di dette ghiandole. E in situazioni di grande disagio oculare, i trattamenti con emoderivati ​​sierici autologhi non hanno effetti collaterali e aiutano a rigenerare la superficie oculare.

Un gruppo di ricerca ha recentemente caratterizzato la componente grassa del siero autologo (realizzato con il sangue del paziente), in quanto dà ottimi risultati nel trattamento della secchezza oculare. Tale componente era sconosciuto e potrebbe aiutare in futuro a progettare lacrime artificiali più efficaci in grado di rimanere più a lungo negli occhi.

La medicina personalizzata è essenziale in caso di secchezza oculare: è necessaria un’analisi dettagliata delle cause della malattia per proporre un trattamento adeguato per ogni paziente. E, senza dubbio, l’ammiccamento è un aspetto che aiuta a mantenere l’umidità negli occhi e combattere questo fastidioso disturbo.

Autore

Elena Vecino Cordero, Arantxa Acera OsaUniversidad del País Vasco/Università dei Paesi Baschi