Al momento stai visualizzando Alimenti che influenzano l’invecchiamento della pelle
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:16 Novembre 2022

Pomeriggio d’estate, sole caldo, grigliata con gli amici a bordo piscina e dopo cena con qualche cocktail al lime o al limone. Cosa potrebbe andare storto? Molto facile: danno genetico alla pelle. Ma perché?

Il libro della vita, il DNA, non è immutabile. La vita stessa lo danneggia e di conseguenza riduce la capacità di sopravvivenza delle cellule. Ed è proprio questa l’origine dell’invecchiamento naturale. Un invecchiamento che può essere accelerato da elementi su cui non contavamo, come il cocktail di sole e lime o limone.

Ma, cominciamo dall’inizio. Il nostro genoma ha 3,3 miliardi di lettere, racchiuse in 23 cromosomi. Questi dati, proprio così, ci lasciano indifferenti. Tuttavia, se facciamo un piccolo calcolo e lo convertiamo in pagine di testo in Word, possiamo avere un’idea migliore del volume di informazioni contenute: se questo testo fosse scritto in carattere Arial, dimensione 11 punti e interlinea singola, equivarrebbe a 250 chilometri di fogli A4.

Poiché abbiamo due genomi in ciascuna delle nostre cellule, uno ereditato dal padre e uno dalla madre, le “pagine” del nostro genoma si sommerebbero a un totale di 500 chilometri di contenuto genetico.

Un “libro di cucina” che muta facilmente

Questo ampio testo contiene le ricette per cucinare ciascuno dei pezzi delle nostre cellule. Ma anche per l’integrazione di tutti loro in un sistema complesso che comprende tutto, dalla riproduzione al metabolismo alimentare, compreso il pensiero e la coscienza – la proprietà emergente più sorprendente dell’essere umano –.

Il problema è che il DNA può essere alterato da mutazioni che “interrompono” il testo originale. La causa di queste mutazioni in molti casi è nell’attività cellulare stessa, principalmente nella respirazione.

In pratica, in un solo giorno si stima che in ogni cellula si verifichino circa 50.000 rotture di catena, 10.000 alterazioni nucleotidiche, 5.000 mutazioni dovute a prodotti chimici – come quelli derivati ​​dal fumo -, 2.000 lesioni da radicali liberi. E 10 eventi di collegamento tra i due filamenti di DNA. Fortunatamente le nostre cellule sono in grado di guarire la maggior parte di queste ferite genetiche.

Il danno che resiste di più sono i cosiddetti collegamenti a elica del DNA, rari e molto pericolosi. Questi sono i più difficili da riparare e si stima che 40 lesioni di questo tipo siano sufficienti per uccidere una cellula. E tutto perché bloccano completamente la rigenerazione dei tessuti, causando un invecchiamento accelerato.

Cocktail al sole, diete detox e invecchiamento accelerato della pelle

La letteratura scientifica è ricca di persone ricoverate in ospedale con ustioni di secondo grado dovute alla combinazione di una prolungata esposizione al sole con il contatto o il consumo di alcuni vegetali, tra cui lime, limoni e pompelmi. Questi alimenti danno origine a fotodermatosi acuta perché contengono tossine chiamate furocumarine che, sotto la luce solare, inducono la formazione di legami del DNA. La conseguenza immediata è di solito la morte cellulare, un’infiammazione massiccia e la formazione di vesciche sulla pelle.

Ma questa è solo la punta dell’iceberg. In caso di bassa esposizione, anche senza un’evidente ustione, il contatto continuato nel tempo provoca macchie scure permanenti, un invecchiamento accelerato della pelle e una maggiore possibilità di sviluppare il cancro.

Vengono descritti anche casi di persone che, seguendo i consigli di influencer, hanno effettuato “cure detox” abusando di lime, pompelmo o sedano con effetti dannosi sulla pelle.

Attenzione al bergamotto nei profumi

Un’altra fonte di problemi alla pelle è il consumo di alcune piante selvatiche come il Chenopodium, piante medicinali come la Plantago, il contatto con le foglie di fico o l’uso di oli essenziali cosmetici (ad esempio la Psoralea). Oltre al fatto che ci sono essenze incluse nei profumi o nei prodotti per l’igiene, come il bergamotto, che contengono grandi quantità di furocumarine mutagene.

L’International Fragrance Association ha recentemente evidenziato l’importanza di sviluppare solide metodologie per identificare e quantificare queste tossine nei prodotti cosmetici.

Da parte sua, la Commissione Europea ha limitato il contenuto di furocumarine, stabilendo limiti rigorosi per poter commercializzare creme solari o creme solari. Inoltre, i produttori di essenze – a causa della crescente preoccupazione per questo problema – producono già essenze prive di tossine attraverso trattamenti specifici che ne preservano l’aroma.

È chiaro che non sempre naturale è sinonimo di salutare. E che a volte i prodotti naturali devono essere trattati chimicamente per essere sicuri da usare.

Per la cura della pelle e la sopravvivenza del nostro DNA, è necessario chiedere il parere di veri specialisti e non seguire le indicazioni degli youtuber alla moda.

Autore

Antonio José Caruz ArcosUniversità di Jaen