farmaci in pillole

Stiamo assumendo farmaci senza saperlo?

  • Pubblicato
  • Aggiornato
  • 5 minuti di lettura

Il consumo mondiale di farmaci ha registrato una tendenza al rialzo nell’ultimo decennio. L’uso di farmaci per abbassare il colesterolo è quasi quadruplicato, quello di antidepressivi e antidiabetici è raddoppiato e quello di antipertensivi è aumentato del 65% nei paesi OCSE tra il 2000 e il 2019.

Una parte del farmaco o del principio attivo che ingeriamo con i farmaci viene escreta dal nostro corpo attraverso l’urina o le feci, intatta o trasformata in metaboliti. Questi farmaci e i loro metaboliti finiscono negli impianti di depurazione delle acque reflue che, non essendo progettati per trattare questo tipo di composti, non sono in grado di eliminarli completamente.

Di conseguenza, ogni giorno una quantità significativa di farmaci viene rilasciata nelle acque superficiali attraverso lo scarico di acque reflue. Questi farmaci possono percorrere lunghe distanze e viaggiare dai fiumi alle falde acquifere e ai terreni agricoli, dove possono essere assorbiti dalle piante coltivate ed entrare nella catena alimentare.

Indice

Inquinanti non regolamentati

Il miglioramento delle apparecchiature di rilevamento e lo sviluppo di metodi analitici più potenti ci hanno dato la possibilità di rilevare nelle acque superficiali e in altre matrici ambientali quello che fino a pochi anni fa era un mondo invisibile e complesso.

La presenza di residui di farmaci nelle risorse idriche non è ancora regolamentata. Tuttavia, l’Unione Europea (UE) ha istituito “liste di controllo” con l’obiettivo di raccogliere dati di monitoraggio sulle sostanze per le quali si sospetta che possano esistere costituire un rischio significativo per l’ambiente acquatico e, attraverso di esso, per l’uomo.

Diversi farmaci compaiono in questi elenchi, come l’antibiotico sulfametossazolo, l’antidepressivo venlafaxina e il farmaco antidiabetico orale metformina.

Impatto sugli ecosistemi

I farmaci sono molecole biologicamente attive progettate per avere un effetto farmacologico sugli organismi viventi. Non sorprende quindi che la costante esposizione degli organismi acquatici ai residui di farmaci possa avere un impatto negativo sulla loro salute.

Un rapporto OCSE del 2019 include alcuni di questi effetti osservati in laboratorio:

  • Gli analgesici possono causare genotossicità e neurotossicità nei molluschi e disturbi endocrini nelle rane.
  • Gli antiepilettici causano ritardo della crescita nei pesci e tossicità riproduttiva negli invertebrati.
  • Gli antipsicotici causano disturbi comportamentali nei pesci.
  • Gli antidiabetici orali hanno potenziali effetti sul sistema endocrino dei pesci.
  • Gli ormoni causano alterazioni nel sistema riproduttivo nei pesci e nelle rane.

Grazie ai dati ottenuti attraverso studi sia scientifici che tecnici sul suo aspetto, persistenza e tossicità, l’UE ha recentemente pubblicato una proposta attraverso la quale propone la regolamentazione della concentrazione di alcuni antibiotici, analgesici e ormoni nelle acque superficiali. L’antiepilettico carbamazepina e l’antibiotico sulfametossazolo nelle acque sotterranee.

Dall’impianto di depurazione alla nostra tavola

Una delle principali fonti di droghe nell’ambiente sono gli effluenti degli impianti di trattamento delle acque reflue, dove queste molecole appaiono con basse concentrazioni – variano tra nanogrammi per litro e microgrammi per litro – ma sono costanti.

Una volta rilasciati nelle acque superficiali, possono subire processi che si verificano naturalmente nell’ambiente. Ad esempio fotodegradazione, biodegradazione o diluizione. Questi processi naturali di attenuazione sono responsabili della diminuzione della sua concentrazione o tossicità. L’entità di questi processi dipende, tra gli altri fattori, dalle loro proprietà fisico-chimiche.

Sfortunatamente, non è insolito che alcuni farmaci si comportino in modo persistente, resistano all’attenuazione naturale e percorrano lunghe distanze per raggiungere i terreni agricoli.

Nel 2016, una revisione della letteratura globale sugli studi che misurano le concentrazioni ambientali di inquinanti farmaceutici persistenti nell’ambiente (inclusi antibiotici, analgesici, farmaci ipolipemizzanti, estrogeni e altri) ha rilevato nell’ambiente un totale di 631 diversi composti o i loro prodotti di trasformazione su 71 Paesi.

L’acqua di superficie è una delle risorse idriche più utilizzate in agricoltura. Quando vi si trovano disciolti residui di farmaci, frutto, in parte, del consumo umano, si corre un rischio per la sicurezza alimentare a causa del loro possibile ingresso nelle piante coltivate che finiscono sulla nostra tavola, come cereali, ortaggi, frutta, ecc.

Rileviamo droghe nell’acqua di irrigazione

I risultati del lavoro, pubblicati sulle riviste Science of the Total Environment e Environmental International, mostrano che 42 dei 50 farmaci studiati sono rilevati nell’acqua utilizzata per irrigare il mais in un’area agricola nel sud della Comunità di Madrid.

Tra questi, per i livelli di concentrazione (fino a 13 µg/L), spicca la metformina, l’antidiabetico orale inserito nella watch list 2022. Questi dati sono legati al suo elevato consumo e al fatto che la quasi totalità della dose ingerita è escreto attraverso l’urina e le feci.

I processi naturali di attenuazione nel suolo sono molto efficaci nel ridurre la concentrazione della maggior parte dei farmaci di oltre il 60%. Tuttavia, l’antiepilettico carbamazepina e l’antibiotico sulfametossazolo mostrano una natura persistente e sono quindi suscettibili di raggiungere le acque sotterranee. La persistenza di questi composti è uno dei motivi della loro inclusione nella proposta di regolamento UE.

La ricerca mostra che la maggior parte dei farmaci studiati sono trattenuti nelle radici. Solo una piccola quantità (0,02%) si accumula nella pannocchia di mais, ponendo un rischio trascurabile per la sicurezza alimentare a causa del suo consumo. Tuttavia, bisogna tenere conto del fatto che la nostra dieta comprende molti alimenti di origine vegetale che possono accumulare più sostanze e che, inoltre, vengono consumati crudi.

Dove andare?

Una delle maggiori sfide per valutare il rischio associato alla presenza di droghe negli alimenti è disporre di dati di concentrazione affidabili e, quindi, studi in condizioni di campo e potenti tecniche analitiche.

Le droghe si trovano nell’acqua insieme a un gran numero e diversità di sostanze come tracce di metalli, pesticidi, biocidi, additivi chimici e nanoplastiche, che possono avere un effetto negativo sinergico. Tenere conto del complesso mix di sostanze che si dissolvono nell’acqua come conseguenza dell’attività umana è sia essenziale che impegnativo per la valutazione del rischio.

I dati sulla presenza di droghe nell’ambiente non sono incoraggianti. Ci sono possibili opzioni chiave per mitigare questo problema agendo nei diversi settori della produzione di droga e a livello di smaltimento dei rifiuti e trattamento delle acque reflue. Inoltre, è essenziale incoraggiare l’uso prudente dei farmaci.

Autore

Raffaella Meffe, Ana de Santiago MartínIMDEA ACQUA