bambina raffreddore
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:17 Gennaio 2024

Capiamo cos’è un raffreddore. È un’infezione virale lieve e molto contagiosa. Negli adulti provoca rinorrea (naso che cola), generalmente senza febbre, che si risolve in 3 giorni. Nei bambini, ciò può essere associato a tosse, mialgia (dolori), diarrea e febbre. Non si tratta quindi di influenza responsabile di sintomi più gravi, né di angina o bronchite.

Questa infezione molto spesso guarisce senza complicazioni. Ma può progredire fino all’otite, soprattutto nei bambini, a causa della naturale comunicazione tra la regione nasale posteriore e l’orecchio interno. Per quanto riguarda la frequenza, varia a seconda dell’età: tra i 6 e gli 8 episodi, e talvolta anche fino a 12 all’anno, in un bambino in età prescolare, rispetto ai 2-4 negli adulti. 

Diversi tipi di virus coinvolti

Molti virus sono responsabili dei sintomi del raffreddore. I rinovirus si riscontrano nel 30-50% dei casi. Nel 10-15% dei casi si tratta di un coronavirus diverso dal virus SARS (sindrome respiratoria acuta grave), MERS ( sindrome respiratoria del Medio Oriente ) o SARS-CoV-2 responsabile del COVID. E nel 5-15% dei casi sono coinvolti virus influenzali. Infine, il virus respiratorio sinciziale (RSV), che è il principale agente della bronchiolite nei neonati, può essere responsabile del 5% dei raffreddori nei bambini tra i 2 e i 5 anni.

Ogni virus trasporta sulla sua superficie delle proteine, chiamate anche determinanti antigenici. Questi vengono individuati dal nostro sistema immunitario che li riconosce come estranei al corpo. Quindi produce anticorpi, che in seguito rileveranno le proteine ​​virali e aiuteranno a eliminare gli invasori. Un’analisi del siero del sangue (o sierologia) rivelerà detti anticorpi.

Analizzando i genomi di numerosi virus, i virologi sono riusciti a identificare i geni utilizzati per produrre queste proteine. Hanno scoperto che all’interno della stessa famiglia di virus, i geni utilizzati per produrre i determinanti antigenici hanno sequenze molto simili, mentre differiscono da una famiglia virale all’altra.

Nel dettaglio, tra virus della stessa famiglia esiste più dell’80% di omologia tra le sequenze dei geni determinanti antigenici. Sebbene queste differenze inducano solo piccole modifiche a livello delle proteine ​​prodotte, sono tuttavia sufficienti per distinguere le specie virali: nella famiglia dei Rhinovirus esistono quindi 165 specie diverse.

Incontri ricordati

Durante l’infanzia il sistema immunitario si confronta quindi non solo con diverse famiglie virali, ma anche con specie diverse all’interno della stessa famiglia. Al primo contatto con un virus, attiverà il meccanismo per combattere l’infezione. L’organismo è allora la sede di una cascata di eventi. Ciò si traduce nella comparsa di sintomi clinici e si traduce non solo nell’eliminazione del virus, ma anche nella costituzione della memoria immunitaria.

È questa memoria immunitaria che consentirà, durante il contatto successivo, la rapida eliminazione di un virus della stessa famiglia: il sistema immunitario riconoscerà più rapidamente i determinanti antigenici con cui si è già confrontato, ed eliminerà il virus prima ancora che comparsa di segni clinici. L’infanzia è quindi il periodo durante il quale il nostro organismo costruirà e arricchirà la sua memoria immunitaria, attraversando numerosi raffreddori causati da virus di diverse famiglie e specie.

A poco a poco, il nostro sistema immunitario è quindi sempre più capace di reagire alle comuni infezioni virali. Ma essendo la natura ricca e varia, accade che un virus mai incontrato prima, infetti la nostra cavità nasale. E quel giorno prendiamo il raffreddore e arricchiamo ulteriormente la nostra memoria immunitaria!

Non abbiamo ancora finito di avere il raffreddore

Se guardiamo il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, il raffreddore può essere doloroso, ma è gratificante. Tuttavia non è il caso di prendere la questione alla leggera.

Nelle persone il cui sistema immunitario è carente a causa di una patologia (leucemia, cancro, ecc.), e di trattamenti (chemioterapia, corticosteroidi a lungo termine, ecc.) o di età avanzata (si parla di immunosenescenza), qualsiasi infezione virale, inclusa il freddo, può avere gravi conseguenze. E se non siamo preoccupati per noi stessi, quando abbiamo il raffreddore, è meglio stare lontani da chi lo è, per evitare di trasmettergli i nostri virus, e quindi proteggerlo.

Per concludere, teniamo presente che il comune raffreddore è una malattia virale di cui non siamo pronti a sbarazzarci. Esiste infatti una tale diversità di specie virali che nessuno si è mai confrontato con tutti i virus esistenti. Inoltre non tutte le specie virali presenti sul globo sono state caratterizzate. Infine, la plasticità dei genomi virali è tale che nuovi virus possono apparire in qualsiasi momento, e infettare organismi dotati di sistema immunitario senza alcuna esperienza, quindi incapaci di eliminarli.

Fonti
Anne Goffard, Università di Lille