Al momento stai visualizzando Insulina e leptina: cosa sono e quali sono le loro funzioni
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Ultima modifica dell'articolo:8 Luglio 2022

L’insulina e la leptina sono gli ormoni responsabili della regolazione della quantità di cibo che dobbiamo mangiare. Il suo ruolo è così cruciale che la resistenza a questi ormoni può portare all’obesità, al diabete o persino al morbo di Alzheimer.

Quando sentiamo la parola insulina, praticamente tutti pensiamo a quegli anziani che non riescono a mangiare un pezzo di torta buonissima nella tipica merenda di famiglia e che, purtroppo, si devono iniettare ogni due o tre perché il loro zucchero è alto. Ma cos’è l’insulina? E, soprattutto, perché così tante persone ne hanno bisogno?

I semafori di aspirazione

Lo zucchero della dieta (glucosio) è la principale fonte di energia per l’essere umano. Questo glucosio è responsabile del movimento dei nostri muscoli, del funzionamento dei nostri organi e, soprattutto, dell’alimentazione del nostro cervello.

Essendo così importante, come possiamo assicurarci che i nostri organi e il nostro cervello ricevano quell’energia? La risposta è semplice: grazie all’insulina. È un ormone pancreatico che apre un portale nelle cellule che compongono i nostri organi. Ciò consente al glucosio del sangue di passare al suo interno e di essere utilizzato per produrre energia.

Cosa succede quando mangiamo? Lo zucchero – o glucosio – del cibo che mangiamo passa nel sangue e, quando i livelli sono alti, nel nostro corpo viene generato un allarme che dice rapidamente al pancreas di produrre insulina. L’insulina viaggia attraverso il sangue, raggiunge le cellule e apre una porta per l’ingresso del glucosio. Di conseguenza, i livelli di glucosio nel sangue scendono, il glucosio si trasforma in energia all’interno delle cellule e noi, dopo un po’, ci sentiamo attivi.

Un altro ormone che viene prodotto anche quando mangiamo è la leptina. Questa sostanza è considerata un’adipochina perché, come indica il nome, è prodotta nel tessuto adiposo, luogo in cui accumuliamo il grasso. Sì, quelle maniglie dell’amore che alcune persone odiano così tanto hanno un nome e un cognome: tessuto adiposo.

Quando mangiamo, il tessuto adiposo produce leptina, che viaggia nel nostro cervello e dice: “Dai, smetti di mangiare, ne hai abbastanza”. Cioè, è un ormone saziante che regola le riserve di grasso.

L’insulina e la leptina, come puoi immaginare, non sono indipendenti. Infatti, quando mangiamo, l’insulina che viene secreta favorisce la produzione di leptina. La leptina ci rende meno affamati (perché stiamo riempiendo le nostre riserve di grasso) e impedisce la secrezione di più insulina.

Le conseguenze degli eccessi

Questi sistemi di controllo dell’assunzione e livelli di glucosio possono essere alterati in varie situazioni: con l’invecchiamento, il fumo, la sedentarietà, problemi genetici, quando mangiamo troppo, ecc.

In tutti questi casi, il nostro corpo diventa esausto e desensibilizzato agli effetti di questi ormoni. Succede come quando mettiamo una colonia forte: all’inizio è molto forte l’odore, ma dopo 10 minuti ci sembra che non abbia odore di niente.

Se non manteniamo un ritmo di vita sano, il pancreas può smettere di produrre insulina correttamente. Può anche accadere che le nostre cellule smettano di essere sensibili all’insulina, anche se i livelli dell’ormone sono normali o addirittura alti. Quindi si dice che siamo insulino-resistenti.

Pertanto, le persone con insulino-resistenza, e anche le persone che non la producono correttamente, hanno livelli di glucosio nel sangue molto alti e un aumentato rischio di diabete. In effetti, alcune persone con diabete hanno bisogno di assumere insulina per mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue.

Esiste anche la resistenza alla leptina. Ad esempio, si verifica in condizioni di obesità. Le persone obese hanno livelli elevati di leptina nel sangue. Curioso, vero? Quello che succede è che l’eccesso di cibo a lungo termine provoca danni al cervello che impediscono alla leptina di dare il segnale di STOP. Questo ci impedisce di sentirci sazi e di smettere di mangiare, il che diventa un circolo vizioso. Infatti, i modelli animali geneticamente modificati in modo da non produrre leptina o il suo recettore sviluppano una grave obesità.

La resistenza all’insulina e alla leptina sono problemi di salute sempre più gravi a causa dello stile di vita che da decenni viene promosso nella nostra società. Molte volte sono passaggi che precedono lo sviluppo di malattie croniche come l’obesità o il diabete. Possono anche accompagnare un invecchiamento malsano.

Una mente sana in un corpo sano

È stato riportato che la resistenza all’insulina e alla leptina è correlata al morbo di Alzheimer. Cosa dovranno fare?

Come abbiamo detto prima, il glucosio è il cibo preferito del cervello. In modelli animali di Alzheimer, sono stati rilevati fallimenti nella segnalazione dell’insulina nel cervello, in particolare nell’area dell’ippocampo. Questa regione, responsabile della memoria, è la prima a cominciare a deteriorarsi all’inizio della malattia.

Come abbiamo detto, insulina e leptina vanno di pari passo e, come previsto, anche la segnalazione della leptina fallisce. La resistenza alla leptina è stata descritta in pazienti con Alzheimer. Fortunatamente, questo ha permesso di definire sia l’insulina che la leptina come componenti cruciali per il corretto funzionamento del cervello.

Ok, è diventato chiaro per noi che l’insulina e la leptina sono responsabili della regolazione di ciò che mangiamo in modo che abbiamo energia e il nostro corpo e il nostro cervello funzionino bene. Ma in più, il rapporto diretto con l’Alzheimer li rende potenziali bersagli terapeutici, bersagli di terapie dirette che possono aiutare a curare o rallentare questo tipo di malattia neurodegenerativa. E per raggiungere così, come dicevano i nostri antenati romani, un uomo sano in un corpo sano.

Autore

Elvira de Frutos Gonzalez, Marina Martin TaboadaUniversità King Juan Carlos