Al momento stai visualizzando In che modo il conflitto tra genitori influisce sui figli

Disaccordi e conflitti sono insiti nelle relazioni umane e sono quindi comuni nell’ambiente domestico.

Nell’immaginario collettivo il concetto di conflitto ha connotazioni negative. Tuttavia, essere in disaccordo e avere opinioni diverse su qualsiasi questione può essere un’opportunità per imparare, crescere o migliorare le situazioni e, quindi, avere conseguenze costruttive e gratificanti.

Per questo, è una questione che il disaccordo non si trasformi in un confronto aggressivo. Quando le opinioni vengono trasmesse in modo violento o irrispettoso, cessano di essere parte di un processo positivo e diventano dannose e distruttive.

Meccanismi reattivi

Quando le coppie hanno figli, questi, soprattutto se minorenni, risentono degli effetti nefasti dei conflitti, più dannosi per loro che per i genitori. Esiste una vasta letteratura su questi impatti negativi del conflitto genitoriale sui bambini, dai bambini agli adolescenti.

Che i genitori vivano insieme o siano separati, il lavoro scientifico dimostra che il conflitto genitoriale è un fattore che incide fortemente sulla salute fisica e psicologica dei figli. Questa realtà ha portato professionisti e scienziati di diversi campi (principalmente psichiatria, psicologia, pediatria e istruzione) a considerare la costante esposizione dei bambini al conflitto genitoriale come un processo costitutivo dell’abuso sui minori.

I genitori non sono sempre stati socializzati per risolvere amichevolmente i disaccordi. Al contrario, i risultati della loro esperienza li portano ad attivare meccanismi reattivi di difesa e attacco, soprattutto di fronte ad eventi stressanti, come la perdita del lavoro, la mancanza di risorse economiche, la presenza di una malattia grave in un familiare, l’adolescenza problematica di un figlio, la rottura di una coppia, ecc.

Sfortunatamente, questo porta a dinamiche più conflittuali tra i genitori, più discussioni e confronti, che riducono la loro capacità di coltivare relazioni emotive sane tra loro e con i loro figli, così come una co-genitorialità positiva. Ciò aggrava e rafforza lo stress all’interno della famiglia.

Cattivo esempio e stress accumulato

Le discussioni di coppia in cui manca il controllo emotivo esacerbano il confronto e fanno aumentare il numero e l’intensità dei problemi. Finiscono inevitabilmente per nuocere al funzionamento della famiglia e al benessere dei figli, tanto più quando si svolgono in loro presenza.

Ciò provoca stress nei bambini, con conseguenze negative sul loro sistema e funzionamento personale, influenzando i loro sistemi fisiologici, cognitivi e comportamentali.

Inoltre, portano a una mancanza di fiducia nella famiglia come sostegno a tutti i livelli, anche psicologico. Quest’ultimo punto pone in particolare pericolo i preadolescenti e gli adolescenti.

Dieci anni fa, l’American Academy of Pediatrics ha avvertito che la mancanza di relazioni familiari adeguate era un fattore predittivo di disadattamento e cattive condizioni di salute nei bambini e negli adolescenti.

In generale, nei bambini, il conflitto coinvolge sia l’interiorizzazione che l’esternalizzazione dei sintomi. Sebbene varino in base all’età e al sesso, i sintomi interiorizzanti includono ansia e sintomi depressivi, sintomi somatici, angoscia e paure. I sintomi di esternalizzazione includono capricci, mancanza di rispetto, comportamenti regressivi, comportamenti dirompenti, violenti e criminali e uso di sostanze.

Il controllo emotivo è appreso

Le discussioni tra genitori, quando condotte con controllo emotivo, gentilezza, comprensione, dignità e legittimità, e con stretto rispetto per le reciproche opinioni, non influiscono sui bambini e possono persino aumentare il loro senso di sicurezza e benessere all’interno della famiglia. Allo stesso tempo, possono essere un apprendimento di grande importanza per il loro sviluppo socio-emotivo e le loro prestazioni.

In questo senso, tra i bisogni primari dei bambini e degli adolescenti, si sottolinea che nelle famiglie devono esserci stili comunicativi assertivi, che devono essere favoriti lo scambio rispettoso delle informazioni e l’approccio non violento ai conflitti.

È il diritto dei bambini ad essere rispettati affinché possano vivere in un ambiente che favorisca il corretto sviluppo della loro personalità, il loro benessere e la loro felicità. Pertanto, una genitorialità responsabile richiede che i bambini godano di un ambiente familiare positivo, che senza dubbio richiede ai genitori di gestire e risolvere positivamente i conflitti ed evitare discussioni inappropriate.

I genitori devono essere consapevoli di come i loro argomenti possono danneggiare i loro figli per evitare di esporli a ciò e, se mancano delle capacità per gestire una risoluzione positiva dei conflitti, dovrebbero cercare un supporto da acquisire.

Autore

Francisca Fariña RiveraUniversità di Vigo