adolescenti

Pensare all’adolescenza è pensare a problemi come l’alcol, i malumori, l’abuso delle nuove tecnologie e dei social network, i primi rapporti sessuali, le droghe, le gravidanze indesiderate, i litigi… È pensare a una fase complicata che gli adulti a malapena ricordano e raramente capisco.

Essere un adolescente è una sfida, così come essere un bambino che deve imparare a camminare, parlare o muoversi in modo indipendente. Tuttavia, una volta raggiunta l’adolescenza, i compiti che si devono affrontare sono diversi: gestire le emozioni, assumere una certa indipendenza dai genitori, avanzare nelle decisioni... In questi anni, ragazzi e ragazze matureranno e affronteranno un’ampia gamma di opportunità di apprendimento che li farà sperimentare, rischiare, sbagliare e, infine, diventare adulti.

Anche essere adulti a contatto con gli adolescenti è una sfida. Capire come vedono il mondo, perché fanno quello che fanno o cosa li spinge a comportarsi in un certo modo è un esercizio importante per mettersi nei loro panni. Oltre a capire quali chiavi per lo sviluppo ci sono dietro sfide così complesse come definire l’identità personale e sessuale, imparare a far parte di un gruppo di eguali che li aiuterà a costruire la propria identità sociale, o distaccarsi emotivamente dai genitori per lasciare che siano gli amici che coprono bisogni come la ricerca di supporto o intimità.

Ricerca del piacere

I progressi scientifici nelle neuroscienze aiutano a capire come gli adolescenti svolgono il processo decisionale. Forse il risultato più significativo è che lo fanno con un cervello che si sta ancora sviluppando, cioè che non ha acquisito appieno tutte le sue capacità. E questo può portarli a commettere errori.

Durante l’adolescenza si devono affrontare molte situazioni che richiedono di prendere decisioni: provare qualcosa di nuovo, avvicinarsi a un’altra persona che ci attrae o infrangere una regola stabilita dalla famiglia. In tutte queste decisioni entrano in gioco due aree del cervello che si stanno ancora sviluppando e in momenti molto diversi.

Da un lato, il sistema mesolimbico, responsabile tra l’altro della regolazione del sistema di ricompensa. Questo sistema rafforza la ripetizione di comportamenti che provocano piacere – come andare alle feste con amici con cui ci si diverte –, o comportamenti di sopravvivenza – come bere acqua di tanto in tanto o nelle giornate molto calde –. L’attivazione del sistema mesolimbico è in parte mediata dalla produzione di ormoni. Ecco perché durante l’adolescenza la sua attivazione è molto alta.

Mancanza di autocontrollo

Interviene invece la corteccia prefrontale, preposta alle funzioni esecutive, cioè alla regolazione degli impulsi e all’autocontrollo. Una delle sue funzioni è valutare le conseguenze di un comportamento. La corteccia prefrontale, invece, è in pieno sviluppo durante l’adolescenza, cosa che va intesa come un deficit maturativo delle regioni cerebrali responsabili del controllo comportamentale.

Questo squilibrio, che la letteratura scientifica ha chiamato il Dual Systems Model, è la chiave per capire perché gli adolescenti a volte prendono le decisioni che prendono. Un sistema di ricerca del piacere altamente attivato è combinato nella sua testa con un sistema di regolazione comportamentale cosciente ancora in via di sviluppo.

Insomma, il binomio perfetto per ragazzi e ragazze per assumere, in questi anni, comportamenti che gli adulti considerano rischiosi.

Sentirsi parte di un gruppo

Non solo lo sviluppo individuale è importante per capire il motivo di alcuni comportamenti adolescenziali. Anche lo sviluppo del mondo sociale è fondamentale in questa fase di sviluppo.

In questi anni i pari diventano un contesto fondamentale per la socializzazione e l’apprendimento. Non è che i ragazzi e le ragazze si distacchino dal contesto familiare, è che ampliano il loro mondo di relazioni e incorporano gli amici nella loro cerchia sociale per funzioni specifiche come la ricerca di fiducia, sostegno e sicurezza.

In questo modo, l’adattamento e l’adeguamento del proprio comportamento per far parte e sentirsi integrati in quel gruppo diventa una priorità. Le norme di gruppo regoleranno in gran parte il comportamento individuale. Ciò che gli altri vedono come positivo ed è accettato dal gruppo, sarà desiderato e ripetuto. Ciò che censurano o vedono come negativo verrà represso.

In questo modo, gli adolescenti cercheranno di adattarsi a ciò che suppongono il gruppo si aspetti da loro mentre affrontano elementi come la pressione di gruppo – ovvero l’influenza che il gruppo sociale è in grado di esercitare su una persona – o il pubblico immaginario, caratteristico di sviluppo cognitivo adolescenziale che fa pensare che gli altri siano sempre consapevoli di loro, valutando e giudicando le loro azioni.

Ruolo dell’adulto

Lo sviluppo adolescenziale è un processo complesso con caratteristiche molto particolari. Non possono ancora essere considerati adulti, ma anche i comportamenti infantili sono stati lontani. I comportamenti che comportano l’assunzione di determinati rischi sono stati e continuano ad essere tratti caratteristici dell’adolescenza.

Tuttavia, non deve diventare qualcosa di tormentoso, né per loro né per i loro adulti di riferimento, se capisci cosa li porta ad agire in quel modo. La gestione della situazione è resa ancora più semplice se vengono forniti loro gli strumenti e il supporto di cui hanno bisogno per gestire con successo questi comportamenti.

La letteratura scientifica individua alcune chiavi al riguardo:

  1. Sbagliare e correre determinati rischi è un vero e proprio processo adolescenziale: l’importante è che diventino uno strumento di apprendimento.
  2. Lo stesso sviluppo cerebrale di queste età porta al piacere di sperimentare determinati comportamenti rischiosi impedendo una valutazione accurata delle loro conseguenze. È necessario spiegare, con attenzione e per comprensione, quali sono queste conseguenze.
  3. L’adolescente ha bisogno di sentirsi libero di sperimentare e di sbagliare, ma anche di conoscerne i limiti e le conseguenze. Sebbene vogliano essere indipendenti, hanno comunque bisogno di sentirsi accuditi dall’adulto.

La prospettiva dell’adolescente è molto diversa da quella dell’adulto. Comprendere il loro punto di vista e valutarlo come tale è essenziale. Hanno bisogno di sentirsi ascoltati e, soprattutto, compresi dal loro circolo di riferimento.

Autore

Carmen Viejo, Noemí Toledano Fernández, Università di Cordova