lago di Loch Ness

Il mostro di Loch Ness è reale?

  • Pubblicato
  • Aggiornato
  • 4 minuti di lettura

Una cosa sorprendente e meravigliosa delle persone è la nostra immaginazione. In effetti, è una delle qualità che ci rende umani.

Ogni invenzione che ha portato alla nostra civiltà avanzata – automobili, aerei, TV, computer e milioni di altre cose – è nata dall’immaginazione di qualcuno.

Allo stesso tempo, la mente umana immagina ogni sorta di cose che non sono reali: gremlin, folletti, fate, troll, sirene, zombi e vampiri. Ciò include anche animali immaginari, come draghi, unicorni, lupi mannari, serpenti marini e centauri.

Attraverso storie tramandate di generazione in generazione per centinaia o addirittura migliaia di anni, queste creature mitologiche sono diventate leggende. Nei tempi moderni, film, televisione e libri hanno diffuso queste storie a milioni o addirittura miliardi di persone.

Queste creature ci affascinano perché sono intriganti, magici e talvolta spaventosi. Eppure hanno tutti una cosa in comune. Fanno appello all’immaginazione. Le persone desiderano che esistano.

Indice

La leggenda di Loch Ness

Una leggenda proviene dalla Scozia settentrionale nel Regno Unito, dove si trova un lago d’acqua dolce freddo, torbido e misterioso chiamato Loch Ness. “Loch” è pronunciato come “blocco”. La parola significa “lago” in lingua scozzese.

Loch Ness è piuttosto grande: lungo circa 37 chilometri, largo un 1.600 metri e molto profondo 240 metri, nel punto più profondo. Le leggende sul lago risalgono a quasi 1.500 anni fa, quando un monaco irlandese, St. Columba, incontrò una bestia nel fiume che sfocia nel Loch Ness. Presumibilmente, ha scacciato la creatura quando ha fatto il segno della croce cristiana.

Nei tempi moderni, più di 1.000 persone affermano di aver visto “Nessie”, il nome che la gente del posto ha dato alla creatura decenni fa. Le descrizioni variano. Alcuni dicono che la creatura assomigli a una salamandra; altri dicono una balena o una foca.

In genere, la visibilità durante questi avvistamenti non era buona. Nella maggior parte di questi casi, i testimoni conoscevano la leggenda di Loch Ness.

Finora, nessuno ha mai trovato alcuna prova fisica di una creatura insolita o preistorica che vive nel lago. Una buona prova fisica potrebbe essere catturare la creatura, o una fotografia nitida, o un incontro in cui un biologo ha l’opportunità di esaminare la creatura.

Nessie non è un plesiosauro

Nel corso degli anni, alcune persone hanno evocato false prove – come impronte, fotografie o oggetti galleggianti fasulli – per ingannare gli altri e “provare” l’esistenza del mostro.

La più nota di queste è una fotografia del 1934 di quella che sembra essere una creatura con un collo lungo e una testa piccola.

L’immagine nella foto sembra un plesiosauro, un dinosauro marino dal collo lungo e da tempo estinto che ricorda le descrizioni di Nessie.

La fotografia fasulla era in realtà una rozza figura modellata di un plesiosauro che galleggiava sopra un sottomarino giocattolo.

Eppure molte persone credevano – e credono ancora – che la foto fosse reale.

Perché Nessie non è reale

Ecco quattro motivi per cui il mostro di Loch Ness, come una mummia ambulante o un lupo mannaro ululante, è una creatura immaginaria. Innanzitutto, un grosso animale che respira aria dovrebbe emergere frequentemente. Ciò significa che molte più persone l’avrebbero visto.

In secondo luogo, molte persone hanno cercato Nessie, con sommozzatori e sonar, senza successo. Uno studio del 2019 sui campioni di DNA raccolti dal lago non ha suggerito la presenza di un dinosauro o di un grande rettile.

In terzo luogo, lo specchio d’acqua di Loch Ness esiste da soli 10.000 anni, dalla fine dell’ultimo periodo glaciale sulla Terra. Ma i dinosauri si sono estinti 65 milioni di anni fa. Quindi un dinosauro preistorico non avrebbe mai potuto vivere nel lago.

Infine, e forse la cosa più critica: affinché il mostro di Loch Ness esista e persista nel tempo, una popolazione di questi animali deve riprodursi. I singoli animali vivono solo per la loro vita, e non per centinaia di anni, come suggerisce la leggenda.

La scienza trova le risposte

Gli scienziati di solito possono dimostrare che qualcosa esiste, sia che si tratti di una pianta o di un pianeta. Spesso è molto difficile dimostrare che qualcosa – come un mostro in un lago – non esiste.

Ed è comprensibile che molte persone siano incuriosite dal mostro di Loch Ness. Le credenze fantastiche e la creazione di miti sembrano far parte del modo in cui gli esseri umani amano pensare.

Ma usando la logica, la sperimentazione e la ricerca, gli scienziati possono esplorare i misteri del mondo e trovare risposte.

E ci sono prove scientifiche più che sufficienti per dimostrare che il mostro di Loch Ness vive solo come una creatura della nostra immaginazione.

Autore

Michael A. LittleBinghamton University, State University di New York