volo aereo
  • Categoria dell'articolo:Curiosità
  • Ultima modifica dell'articolo:20 Settembre 2022

Conosciamo tutti la routine a memoria: “Assicurati che i sedili siano in posizione verticale, i tavolini riposti, le tende dei finestrini alzate, i laptop siano riposti nelle cappelliere e i dispositivi elettronici siano impostati in modalità aereo“.

Ora, i primi quattro sono ragionevoli, giusto? Le tende delle finestre devono essere alzate in modo da poter vedere se c’è un’emergenza, come un incendio. I tavoli con vassoio devono essere riposti e seduti in posizione verticale in modo da poter uscire rapidamente dalla fila. I laptop possono diventare proiettili in caso di emergenza, poiché le tasche posteriori dei sedili non sono abbastanza resistenti per contenerli.

E i telefoni cellulari devono essere impostati in modalità aereo in modo che non possano causare un’emergenza per l’aereo, giusto? Beh, dipende a chi chiedi.

La tecnologia è molto avanzata

La navigazione e la comunicazione aerea si basano sui servizi radio, che sono stati coordinati per ridurre al minimo le interferenze dagli anni ’20.

La tecnologia digitale attualmente in uso è molto più avanzata di alcune delle vecchie tecnologie analogiche che abbiamo utilizzato anche 60 anni fa. La ricerca ha dimostrato che i dispositivi elettronici personali possono emettere un segnale all’interno della stessa banda di frequenza dei sistemi di comunicazione e navigazione dell’aeromobile, creando quella che è nota come interferenza elettromagnetica.

Ma nel 1992, la Federal Aviation Authority e la Boeing, in uno studio indipendente, hanno studiato l’uso di dispositivi elettronici sull’interferenza degli aerei e non hanno riscontrato problemi con computer o altri dispositivi elettronici personali durante le fasi non critiche del volo. (I decolli e gli atterraggi sono considerati le fasi critiche.)

La Commissione federale per le comunicazioni degli Stati Uniti ha anche iniziato a creare larghezze di banda di frequenza riservate per usi diversi, come telefoni cellulari e navigazione e comunicazioni degli aerei, in modo che non interferissero l’una con l’altra. I governi di tutto il mondo hanno sviluppato le stesse strategie e politiche per prevenire problemi di interferenza con l’aviazione. Nell’UE, i dispositivi elettronici possono rimanere accesi dal 2014.

2,2 miliardi di passeggeri

Perché allora, con questi standard globali in atto, l’industria aeronautica ha continuato a vietare l’uso dei telefoni cellulari? Uno dei problemi risiede in qualcosa che potresti non aspettarti: l’interferenza del suolo.

Le reti wireless sono collegate da una serie di torri; le reti potrebbero sovraccaricarsi se i passeggeri che volano su queste reti di terra utilizzano tutti i loro telefoni. Il numero di passeggeri che hanno volato nel 2021 è stato di oltre 2,2 miliardi, la metà del numero di passeggeri del 2019. Le società wireless potrebbero avere ragione qui.

Naturalmente, quando si tratta di reti mobili, il più grande cambiamento degli ultimi anni è il passaggio a un nuovo standard. Le attuali reti wireless 5G, desiderabili per il loro trasferimento di dati a velocità più elevata, hanno causato preoccupazione a molti nel settore dell’aviazione.

La larghezza di banda in radiofrequenza è limitata, ma stiamo ancora cercando di aggiungere altri nuovi dispositivi. L’industria aeronautica sottolinea che lo spettro della larghezza di banda della rete wireless 5G è notevolmente vicino allo spettro della larghezza di banda riservata dell’aviazione, il che potrebbe causare interferenze con i sistemi di navigazione vicino agli aeroporti che aiutano con l’atterraggio dell’aereo.

Gli operatori aeroportuali in Australia e negli Stati Uniti hanno espresso preoccupazioni per la sicurezza aerea legate al lancio del 5G, tuttavia sembra che sia stato lanciato senza tali problemi nell’Unione Europea. In ogni caso, è prudente limitare l’uso del telefono cellulare sugli aerei mentre vengono risolti i problemi relativi al 5G.

In definitiva, non possiamo dimenticare la rabbia aerea

La maggior parte delle compagnie aeree ora fornisce ai clienti servizi Wi-Fi a pagamento o gratuiti. Con le nuove tecnologie Wi-Fi, i passeggeri potrebbero teoricamente utilizzare i loro telefoni cellulari per effettuare videochiamate con amici o clienti in volo.

Su un volo recente, ho parlato con un’assistente di cabina e le ho chiesto un parere sull’uso del telefono durante i voli. Sarebbe un inconveniente per l’equipaggio di cabina aspettare che i passeggeri finiscano la chiamata per chiedere loro se desiderano qualcosa da bere o da mangiare, ha affermato. Su un aereo di linea con oltre 200 passeggeri, il completamento del servizio in volo richiederebbe più tempo se tutti effettuassero telefonate.

Per me, il problema con l’uso in volo dei telefoni riguarda più l’esperienza sociale di avere più di 200 persone su un aereo e tutte potenzialmente parlare contemporaneamente. In un momento in cui il comportamento dirompente dei passeggeri, inclusa la “rabbia aerea”, è sempre più frequente, l’uso del telefono in volo potrebbe essere un altro fattore scatenante che cambia l’intera esperienza di volo.

I comportamenti di disturbo assumono varie forme, dalla non conformità ai requisiti di sicurezza come il non indossare le cinture di sicurezza, gli alterchi verbali con gli altri passeggeri e il personale di cabina, agli alterchi fisici con i passeggeri e il personale di cabina, tipicamente identificati come rabbia aerea.

In conclusione, l’uso in volo dei telefoni attualmente non pregiudica la capacità di operare dell’aeromobile. Ma gli equipaggi di cabina potrebbero preferire non essere ritardati nel fornire il servizio in volo a tutti i passeggeri: ci sono molte persone da servire.

Tuttavia, la tecnologia 5G sta invadendo la larghezza di banda radio dei sistemi di navigazione degli aerei; avremo bisogno di ulteriori ricerche per rispondere alla domanda 5G sull’interferenza con la navigazione degli aerei durante gli atterraggi. Ricorda che quando discutiamo delle due fasi più critiche del volo, i decolli sono facoltativi, ma gli atterraggi sono obbligatori.

Autore

Doug Drury, CQUniversity Australia