vita nel metaverso
  • Categoria dell'articolo:Economia
  • Ultima modifica dell'articolo:18 Settembre 2022

Il metaverso è il nuovo concetto che probabilmente guiderà il prossimo processo evolutivo della società digitale. È un termine di nascita “anni Novanta”, ripreso nel romanzo di fantascienza Snow crash (1992) di Neal Stephenson. Combina le parole meta (oltre) e universo; è quindi l’acronimo di “oltre l’universo“.

Un altro romanzo e anche un film cult che include questo concetto è Ready Player One (2011) di Ernest Cline. Ed è doveroso citare il social network Second Life, lanciato nel 2003, che permetteva l’interazione tra avatar che potevano anche effettuare transazioni economiche. Ed ecco cosa sono i metaversi: spazi digitali in cui le persone interagiscono attraverso i loro avatar virtuali.

Senza dubbio, il metaverso è una parola ideale per la sua convenienza fonetica e la sua importanza. Certamente, il metaverso consente agli esseri umani di superare i limiti fisici e temporali dell’universo reale, di entrare in nuovi e infiniti universi, apparentemente reali o fittizi come desiderano creare.

Lo sviluppo del metaverso

Se a trent’anni dalla sua origine semantica, il metaverso è diventato virale, lo si deve all’annuncio del cambio di nome dell’azienda Facebook, per diventare Meta (28 ottobre 2021).

Ma i metaversi sono con noi da anni, come il popolare videogioco Grand Theft Auto. I più esperti conoscevano bene i metaversi come Decentraland, Sandbox o Cryptovoxels, tutti decentralizzati basati su blockchain, mentre altri come Earth, o quello che lancerà Meta, sono classificati come metaversi centralizzati. I creatori di questi ultimi detengono la sovranità assoluta, cosa che non avviene nel primo, la cui sovranità è concessa attraverso la proprietà acquisita, con un’economia virtuale autonoma e un regime di governance basato su una DAO (Organizzazione Autonoma Decentralizzata).

Il ritardo tra la creazione di un concept e il suo sviluppo è comune e, in questo caso, irrimediabile, poiché ora è disponibile la tecnologia che ne consente la piena configurazione e la precisa fruibilità. I dispositivi di realtà virtuale scendono nei loro prezzi a livelli relativamente abbordabili e saranno ulteriormente ridotti nei prossimi anni, con caratteristiche e accessori ancora inimmaginabili.

Inoltre, ed è questo ciò che è rilevante, negli ultimi anni si è verificata una sorta di convergenza tecnologica e di coniugazione delle circostanze sociali che ha consentito di accelerare il processo e di percepire i metaversi come un’opzione ad alto potenziale sociale ed economico penetrazione, con un potenziale ancora molto difficile da calibrare.

Lo sviluppo e il cambio di paradigma determinato dalla visione decentralizzata della tecnologia blockchain, insieme alla divulgazione di criptovalute o valute virtuali, così come altre recenti innovazioni in questo campo, come gli NFT Non Fungible Tokens ) si sono alleati con la tecnologia di alimentazione del cloud computing, dell’intelligenza artificiale, del salto nella connettività (5G e presto 6G), della sensorizzazione e dell’internet delle cose per creare esperienze immersive impareggiabili. A questo hanno contribuito anche i progressi della realtà virtuale, l’arte del design digitale e l’infinito genio creativo dell’essere umano, che ora trova nuovi canali di espressione artistica e innovativa innuovi mondi che possono essere -e sui quali può essere-creato .

Per la prima volta gli esseri umani possono ricreare digitalmente il loro mondo reale o creare nuovi mondi virtuali o semivirtuali (aumentati) sui quali possono, a loro volta, creare arte, moda, nuovi modi di relazionarsi e nuove esperienze tanto intense quanto la tecnologia può alzare nei prossimi anni.

La permeabilità sociale a questa nuova esperienza sensoriale è ora maggiore. La pandemia, con la sua trasformazione digitale forzata e improvvisa, ha reso popolare e interiorizzato la vita sociale e professionale attraverso gli schermi attraverso la videoconferenza. In questo modo ha svelato la naturalezza degli incontri non faccia a faccia, del telelavoro di massa e la possibilità di fare un passo avanti per relazionarsi nel cyberspazio attraverso nuove esperienze, che il metaverso renderà ora tridimensionali e sensorizzabili.

Il metaverso è la nuova fase evolutiva della navigazione in internet. È un salto dalla bidimensionalità dei siti web racchiusi in schermi quadrati verso la tridimensionalità sferica dello spaziale e verso la quadridimensionalità dei sensi (presto tatto e, forse, dopo, anche gusto e olfatto). A quel punto, sarà difficile discernere tra “realtà reale” e “realtà virtuale” e metteremo in discussione i fatti con espressioni come è davvero reale?

Internet activa e interactiva

È l’evoluzione da Internet passivo e consultazione a Internet attivo e interattivo. È, in un certo senso, una nuova avventura esplorativa per l’umanità che arriva cinque secoli dopo la cosiddetta Age of Discovery; sebbene approfondire i metaversi in questa fase iniziale equivalga umilmente a “esplorare le loro coste”. Si stima che la sua esplorazione interiore durerà per i prossimi dieci anni, dal momento che sta calpestando la terra incognita. Tuttavia, ci consente già di immaginare come sarà la “metasocietà” che abiterà e coesisterà in questi nuovi universi.

La vita sociale e lavorativa sarà una componente molto importante per molte persone, sicuramente milioni in pochi anni, come è successo con i social network nell’ultimo decennio. Protagonista sarà anche la “meta-economia”, che raccoglierà tutte le transazioni e operazioni di consumo e investimento che si possono immaginare, ancor più che nell’universo reale, dalla tokenizzazione e creazione di asset digitali di ogni tipo (artistico opere, musica, moda, design, immobili e mobili) e le sue molteplici manifestazioni digitali lo renderanno possibile.

Tutto questo sembra affascinante. È la prima volta che l’essere umano sembra agire come il grande creatore, creando nuovi mondi abitati da avatar che rappresentano le persone, configurandone la morfologia e le opzioni di vita. Ma, necessariamente, essere costretti ad assumersi la responsabilità dello sviluppo della loro creazione, necessitano di codici di condotta o di regolamentazione.

Forse è opportuna un’autoregolamentazione statutaria, sebbene non sia sempre plausibile nel caso di metaversi decentralizzati e aperti; cioè è discutibile se è quello imposto dai “creatori” dei metaversi centralizzati.

Creare mondi comporta responsabilità. A maggior ragione quando queste non sono governate da leggi universali con le quali abbiamo convissuto sin dalla nostra creazione, come l’implacabile legge di gravità e altre leggi della fisica che hanno plasmato le nostre creazioni. O come la verità più certa di tutte: la morte. Muore anche nel metaverso?Riusciranno gli avatar a sopravvivere assumendo la personalità catturata digitalmente dall’intelligenza artificiale?

La società digitale

La gamma discutibile cresce. Ci sono molte sfaccettature morali, filosofiche o religiose che entreranno nel dibattito e nella controversia sui metaversi, ma lo saranno anche quelle più quotidiane, come le relazioni sociali, le interazioni economiche o le questioni legali.

Probabilmente, i crimini commessi nel metaverso possono essere processati nell’universo reale, come nel caso di quelli commessi su Internet. Ma le prove virtuali, la difficoltà di “poliziare” il metaverso e la regolamentazione sempre in ritardo di fronte a una casistica inesauribile potrebbero non essere sufficienti per il suo corretto esercizio. Sarà fondamentale prevenire o avere la capacità di agire contro qualsiasi trasgressione del “diritto naturale” esportato nel virtuale sul comportamento degli avatar e, quindi, dei loro rappresentanti, gli esseri umani da cui sono proiettati.

L’ “avatarizzazione della società” richiede formazione e istruzione alla cautela per la cittadinanza virtuale. Soprattutto per i più vulnerabili e per coloro che si immergono così intensamente nei metaversi da dimenticare la loro natura terrena, o per coloro che lo negano per arrendersi a un mondo virtuale in cui possono essere e sembrare un’altra persona, degenerando in cittadini metaversiani ignari e disinteressati a ciò che accade al di fuori del loro nuovo universo. È il rischio latente di vivere in spazi di comfort virtuale per l’evasione della realtà reale, che potrebbe ben essere utilizzata per altri lodevoli scopi come le terapie di reintegrazione (terapie metavertiche) o, nel suo lato più oscuro, come spazi di indottrinamento, di disinformazione o isolamento.

La metaeconomía

Se il sociale si rivela complesso e imprevedibile, oltre che affascinante e controverso, non è da meno l’aspetto dei sistemi economici dei metaversi. La metaeconomia può essere la nuova tappa dell’evoluzione economica che si aggiunge alla precedente e successiva economia agraria ed economia industriale, oppure alla classica dualità tra economia reale ed economia finanziaria, integrata da anni dall’economia digitale.

Sono già state effettuate transazioni sorprendenti che vengono superate giorno dopo giorno, come l’avatar o la persona virtuale che ha acquistato uno yacht digitale per $ 650.000 nel metaverso Sandbox, o la società Republic Realm che investe in immobili virtuali e ha acquistato un terreno nel Sandbox per 4,3 milioni di dollari (possiede già circa 2.500 appezzamenti di terreno in venti metaversi).

A Decentraland è stato venduto per 2,4 milioni di dollari una “sede virtuale” di 560 metri quadrati nella sua criptovaluta Mana, situata nell’esclusiva via virtuale di Fashion Street, per ospitare sfilate con aziende del settore. Infatti, Burberry, Gucci, Louis Vuitton, Adidas e Nike (che Nikeland ha sviluppato) operano già in questi ambienti virtuali. La nota applicazione di videoconferenza Teams di Microsoft, ampiamente utilizzata sia nel mondo professionale che in quello educativo, ci consentirà presto di operare anche nel metaverso con Mesh.

Shopping, eventi, affari, tutto può essere fatto nel metaverso. Ci sono concerti di cantanti famosi a Fortnite o Decentraland; Disney, Discovery Channel, Fox, Netflix, The New York Times e alcune entità finanziarie stanno già preparando il loro salto nel metaverso. La pubblicità sarà migrata, in pochi anni, dai cartelloni pubblicitari ai media digitali e, ora, ai metaversi.

L’evoluzione socio-tecnologica è sorprendente se la confrontiamo con i decenni passati. Ora, sebbene consideriamo invano che il digitale sia attualmente molto avanzato, ci troviamo davvero nell’età della pietra di ciò che verrà, di pari passo con l’intelligenza artificiale o il calcolo quantistico. Siamo davvero in una prima fase di transizione digitale fuori passo tra i settori sociali o di business. Siamo ancora agli albori di un’economia digitale-virtuale, direi, nata nel 2020 sotto l’imperativo della pandemia.

Il concetto ancora recente di cittadinanza digitale potrebbe dover andare avanti per distinguere tra persone fisiche, persone giuridiche e, ora, anche persone virtuali.

Dall’economia digitale all’economia virtuale

Dall’economia digitale si passerà progressivamente all’economia virtuale, potenziata da tracce di decentramento ed evasione del mondo reale che mettono a freno la concettualizzazione e il riconoscimento degli Stati come amministratori della società, dopo secoli di prevalenza e, anche, di crescita sospetto da parte di una cittadinanza con eccesso di informazione e disinformazione e molto vulnerabile e manipolabile.

In un certo senso, è possibile che i metaversi raccolgano l’insoddisfazione di molti cittadini per il futuro della politica, la frustrazione dovuta alla loro impotenza a chiedere che le cose cambino o la ricerca di nuovi mondi con meno o più lassisti vincoli che facciano spazio per modelli di relazioni economiche che sarebbero vietati o perseguitati o, semplicemente, regolati da norme obsolete che limitano l’innovazione e l’ingegno creativo; sebbene ciò porti molti rischi e la mancanza di protezione degli utenti.

Le pubbliche amministrazioni devono affrontare una sfida enorme. Si è già visto come la disruption tecnologica con impatto sui modelli di business o in aree ben note come il settore Fintech e il settore criptoattivo stia provocando un forte shock e la necessità per un’amministrazione di fare i conti con una visione totalmente basata su i modelli, fattori socioeconomici classici e travolti dalla velocità e dall’intensità dei cambiamenti.

Potrebbero essere le aziende e gli sviluppatori dei metaversi a togliere progressivamente il potere ai governi, come nel caso delle valute virtuali decentralizzate non legate al riconoscimento ufficiale, un fatto già inarrestabile che sta cercando di incanalare. Potrebbe essere la fuga dallo spazio terrestre limitato, controllato, regolato e garante verso un nuovo spazio inesplorato che deve essere costruito e che offre anche miraggi e falso El Dorado.

Lo scenario è molto simile a quello percepito da quegli esploratori europei che, solo cinque secoli fa, entrarono in continenti sconosciuti, alcuni con più successo di altri. Quindi, probabilmente, l’insediamento dei metaversi ha una prima fase di conquista, poco presidiata, con regole importate dal Vecchio Mondo che dovrà adeguarsi al nuovo, con conflitti e ampie scappatoie legali, data la difficoltà per la persecuzione di attività criminali nell’odierno mondo digitale di Internet.

Molto probabilmente l’economia dei metaversi è fiorente e con un’elevata componente speculativa. Nei prossimi anni, infatti, la sua evoluzione si muoverà tra boom e bolla, dando così lezioni di realtà virtuale anche alla “realtà reale”. Ciò porterà a critiche, un avvertimento tardivo e alla conferma di precedenti giustificazioni, e persino a visioni minacciose della sua estinzione o alla richiesta di un divieto da parte di alcuni.

La stessa cosa è successa con la bolla di Internet nel 2001. Ma Internet non è scomparsa, forse è stata razionalizzata e ha perso parte della sua esuberanza irrazionale, per continuare a svilupparsi e, probabilmente, la stessa cosa sta accadendo con le criptovalute, ora così popolari.

Sistemi monetari

Lo sviluppo dei sistemi monetari nei metaversi sarà un elemento chiave nella sua configurazione. Le transazioni saranno quasi sicuramente effettuate tramite risorse crittografiche e gli avatar consumeranno, investiranno e finanzieranno se stessi per la propria immagine virtuale o per profitto.

La maturità dei metaversi renderà possibile il funzionamento di sistemi monetari paragonabili a quelli che conosciamo nel mondo reale; e la ricerca della convertibilità delle valute virtuali al corso legale nel mondo reale non sarà così necessaria. In un doppio mondo reale-virtuale, sarà comune avere saldi bancari o investimenti finanziari in denaro fiat o reale e, allo stesso tempo, allocheremo risorse finanziarie per l’acquisizione di valute virtuali ammesse nei metaversi. Compreremo terreni, case, veicoli e vestiti nel metaverso, pagheremo per indossare avatar migliorati con abiti di lusso o esclusivi e manterremo saldi virtuali-finanziari in quell’ambiente per transazioni future.

Economicamente ci sarà un progressivo trasferimento di risorse finanziarie dal mondo reale ai nuovi mondi virtuali. Coloro che guadagnano denaro e vendono beni o servizi nel metaverso probabilmente consumeranno anche il reddito ottenuto al suo interno, o compreranno cose nello stesso o in altri metaversi, senza tornare al mondo reale e senza ossessionare la convertibilità della loro valuta virtuale. Ciò potrebbe causare una progressiva decapitalizzazione del mondo reale, come sta già accadendo con l’afflusso di fondi verso asset crittografici, prosciugando giorno dopo giorno gli investimenti in asset reali o titoli di società.

Se un avatar di una persona investe l’equivalente di 10.000 euro nel suo nuovo pacco digitale, non lo farà in terreni reali o in azioni aziendali. Tale importo sarà un reddito per un altro avatar che consumerà anche all’interno del metaverso. Se il metaverso offre opzioni di investimento e consumo, le risorse finanziarie del mondo reale che sono entrate rimarranno nel mondo virtuale; in un certo senso un’evasione dei capitali verso altri confini, generando ricchezza ovunque arrivino.

Già da un’altra prospettiva, uno dei rischi dei metaversi potrebbe essere il pregiudizio dei suoi abitanti verso mondi artificialmente utopici. Ciò porterebbe a una visione parziale e accomodante che può portare al distacco dalla realtà e rifiutare le distopie, con un effetto simile a quello che avrebbe il mondo del cinema o della letteratura se evitassero le opere drammatiche, che sappiamo essere necessarie per aiutare a capire il mondo ed entrare in empatia con ogni circostanza dell’essere umano.

Nella scala temporale dell’evoluzione dell’umanità, millenni fa l’essere umano viveva male nelle caverne e maneggiava strumenti rozzi. Solo 500 anni fa circumnavigò per la prima volta il pianeta in quell’epica impresa di Magellano ed Elcano e raggiunse le sponde di nuove terre, confermando la sfericità della Terra e abbandonando la visione della terra piatta, come ora il “pantallista”.

Solo trent’anni fa i primi personal computer entrarono nelle case. Oggi stiamo già creando i nostri universi virtuali. Questo ci porterà a chiederci se il superamento di questa nuova frontiera dello spazio digitale possa provocare un cambiamento sociale, come avatar sovraesposti a social network immersivi che vanno ben oltre una fotografia e un profilo.

Ancora una volta, l’umanità attraversa una nuova frontiera nella sua esplorazione dell’universo, creandone ora una propria.

Autore

Ricardo Palomo Lefty, CEU Università San Pablo