identità di genere
  • Categoria dell'articolo:Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:23 Settembre 2022

Perché siamo consapevoli di essere uomini, donne o un’altra variante? Perché quell’identità è coerente con i genitali nella stragrande maggioranza dei casi? Fino a poco tempo fa sembrava tutto scontato: come in natura ci sono maschi e femmine, nella nostra specie ci sono uomini e donne.

È sempre così? Il binomio maschio-femmina può essere trasferito all’uomo-donna? Sembra che no, ci sono individui la cui coscienza di essere uomo o donna non corrisponde ai loro genitali. Si tratta di persone transgender che, rispetto a questo fatto, differiscono dalla stragrande maggioranza che compone persone congruenti o cisgender.

L’identità trans ha il suo correlato in caratteristiche specifiche della struttura e della funzione del cervello? C’è una base psicobiologica? Secondo la nostra ricerca, sì.

Sulle tracce dei topi

Quando abbiamo studiato le differenze di sesso nel sistema olfattivo dei roditori e il comportamento riproduttivo negli anni ’80, non immaginavamo che ciò ci avrebbe portato a indagare sull’identità di genere.

Tutto è iniziato con il lavoro del neurobiologo olandese Dick Swaab dell’Istituto olandese di neuroscienze. Swaab ha confrontato il volume di varie regioni dell’area preottica e dell’ipotalamo nel cervello di uomini e donne cisgender deceduti e donne transgender e ha scoperto che il volume del nucleo in un’area chiamata stria terminalis era femminilizzato nelle donne trans.

Swaab ha basato il suo studio su precedenti scoperte del nostro gruppo: hanno dimostrato che, nei ratti, questo nucleo è sessualmente dimorfico (differisce anatomicamente a seconda del sesso) e partecipa al comportamento sessuale. È stato anche descritto come contenente recettori per gli ormoni sessuali. Tutto ciò che riguarda il sesso e il genere è meglio compreso dal punto di vista della differenziazione sessuale del cervello.

Oggi le tecniche di neuroimaging consentono di studiare in vivo la struttura anatomica e funzionale del cervello di persone cis e transgender. Inizialmente, l’interesse si è concentrato sull’ipotalamo e i ricercatori hanno scoperto che la sua risposta agli odori correlati ai feromoni maschili è simile nelle donne cis e trans. Questi risultati hanno supportato la femminilizzazione del cervello negli ultimi anni, poiché Swaab era già avanzato.

Differenze nella corteccia cerebrale

L’ipotalamo è una regione che controlla le risposte autonome e neuroormonali, ma l’identità di genere è un tratto comportamentale che richiede interazioni tra la percezione del corpo e gli stimoli e i modelli sociali. Questo fatto ci ha spinto a concentrare i nostri studi sulla corteccia cerebrale, che è dove viene gestito questo complesso processo.

La corteccia delle donne cis e trans e degli uomini trans è nota per essere più spessa di quella degli uomini cisgender. È interessante notare che, sebbene le donne cis e gli uomini e le donne trans non differissero per lo spessore complessivo di quella parte del cervello, ciascuno dei tre gruppi differiva dagli uomini cis per lo spessore delle diverse regioni. Di conseguenza, abbiamo proposto l’esistenza di quattro fenotipi o modalità corticali associate a identità di genere binarie.

La corteccia, per tutta la vita, subisce un processo di assottigliamento che dipende dalla funzionalità dei recettori per gli androgeni, proteine ​​a cui si legano gli ormoni sessuali per legarsi al DNA ed esercitare il loro effetto. Inoltre, dopo aver esaminato un’ampia popolazione di persone cis e transgender, abbiamo osservato l’esistenza di variazioni genetiche per i recettori degli androgeni, degli estrogeni e dell’aromatasi associati agli individui trans. Questi risultati suggeriscono che la corteccia si sviluppa in modo diverso a seconda degli ormoni.

Collegamenti sotto la lente d’ingrandimento

Quando ci avviciniamo alla connettività della corteccia, osserviamo anche differenze tra le quattro identità rispetto alla microstruttura dei fascicoli cerebrali o ai percorsi di collegamento coinvolti nella cognizione e nelle emozioni. Oltre a differire tra uomini e donne cis, alcuni di questi fascicoli sono mascolinizzati e defemminizzati negli uomini transgender e femminilizzati e demascolinizzati nelle donne trans.

Gli studi strutturali e il ruolo dei recettori degli androgeni e degli estrogeni nella differenziazione sessuale del cervello hanno costituito la cornice per offrire una teoria esplicativa che basi le varie identità su uno sviluppo differenziale della corteccia cerebrale.

Attraverso una tecnica chiamata connettività funzionale a riposo (rfMRI), siamo riusciti a visualizzare l’attività neuronale in base al grado di ossigenazione dell’emoglobina nelle diverse regioni del cervello. Con i segnali ottenuti si definiscono reti di comunicazione complesse, che ci permettono di scoprire come comunicano diverse aree cerebrali e come vengono gestite le informazioni. Cioè, come funziona l’organo pensante.

Ci sono differenze di genere anche in queste reti neurali? I lavori del gruppo della neuroscienziata Ivanka Savic puntano alle connessioni fronto-parietali legate alla percezione del corpo. In particolare, la connettività è più debole negli uomini trans.

Per costruire l’immagine del corpo, base dell’identità, non basta rappresentarne le parti nelle regioni sensoriali della corteccia (somato-percezione): occorre anche una complessa ricostruzione che includa emozioni e atteggiamenti verso il proprio corpo ( somato-percezione). – rappresentazione).

Il sé non è neutrale, ha il genere

La nostra strategia consisteva nel non avanzare ipotesi e osservare se emergevano reti in cui i quattro fenotipi differivano. Pertanto, abbiamo osservato differenze nella forza delle connessioni legate all’identità di uomini e donne cis e trans e nell’interrelazione delle cosiddette reti di attenzione, reti neurali di default, fronto-parietali e sensomotorie.

In questa relazione, la rete dell’attenzione sembra svolgere una funzione on/off rispetto alle altre, un dato che ha aggiunto complessità alle reti. Il fatto che questa architettura fosse legata alle diverse identità di genere ci ha portato a proporre che il sé non è neutrale, ma ha un genere: è un sé di genere.

Gli studi frMRI forniscono un quadro delle connessioni, ma queste cambiano continuamente in risposta a stimoli interni ed esterni. Il filmato della connettività, di come cambia nel tempo, è fornito dalla risonanza magnetica dinamica. Con questa tecnica abbiamo descritto diversi modelli di connettività associati a diverse identità di genere. Vengono anche identificati quattro fenotipi cerebrali quando si studia come l’attività neurale si diffonde in tutto il cervello e come tale diffusione varia nel tempo.

Il fatto che i quattro fenotipi siano osservati sia a livello di struttura e di funzione cerebrale, sia l’associazione di variazioni genetiche nei recettori per gli ormoni legati alla differenziazione sessuale, suggerisce che questo prepara il cervello ad adattarsi a modelli sociali maschili o femminili, indipendentemente dai genitali.

Autore

Antonio Guillamon, UNED – Università Nazionale di Formazione a Distanza